ONU: Milioni di morti per Ondate di Caldo nei prossimi 10 anni

 

ONU: Milioni di morti per Ondate di Caldo nei prossimi 10 anni

Scritto da Andy Rowlands su climatechangedispatch


Abbiate paura. Una volta che la pandemia di coronavirus è fatta e trattata, un rapporto delle Nazioni Unite ha avvertito mercoledì che il calore bruciante e implacabile potrebbe gettare rifiuti su ampie fasce del pianeta, uccidendo milioni di persone che non hanno mezzi per sfuggire a un massiccio evento di cambiamento climatico.


La triste notizia sul clima è contenuta in una bozza di rapporto delle Nazioni Unite che prevede conseguenze terribili per miliardi di persone se "il riscaldamento globale continua incontrollato", aggiornando i modelli climatici precedenti che suggerivano che ci sarebbe voluto quasi un altro secolo di inquinamento da carbonio per generare ondate di calore che superano il limite assoluto della resistenza umana.



Ora si prevede che ondate di calore killer senza precedenti siano all'orizzonte, secondo uno studio di 4.000 pagine del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), visto da AFP prima della sua pubblicazione prevista per il febbraio 2022.


AFP riporta il lavoro del pannello consultivo di scienze climatiche dell'ONU che dipinge un quadro spaventoso - e mortale - per un pianeta che si riscalda, fornendo ancora un'altra serie di avvertimenti da aggiungere a quelli che sono andati prima.


All'inizio di quest'anno John Kerry, che il presidente Joe Biden ha nominato inviato speciale presidenziale degli Stati Uniti per il clima, ha detto in un'intervista con la BBC che restano solo nove anni per salvare il pianeta dalla distruzione, come ha riportato Breitbart News.


Se il mondo si riscalda di 1,5 gradi Celsius - 0,4 gradi sopra il livello odierno - il 14 per cento della popolazione sarà esposto a gravi ondate di calore almeno una volta ogni cinque anni, "un aumento significativo nella grandezza delle ondate di calore", dice il rapporto.


Salendo di mezzo grado si aggiungerebbero altri 1,7 miliardi di persone.


In definitiva, il calore elevato distruggerà più vite indirettamente piuttosto che raggiungendo livelli in cui il corpo semplicemente si spegne, suggerisce il rapporto IPCC.


Le temperature più alte diffonderanno i vettori di malattie, ridurranno la resa dei raccolti e i valori dei nutrienti, ridurranno la produttività del lavoro e renderanno il lavoro manuale all'aperto un'attività pericolosa per la vita, mentre le popolazioni affamate si moltiplicheranno in tutto il pianeta.


In tutto, si dice che la crisi climatica è reale e non deve essere ignorata, né ora né certamente nel prossimo futuro.


Nota del CCD Editore: L'articolo dell'AFP non indica su quale modello informatico si basa questo rapporto (probabilmente lo scenario peggiore e più improbabile) anche se ammette che il rapporto si basa su modelli informatici. Il fatto che l'IPCC abbia rilasciato una prima bozza quasi un anno prima della sua data ufficiale di pubblicazione, febbraio 2022, dimostra che questo sarà un enorme mucchio di miti, bugie e vere e proprie distorsioni.


Approfondimento da Principia Scientific International

PSI editor's note: Principia Scientific International non crede che l'anidride carbonica abbia alcun effetto misurabile sulla temperatura, anche perché tutti i grafici dei ghiacci mostrano che la temperatura cambia prima.


Inoltre, tutte le previsioni allarmistiche del calore futuro usano i risultati dei modelli informatici più estremi, noti come RCP8.5, che anche l'IPCC dice che è il meno probabile che accada. E questo presuppone che la CO2 guidi la temperatura, quando i dati delle carote di ghiaccio mostrano che non è così.


Abbiamo anche difficoltà ad equiparare le affermazioni di un riscaldamento sempre maggiore con le osservazioni del mondo reale, come è successo in Groenlandia tre volte quest'anno.


I lettori possono ricordare la grande quantità di neve caduta sulla Groenlandia tra l'8 e il 12 agosto dello scorso anno durante la stagione di fusione estiva, come si vede in questa immagine che ho salvato dall'Istituto Meteorologico Danese.


Bene, il 25 maggio di quest'anno, la Groenlandia ha visto un'altra improvvisa grande quantità di nuove nevicate, come si vede nell'immagine qui sotto dall'Istituto Meteorologico Danese. Arrivando proprio all'inizio della stagione di fusione estiva, questo è stato insolito.


Quello che è successo il giorno seguente, tuttavia, è stato totalmente senza precedenti, e letteralmente fuori dalle classifiche. Sono caduti almeno 12 miliardi di tonnellate di nuova neve. Guardando l'archivio delle registrazioni dell'Istituto Meteorologico Danese che risale al 1958, non si era mai visto niente del genere.


Poi il 24 e il 25 giugno, è successo di nuovo, come si vede qui sotto, andando ben oltre quello che ci si aspetterebbe per il periodo dell'anno.



Con questo in mente, è difficile vedere come le affermazioni di un riscaldamento sempre maggiore possano essere prese sul serio, ma ci si aspetta che le accettiamo senza fare domande.


Il fatto che l'IPCC abbia rilasciato una prima bozza del loro rapporto otto mesi prima della sua data ufficiale di rilascio, il prossimo febbraio, indica che sarà pieno di dati falsificati, distorsioni e probabilmente vere e proprie bugie.


Abbiate paura. Abbiate molta paura; degli indottrinati allarmisti del clima che diffondono la loro pericolosa propaganda del terrore. Questa è la più grande truffa mai perpetrata ai danni dell'umanità insieme al COVID19.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia