Rajasthan - Costretti a lavorare per 15 ore al giorno, braccianti liberati dopo 7 anni

 

Rajasthan - Costretti a lavorare per 15 ore al giorno, braccianti liberati dopo 7 anni

Mumbai: quasi 25 lavoratori, compresi i bambini, che hanno lavorato 15 ore al giorno per sette anni, sono stati salvati nel fine settimana a Baran nel Rajasthan, in un raro giro di vite nelle fattorie dove il lavoro forzato è dilagante.


Gli attivisti hanno detto che i lavoratori provenivano da una tribù del Madhya Pradesh e avevano ricevuto prestiti che andavano da 500 a 20.000 rupie prima di essere portati nel Rajasthan a lavorare nei campi.


"Queste persone sono state trafficate dal loro stato d'origine con l'esca di un buon lavoro ma sono state tenute legate ai campi. Credevano di ripagare i prestiti", ha detto Nirmal Gorana, convocatore del Comitato della campagna nazionale per l'eliminazione del lavoro vincolato, che ha preso parte al salvataggio.


I lavoratori salvati hanno detto che mentre loro lavoravano nei campi, i loro figli lavoravano a casa del datore di lavoro senza soldi.


"I datori di lavoro non davano loro salari, ma solo pacchetti di grano. Anche questo era per assicurarsi che rimanessero vivi per continuare a lavorare nei loro campi", ha detto il signor Gorana alla Thomson Reuters Foundation.


Non ci sono cifre nazionali sul numero di persone in schiavitù in India, ma il Ministero del Lavoro e dell'Occupazione ha recentemente annunciato piani per identificare, salvare e aiutare oltre 18 milioni di lavoratori vincolati entro il 2030.


In India, gli abitanti dei villaggi sono spesso attirati dai trafficanti con la promessa di un buon lavoro e di un anticipo, solo per ritrovarsi costretti a faticare nei campi o nelle fornaci di mattoni, schiavizzati nei bordelli o confinati come domestiche per pagare i debiti.


Altri lavorano in fondo a complesse catene di fornitura che producono gioielli, cosmetici e indumenti.


La maggior parte dei lavoratori salvati a Baran sono stati rimandati a casa, ha detto Gopal Lal, il magistrato sub-divisionale di Baran.


Ha detto che a 18 di loro sono stati dati dei certificati di rilascio che danno diritto a 300.000 rupie di compensazione nei loro stati di origine.


"Abbiamo anche lanciato un'indagine per cercare altri lavoratori", ha detto Lal.


Gli attivisti hanno detto che la maggior parte del lavoro vincolato in India è nelle terre agricole del paese, ma è spesso percepito come un lavoro regolare e l'azione del governo è rara.


"Il lavoro vincolato nei terreni agricoli non è visto come un crimine o un problema che può essere denunciato. È così dilagante che è stato accettato dalla società", ha detto Bharath Bhushan del Centre for Action Research and People's Development, un ente di beneficenza che lavora con i poveri delle campagne.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia