Facebook: Tutti schedati i nemici della dittatura Covid

 

Facebook: Tutti schedati i nemici della dittatura vaccinale

Di reclaimthenet.org


Il procuratore generale del distretto di Columbia (DC) Karl Racine, un democratico, ha citato in giudizio Facebook per una vasta gamma di documenti relativi alla "disinformazione COVID-19" sulla piattaforma.


Il mandato di comparizione è stato depositato il 21 giugno e richiede che Facebook identifichi tutti i gruppi, le pagine e gli account che hanno violato le regole di disinformazione COVID-19 di vasta portata della piattaforma.


Chiede anche che Facebook rilasci uno studio interno che ha esaminato l'esitazione del vaccino tra i suoi utenti. I rapporti dei media su questo studio a marzo hanno affermato che ha dimostrato che i contenuti di Facebook che non violano le regole possono causare danni "sostanziali".


Se Facebook dovesse conformarsi a questo mandato di comparizione, ciò avrebbe probabilmente un impatto su milioni di utenti. Facebook ha rimosso più di 18 milioni di contenuti da Facebook e Instagram per aver violato le sue regole di disinformazione COVID-19 e ha applicato etichette di avvertimento a più di 167 milioni di contenuti COVID-19.


Il mandato di comparizione fa parte di un'indagine precedentemente non divulgata per verificare se Facebook sta violando le leggi sulla protezione dei consumatori.


Il direttore delle comunicazioni di Racine, Abbie McDonough, ha detto a Politico che l'indagine è parte di uno sforzo per garantire che Facebook prenda provvedimenti contro la "disinformazione sui vaccini".


"Facebook ha detto che sta prendendo provvedimenti per affrontare la proliferazione di disinformazione sul vaccino COVID-19 sul suo sito", ha detto McDonough. "Ma poi, quando è stato pressato per mostrare il suo lavoro, Facebook ha rifiutato. L'indagine di AG Racine mira ad assicurarsi che Facebook stia veramente prendendo tutte le misure possibili per ridurre al minimo la disinformazione sui vaccini sul suo sito e sostenere la salute pubblica".


La mossa segue i precedenti rapporti dei democratici che lavorano con Big Tech per censurare i contenuti che ritengono essere disinformazione.


In particolare, una recente causa ha mostrato prove di democratici che segnalano presunta disinformazione a Twitter tramite un "portale partner" e Twitter risponde rimuovendo i tweet segnalati.


Un altro esempio di questo è la richiesta dei democratici che Facebook e Twitter "affrontino" 12 importanti scettici sui vaccini in aprile. Da quando hanno fatto le loro richieste, quattro di questi scettici del vaccino hanno avuto i loro account sui social media chiusi.


I legislatori hanno anche suggerito che il governo federale può aver "indotto Facebook a censurare alcuni discorsi in violazione del Primo Emendamento" e hanno chiesto che il gigante tecnologico spieghi perché ha censurato le teorie sulle perdite di laboratorio.


Questo tentativo del DC AG di identificare gli utenti di Facebook per la pubblicazione di disinformazione COVID-19 arriva mentre il gigante tecnologico sta usando misure sempre più aggressive per colpire le persone in base al contenuto che condividono e con cui interagiscono.


Da qualche giorno ha iniziato a chiedere agli utenti se sono preoccupati che i loro amici "diventino estremisti" e ha avvertito gli utenti che "potrebbero essere stati esposti a contenuti estremisti dannosi".


E a maggio, un informatore ha rivelato che Facebook sta usando un filtro interno segreto per segnalare lo scetticismo sui vaccini "basato sulla libertà" e "basato sulla religione" e usando un algoritmo segreto per sopprimere le esperienze negative sui vaccini.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia