Biden chiede che Mercola sia bandito dai social media, viva la censura criminale

 

Biden chiede che Mercola sia bandito dai social media

STORIA IN SINTESI

  • In una conferenza stampa del 16 luglio 2021 alla Casa Bianca, l'addetto stampa Jen Psaki ha ammesso che l'amministrazione Biden sta violando il Primo Emendamento allertando le aziende di social media su post e account che ritiene stiano spacciando "disinformazione" sulle iniezioni COVID
  • Questo tipo di collusione azienda-governo per censurare la libertà di parola è illegale. Come ha notato il giudice della Corte Suprema Clarence Thomas, "Il governo non può realizzare attraverso minacce di azioni governative avverse ciò che la Costituzione gli proibisce di fare direttamente".
  • L'amministrazione Biden vuole che i "disinformatori" COVID siano rimossi da tutte le piattaforme di social media, non solo da una o due.
  • In quello stesso briefing per la stampa, Psaki ha anche fatto riferimento agli shottini COVID come "approvati", e avendo "passato attraverso il gold standard del processo di approvazione della FDA". Questo è palesemente falso. Tutte le iniezioni COVID attualmente disponibili sono autorizzate solo per uso di emergenza. Nessuna è approvata e nessuna ha finalizzato i suoi studi sulla sicurezza
  • L'appello dell'amministrazione Biden a censurare - attraverso i servizi pubblici e le aziende private - chiunque condivida informazioni sui rischi e la mancanza di benefici di queste iniezioni COVID deve essere respinto su basi etiche, legali e costituzionali

(Articolo ripubblicato da Articles.Mercola.com)


In un briefing del 16 luglio 2021 della Casa Bianca,1 l'addetta stampa Jen Psaki ha ammesso che l'amministrazione Biden sta violando il Primo Emendamento allertando le società di social media sui post e gli account che ritiene stiano spacciando "disinformazione" sulle iniezioni COVID. Quando un giornalista ha chiesto di spiegare come funziona questa segnalazione, Psaki ha detto:

"Beh, direi innanzitutto che non dovrebbe essere una sorpresa che siamo regolarmente in contatto con le piattaforme di social media - proprio come siamo regolarmente in contatto con tutti voi e con i vostri media - sulle aree in cui abbiamo preoccupazioni, informazioni che potrebbero essere utili, informazioni che possono o non possono essere interessanti per i vostri spettatori ...

Quindi ci assicuriamo regolarmente che le piattaforme di social media siano consapevoli delle ultime narrazioni pericolose per la salute pubblica che noi e molti altri americani vedono ... E lavoriamo per impegnarci con loro per capire meglio l'applicazione delle politiche delle piattaforme di social media.

Quindi lasciatemi fare un esempio, giusto per illustrarlo un po'. La falsa narrazione che rimane attiva là fuori sui vaccini COVID-19 che causano infertilità... che è stata smentita più e più volte.

Questo è preoccupante, ma una narrazione persistente che noi e molti hanno visto, e vogliamo sapere che le piattaforme di social media stanno prendendo provvedimenti per affrontarla. Questo è impreciso, informazioni false ... E questo è un esempio del tipo di informazioni che stiamo segnalando o sollevando ...

Quindi un paio di passi che ... potrebbero essere costruttivi per la salute pubblica del paese sono fornire per Facebook o altre piattaforme per misurare e condividere pubblicamente l'impatto della disinformazione sulla loro piattaforma e il pubblico che sta raggiungendo ... con tutti voi per creare strategie di applicazione robuste che collegano le loro proprietà e fornire trasparenza sulle regole.

Non dovresti essere bandito da una piattaforma e non da altre se - per aver fornito disinformazione là fuori".

Nella sua conferenza stampa del 15 luglio 2021,2 Psaki ha citato il rapporto "The Disinformation Dozen "3 del Center for Countering Digital Hate (CCDH), che sostiene che il 65% del contenuto anti-vaccino su Facebook e Twitter proviene da 12 individui, tra cui il sottoscritto.

Secondo Facebook, hanno rimosso 18 milioni di post con "disinformazione COVID", e hanno collegato più di 2 miliardi di utenti a "informazioni affidabili", cioè informazioni sancite dallo stato. L'amministrazione Biden non è soddisfatta di questi numeri già sbalorditivi e pensa che si debba fare di più. In particolare, come menzionato da Psaki, vogliono che la "dozzina di disinformazione" sia bandita da tutte le piattaforme di social media disponibili.

Psaki disinforma il pubblico sullo stato di approvazione dei vaccini

Nella stessa conferenza stampa del 16 luglio, Psaki ha anche fatto riferimento alle iniezioni di COVID come "approvate" e "passate attraverso il gold standard del processo di approvazione della FDA".4 Ha detto:

"Il pubblico ha il diritto di sapere ... E abbiamo a che fare con una questione di vita o di morte qui, e quindi tutti hanno un ruolo da svolgere per assicurarsi che ci siano informazioni accurate ... È chiaro che ci sono più [passi] che possono essere fatti ...

Sul pezzo del governo straniero ... il Global Engagement Center del Dipartimento di Stato ha scoperto che la Russia e la Cina hanno promosso i propri vaccini attraverso la messaggistica che mina i programmi di sviluppo dei vaccini di origine occidentale. Quindi, sapete, questo è più di una semplice competizione sui vaccini.

Il rischio e l'impatto è che questo tipo di informazione ingrandisce, sapete, il rischio di potenziali effetti collaterali associati ai vaccini occidentali. Questo è ciò che sono - ciò che le informazioni - alcune di queste disinformazioni stanno facendo - e ingannano il pubblico affermando falsamente che i vaccini mRNA sono non testati e, quindi, rischiosi, anche se molti di loro sono approvati e sono passati attraverso il gold standard del processo di approvazione della FDA".

Questo è palesemente falso. Tutte le iniezioni COVID attualmente disponibili sono autorizzate solo per uso di emergenza. Non sono autorizzate o approvate. Attualmente, l'autorizzazione per l'uso di emergenza si applica agli adulti e ai bambini a partire dai 12 anni.5 Questi due termini, "autorizzato per l'uso di emergenza" e "approvato per l'uso", non sono intercambiabili.

L'amministrazione Biden lancia un attacco illegale alla libertà di parola

Ci si chiede se l'ammissione che stanno segnalando i post e gli account che non gli piacciono in modo che le aziende di social media possano rimuoverli sia un tentativo di normalizzare la violazione illegale del governo. Sembra che sia così.

Ma cerchiamo di essere chiari. Questo tipo di collusione azienda-governo per censurare la libertà di parola viola la Costituzione degli Stati Uniti ed è illegale. Come notato dal giudice della Corte Suprema Clarence Thomas in una sentenza del 5 aprile 20216 in cui si è espresso sulla capacità dei giganti dei social media di controllare la libertà di parola:

"Il governo non può realizzare attraverso le minacce di azioni governative avverse ciò che la Costituzione gli proibisce di fare direttamente ... Secondo questa dottrina, i querelanti potrebbero avere reclami colorabili contro una piattaforma digitale se questa intraprendesse azioni avverse contro di loro in risposta alle minacce del governo".

Anche se l'amministrazione Biden non sta minacciando le aziende di social media con azioni avverse se si rifiutano di censurare per capriccio del governo, il governo non può usare aziende private per fare qualcosa per suo conto che non è legalmente autorizzato a fare da solo.

Detto in altro modo, è illegale per i funzionari governativi fare pressione su aziende private per censurare la libertà di parola per loro conto o su loro richiesta, poiché essi stessi, in quanto funzionari governativi, non hanno il diritto di violare la libertà di parola.

Lo stesso vale per i procuratori generali che hanno chiesto pubblicamente alle aziende di social media di vietare i post e deplorare gli account,7 così come il chirurgo generale, il dottor Vivek Murthy, che ha recentemente dichiarato che una "epidemia di disinformazione e disinformazione" sta mettendo a rischio la vita delle persone.8,9 Anche lui ha chiesto illegalmente alle "aziende di tecnologia e social media di affrontare il modo in cui la disinformazione e la disinformazione si diffondono sulle loro piattaforme".

A tal fine, ha persino pubblicato il suo rapporto di 22 pagine,10 che consiglia di affrontare i "super-diffusori di disinformazione" e di usare le istituzioni educative, dalla scuola elementare al college, così come i finanziatori privati, per "monitorare e affrontare" le informazioni false e fuorvianti. La Fondazione Rockefeller non ha perso tempo nel rispondere annunciando 13,5 milioni di dollari di nuovi finanziamenti per aiutare nello sforzo.

Di nuovo, questi funzionari governativi hanno il diritto alla loro opinione. Ma non hanno il diritto di censurare l'opinione e/o l'informazione di altre persone, tanto meno le ricerche pubblicate. E poiché non hanno il diritto costituzionale di censurare gli americani, non possono nemmeno chiedere alle aziende private di farlo per loro.

I funzionari governativi stanno anche infrangendo diverse leggi incentivando gli americani a partecipare alla sperimentazione medica, e collaborando con aziende private per richiedere al personale di partecipare alla sperimentazione medica. È davvero notevole quello che sta succedendo, e il fatto che così tante leggi siano palesemente infrante nel tentativo di mettere un ago in ogni braccio suggerisce che qualcosa di diverso dall'interesse della salute pubblica è in gioco.

Perché la verità sull'immunità naturale è vietata?

Sono ancora su Twitter, e negli ultimi tempi, l'unico post cancellato è stato quello in cui indicavo che le persone infettate naturalmente hanno sviluppato un'immunità robusta e duratura, e che i funzionari sanitari devono essere onesti e ammettere che questa immunità è molto potente.11

Al mio post, avevo allegato un documento12 pubblicato sulla rivista peer-review Nature. Tuttavia, Twitter mi censura in un modo diverso, pubblicando un avvertimento dettagliato agli utenti che cliccano su qualsiasi link a Mercola.com che io pubblico su Twitter che visitare il mio sito "potrebbe essere pericoloso" - il che è completamente falso.

I pazienti COVID guariti hanno un'immunità robusta anche se i loro sintomi erano lievi e la successiva conta degli anticorpi è bassa, perché le cellule latenti che producono anticorpi chiamate cellule B di memoria per la SARS-CoV-2 esistono ancora nel loro midollo osseo. Questo è stato dimostrato in un altro studio su Nature.13,14 Quando incontrano di nuovo il virus SARS-CoV-2, queste cellule della memoria iniziano a produrre nuovi anticorpi, che aumenteranno nuovamente il livello per eliminare il virus.

Il sito web del National Institutes of Health15 dichiara addirittura che la guarigione dal COVID-19 fornisce "un'immunità duratura", e che il sistema immunitario di oltre il 95% delle persone che si sono riprese dal COVID-19 aveva "almeno 3 componenti del sistema immunitario su 5 che potevano riconoscere la SARS-CoV-2 fino a otto mesi dopo l'infezione". Questa ricerca è stata finanziata in parte dal NIAID, e pubblicata sulla rivista Science.16

Chiaramente, la narrativa sull'immunità acquisita naturalmente rappresenta una minaccia significativa per la campagna di iniezione di massa. L'informazione non costituisce una minaccia per la salute pubblica. Al contrario. Più la gente sa di questo, meno si sentirà impaurita. Se sono quelli che sono guariti, sapranno che ora hanno una buona protezione. Se l'ex malato di COVID è un membro della famiglia o un amico, possono stare tranquilli con quelle persone, sapendo che non rappresentano un rischio di infezione.

Se si trattasse davvero di mantenere le persone al sicuro dall'infezione, l'immunità naturale sarebbe accettata e la gente sarebbe incoraggiata a guardare gli studi che mostrano che la maggior parte dei luoghi sulla terra ha già raggiunto l'immunità naturale. Ma quando si tratta di SARS-CoV-2, insistono che anche coloro che hanno già l'immunità naturale dovrebbero fare un'iniezione di COVID. Perché? Sono già immuni! E non c'è alcun beneficio aggiunto nel farsi un'iniezione di COVID se si hanno gli anticorpi.

I ricercatori della Cleveland Clinic hanno esaminato questo problema, concludendo che le persone che erano risultate positive alla SARS-CoV-2 almeno 42 giorni prima della vaccinazione non hanno ottenuto alcuna protezione aggiuntiva dai vaccini, oltre alla loro immunità naturale.17,18

Zero benefici e tutti i rischi per i pazienti COVID guariti

Nel frattempo, l'iniezione di COVID può innescare una risposta immunitaria avversa in coloro che sono già stati infettati dal virus, mettendoli a rischio significativamente maggiore di lesioni e morte.19 Come spiegato dal dottor Hooman Noorchashm, un chirurgo cardiaco e sostenitore dei pazienti:20

"Gli antigeni virali persistono nei tessuti delle persone naturalmente infette per mesi. Quando il vaccino viene usato troppo presto dopo un'infezione naturale, o peggio durante un'infezione attiva, la forza del vaccino attiva una potente risposta immunitaria che attacca i tessuti dove persistono gli antigeni virali naturali. Questa, io suggerisco, è la causa dell'alto livello di eventi avversi e, probabilmente morti, che stiamo vedendo nei recentemente infettati dopo la vaccinazione".

All'inizio di marzo 2021, i ricercatori del King's College hanno confermato la validità delle preoccupazioni di Noorchashm. Hanno scoperto che le persone che hanno già avuto il COVID-19 hanno tre volte più probabilità di sperimentare effetti collaterali del vaccino rispetto a coloro che non sono stati esposti al virus, e questo sembra vero sia per le versioni mRNA che per quelle DNA del vaccino.21

Utilizzando i dati dell'applicazione ZOE del Kings College, che ha registrato più di 700.000 vaccinazioni, il 35,7% di coloro che hanno ricevuto l'iniezione Pfizer e sono stati precedentemente infettati ha riportato effetti collaterali, rispetto al solo 12,2% di coloro che non sono stati precedentemente infettati.

Guardando il vaccino di AstraZeneca, il 52,7% delle persone precedentemente infettate ha avuto effetti collaterali, rispetto al 31,9% di coloro che non erano stati precedentemente infettati. Nonostante questi rischi documentati, la FDA continua a raccomandare l'iniezione COVID per coloro che hanno un'immunità naturale.

Vaccinazione contro immunità naturale

La Public Health England ha pubblicato dei dati che mostrano che solo 44 delle 6.614 persone precedentemente infettate sono risultate positive all'infezione da SARS-CoV-2 una seconda volta.22 Di queste 44, solo 15 hanno sviluppato dei sintomi, quindi è molto probabile che le altre fossero semplicemente dei falsi positivi.

In ogni caso, il rischio di reinfezione dopo la guarigione da un attacco di COVID-19 sembra raro, e il rischio di reinfezione è molto più basso del rischio di infezione affrontato da coloro che sono completamente "vaccinati". Come riportato da Israel National News, 13 luglio 2021:23

"I pazienti affetti da coronavirus che sono guariti dal virus avevano molte meno probabilità di infettarsi durante l'ultima ondata della pandemia rispetto alle persone che sono state vaccinate contro il COVID ...

I dati del Ministero della Salute sull'ondata di epidemie di COVID iniziata questo maggio mostrano che gli israeliani con l'immunità da infezione naturale avevano molte meno probabilità di essere infettati di nuovo rispetto agli israeliani che avevano solo l'immunità tramite vaccinazione.

Più di 7.700 nuovi casi del virus sono stati rilevati durante l'ultima ondata iniziata a maggio, ma solo 72 dei casi confermati sono stati riportati in persone che erano note per essere state infettate in precedenza - cioè meno dell'1% dei nuovi casi. Circa il 40% dei nuovi casi - o più di 3.000 pazienti - riguardava persone che erano state infettate nonostante fossero state vaccinate.

Con un totale di 835.792 israeliani noti per essere guariti dal virus, i 72 casi di reinfezione ammontano allo 0,0086% delle persone che erano già state infettate da COVID.

Al contrario, gli israeliani vaccinati avevano 6,72 volte più probabilità di essere infettati dopo l'iniezione che dopo l'infezione naturale, con oltre 3.000 dei 5.193.499, o lo 0,0578%, degli israeliani vaccinati che si sono infettati nell'ultima ondata".

Impossibile che i vaccini COVID abbiano un impatto favorevole

In un mondo di opinioni diverse e di scienza in eterna evoluzione, chi può rivendicare il diritto alla verità? L'addetto stampa della Casa Bianca sembra pensare che l'amministrazione Biden debba avere la precedenza sulla verità, mentre allo stesso tempo disinforma il pubblico riferendosi alle iniezioni COVID come approvate dalla FDA con studi di sicurezza "gold standard" alle spalle.

Le agenzie sanitarie e i loro funzionari disinformano anche il pubblico ogni volta che affermano che l'immunità indotta dal vaccino è migliore dell'immunità naturale, perché questo va contro tutto ciò che abbiamo imparato sulla virologia. Può essere accurato per alcune malattie, ma certamente non si può dire lo stesso per il COVID-19. Ci sono molti più dati che suggeriscono che il vaccino COVID è un rischio inutile che fornisce un beneficio trascurabile.

Il rapporto di mortalità complessiva delle infezioni non istituzionalizzate è solo dello 0,26%. Sotto i 40 anni, è dello 0,01%. Inoltre, i dati mostrano che la riduzione del rischio assoluto per tutte e quattro le iniezioni di COVID è tra lo 0,7% e l'1,3%. Poiché il rischio assoluto da superare è inferiore al beneficio che queste iniezioni possono fornire, la vaccinazione di massa semplicemente non può avere un impatto favorevole sulla popolazione. È matematicamente impossibile.
Ricordate, gli adulti sani sotto i 50 anni, gli adolescenti e i bambini hanno meno dell'1% di possibilità di ospedalizzazione e morte per COVID-19, quindi non hanno un bisogno medico di questa iniezione sperimentale. Il rapporto di fatalità dell'infezione globale non istituzionalizzata è un mero 0,26%. Sotto i 40 anni di età, è dello 0,01%.24 Queste probabilità semplicemente non sono un argomento forte per un'iniezione di massa con uno strumento sperimentale di modifica genetica.

Inoltre, i dati mostrano che la riduzione del rischio assoluto per tutte e quattro le iniezioni di COVID è tra lo 0,7% e l'1,3%.25,26 (i tassi di efficacia dal 67% al 95% si riferiscono tutti alla riduzione del rischio relativo). Poiché il rischio assoluto che deve essere superato è inferiore al beneficio che queste iniezioni possono fornire, la vaccinazione di massa semplicemente non può avere un impatto favorevole sulla popolazione. È matematicamente impossibile.

Così, mentre il governo, la direzione della salute pubblica e i sostenitori pro-vaccino insistono che dobbiamo seguire la scienza, loro stessi stanno facendo tutt'altro. Per un anno e mezzo, hanno insistito che le misure pandemiche come l'isolamento, l'uso di maschere e le iniezioni di modifiche genetiche sono l'unica via da seguire, nonostante le montagne di prove contro ognuna di queste strategie.

Quindi, non si tratta di scienza. Se lo fosse, produrrebbero studi che confutano in modo schiacciante la controdichiarazione e dimostrano benefici dimostrabili. Ma non lo fanno. Invece, scatenano attacchi personali e campagne diffamatorie per scoraggiare la gente ad ascoltare tutto ciò che non esce dalla loro macchina di propaganda.

L'amministrazione Biden vuole monitorare i vostri messaggi privati

L'amministrazione Biden è arrivata al punto di proporre ai trasportatori di SMS di controllare i fatti nei messaggi di testo privati per assicurarsi che gli americani non condividano fatti scomodi con amici e familiari.

Ironicamente, il portavoce della Casa Bianca Kevin Munoz ha detto a Politico che questa mossa faceva parte del "fermo impegno dell'amministrazione a tenere la politica fuori dagli sforzi di vaccinazione".27 Il contraccolpo è stato rapido, sia da parte dei legislatori che dei privati, ma il tempo dirà se è stato sufficiente a far riconsiderare la Casa Bianca.28

Non si tratta nemmeno di salute pubblica, perché se lo fosse, accetterebbero l'immunità naturale, e non infrangerebbero la legge ad ogni passo. No, si tratta di infilare un ago in ogni braccio - al diavolo la scienza, la logica e il buon senso. La domanda è perché.

Molti dei miei articoli dell'anno scorso hanno dettagliato le prove che indicano che questa campagna di iniezione di massa è uno strumento per inaugurare un nuovo ordine mondiale di sorveglianza, povertà mondiale e la completa rimozione delle libertà mediche e personali.

L'appello dell'amministrazione Biden a censurare - attraverso i servizi pubblici e le aziende private - chiunque condivida informazioni sui rischi e la mancanza di benefici di queste iniezioni COVID è chiaramente parte di questa agenda, e deve essere respinto su basi etiche, legali e costituzionali.

Il National Vaccine Information Center (NVIC) ha recentemente pubblicato più di 50 presentazioni video dalla quinta conferenza pubblica internazionale a pagamento sulla vaccinazione, tenutasi online dal 16 al 18 ottobre 2020, e le ha messe a disposizione di tutti gratuitamente.

Il tema della conferenza era "Proteggere la salute e l'autonomia nel 21° secolo" e presentava medici, scienziati e altri professionisti della salute, attivisti dei diritti umani, leader della comunità di fede, avvocati dei diritti costituzionali e civili, autori e genitori di bambini feriti dai vaccini che parlavano di scienza dei vaccini, politica, legge ed etica e malattie infettive, compresi i vaccini coronavirus e COVID-19.

Nel dicembre 2020, una società britannica ha pubblicato informazioni false e fuorvianti su NVIC e la sua conferenza, che ha spinto NVIC ad aprire l'intera conferenza per la visualizzazione gratuita. La conferenza ha tutto il necessario per educare te stesso e proteggere le tue libertà personali e le tue libertà rispetto alla tua salute.

Non perdete questa incredibile opportunità. Sono stato uno dei relatori di questa conferenza potenziante e vi esorto a guardare queste presentazioni video prima che vengano censurate e portate via dall'élite tecnocratica.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia