Attacchi di energia diretta potrebbero essersi verificati vicino alla casa bianca

 

Attacchi di energia diretta potrebbero essersi verificati vicino alla casa bianca

Una serie di attacchi invisibili, descritti come simili a quelli che avrebbero preso di mira i dipendenti del Dipartimento di Stato (DOS) a Cuba e in Cina a partire dalla fine del 2016, sono stati segnalati a Washington DC e altrove sul suolo americano, secondo fonti familiari con gli incidenti.


Uno degli attacchi si è verificato vicino alla Casa Bianca lo scorso novembre, secondo più fonti che hanno detto alla CNN che gli incidenti sono attualmente sotto inchiesta.


Uno degli incidenti, che si è verificato vicino al lato sud della Casa Bianca al President's Park South, noto anche come Ellipse, ha riferito che un funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale si è ammalato con sintomi simili a quelli descritti dal personale degli Stati Uniti durante incidenti separati nelle ambasciate degli Stati Uniti a partire dal 2016.


Un altro incidente, riportato per la prima volta da GQ l'anno scorso, si è verificato in un sobborgo della Virginia nel 2019, coinvolgendo uno staffer della Casa Bianca che stava portando a spasso il suo cane quando è stata colpita da un improvviso mal di testa, orecchie squillanti e una sensazione di formicolio sul lato sinistro del viso.


La notizia degli incidenti arriva pochi giorni dopo un briefing davanti al Comitato per il servizio armato della Camera da parte dei funzionari del Dipartimento della Difesa circa le crescenti preoccupazioni sulla vulnerabilità delle truppe statunitensi agli attacchi energetici diretti in Medio Oriente e in paesi come il Sud America.


Secondo politico.com, i funzionari del Dipartimento della Difesa che hanno fornito il briefing hanno indicato la Russia come la fonte sospetta degli attacchi. Tuttavia, la possibilità di un coinvolgimento cinese non è ancora stata esclusa, e nessun collegamento conclusivo a qualsiasi attore statale è stato ancora fatto.


Lo scorso dicembre, The Debrief ha riferito di nuove prove che l'uso di radiazioni a microonde dirette è stato probabilmente la causa degli incidenti che ora hanno colpito diversi membri del personale statunitense in vari luoghi del mondo. Nonostante l'apparente preoccupazione, la lenta risposta ufficiale alla questione, unita al persistente scetticismo nella comunità medica, ha portato a pochi progressi per quanto riguarda la fornitura di cure alle vittime americane dei presunti attacchi di energia diretta.


"Questa non è scienza, ma fantascienza", ha detto l'anno scorso a BuzzFeed il neurologo dell'UCLA Robert Baloh. Baloh è coautore del libro Havana Syndrome: Mass Psychogenic Illness and the Real Story Behind the Embassy Mystery and Hysteria, che cita una serie di esempi storici di episodi di isteria di massa e condizioni psicosomatiche che hanno qualche somiglianza con i sintomi descritti dal personale delle ambasciate sospettato di essere stato attaccato negli ultimi anni.


Il bioingegnere dell'Università della Pennsylvania Kenneth Foster ha anche detto a Skeptic l'anno scorso che la teoria delle armi a microonde "è solo una spiegazione totalmente incredibile per ciò che è successo a questi diplomatici", aggiungendo che era "semplicemente impossibile".


L'ex agente della CIA Marc Polymeropoulos probabilmente non sarebbe d'accordo. "C'è un sacco di incredibile disagio e disgusto con la leadership dell'Agenzia e l'Ufficio dei servizi medici su questo tema", ha detto Polymeropoulos a GQ nel 2020. Dopo la curiosa comparsa di mal di testa e altri sintomi che ha iniziato a sperimentare durante una visita a Mosca diversi anni fa, Polymeropoulos ora crede di essere stato anche il bersaglio di una qualche varietà di attacchi di energia diretta.


Secondo un Consensus Study Report delle National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine rilasciato alla fine dello scorso anno, i sintomi che includono vertigini, condizioni cognitive, e altri sintomi insoliti sono ritenuti il risultato dell'esposizione alle radiofrequenze pulsate. Secondo il rapporto 2020, "il comitato ha ritenuto che molti dei segni distintivi e acuti, sintomi e osservazioni riportati dai dipendenti del DOS sono coerenti con gli effetti dell'energia a radiofrequenza (RF) diretta e pulsata", notando che altri studi pubblicati negli ultimi decenni sembrano "fornire un sostegno circostanziale a questo possibile meccanismo".


Al momento della sua pubblicazione, i suoi autori erano "preoccupati per la possibilità di futuri nuovi casi tra il DOS o altri dipendenti del governo degli Stati Uniti che lavorano all'estero, simili o dissimili a questi, e la capacità del governo degli Stati Uniti di riconoscere e rispondere a questi casi in modo coordinato ed efficace."


Uno studio simile nel 2018 ha anche rilevato che tali incidenti "appaiono coerenti con impulsi [radiofrequenze e microonde] come fonte di lesioni nei diplomatici colpiti."


Se la Russia o qualche altra nazione si rivelasse responsabile degli attacchi, non sarebbe la prima volta che i funzionari statunitensi sospettano tale attività da parte di avversari stranieri. Un rapporto non classificato della Defense Intelligence Agency del marzo 1976 ha rilevato che la Russia e altri paesi sono stati "attivamente coinvolti nella valutazione del significato biologico delle onde radio e delle microonde", notando le preoccupazioni sulla possibilità che i militari di tali paesi potrebbero "operare senza restrizioni e quindi ottenere il vantaggio nelle tecniche di guerra elettronica e lo sviluppo di applicazioni antipersona".


Mentre le opinioni sulla fonte dietro i possibili attacchi di energia diretta - o anche se esistono - continuano ad essere discusse da molti professionisti medici, David A. Relman, presidente della commissione che ha indagato le malattie nel 2020, ha scritto l'anno scorso che è "imperativo che gli Stati Uniti riconoscano e rispondano rapidamente ai casi futuri con un'indagine ben coordinata, multidisciplinare, basata sulla scienza e interventi efficaci".


Relman e i suoi colleghi hanno dichiarato nel loro rapporto che rimangono "preoccupati su come gestire al meglio la cura continua di quelli già colpiti, e come rafforzare l'impegno della nazione per la salute e il benessere di coloro che servono il paese all'estero".


"Entrambe queste priorità hanno bisogno e meritano ulteriore attenzione e risorse", ha detto Relman.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia