Il CDC avverte i medici di un'epidemia batterica misteriosa

Il CDC avverte i medici di un'epidemia batterica misteriosa

Di Ed Cara gizmodo.com


Il Centers for Disease Control and Prevention (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitense) sta mettendo in guardia i medici su uno strano cluster di malattie in tre stati causato da un batterio raramente visto negli Stati Uniti, che ha ucciso almeno una persona e ne ha ricoverate altre due finora. La malattia, chiamata melioidosi, può essere altamente fatale ma non è normalmente considerata contagiosa tra le persone. I funzionari non sanno come queste vittime abbiano contratto il batterio, anche se i casi sembrano essere collegati.


Da marzo 2021, ha annunciato il CDC in un allarme sanitario mercoledì, almeno tre persone in tre stati non adiacenti (Kansas, Texas e Minnesota) sono note per aver contratto la melioidosi. La prima vittima, un uomo con preesistenti problemi ai polmoni e al fegato, è morto dopo 10 giorni di ricovero. Gli altri due, una donna e un bambino, sono stati identificati a maggio. E mentre un paziente è stato dimesso in un'unità di cura transitoria, l'altro rimane ricoverato.


"Il CDC sta lavorando con i funzionari sanitari statali in Kansas, Texas e Minnesota per indagare su tre casi, tra cui un decesso, di una rara, ma grave infezione batterica chiamata melioidosi", un rappresentante del CDC ha detto a Gizmodo in una e-mail.


La melioidosi, chiamata anche malattia di Whitmore, è causata dal batterio a forma di asta Burkholderia pseudomallei e può colpire molte specie di animali ed esseri umani. I suoi sintomi sono aspecifici, assomigliando a molte altre malattie, e dipendono da dove l'infezione si trova nel corpo. La maggior parte delle infezioni causa febbre, per esempio, ma nel tratto respiratorio può causare tosse, dolore al petto e riduzione dell'appetito. Può anche diffondersi nel flusso sanguigno, dove è in grado di causare sepsi pericolosa per la vita, e può anche raggiungere il cervello o il sistema nervoso. Poiché è difficile diagnosticare la melioidosi (alcuni test automatici possono anche scambiare il batterio per un'altra specie, cosa che è successa nel primo caso), il trattamento appropriato è spesso ritardato. Ma anche con antibiotici aggressivi somministrati per via endovenosa, è ancora regolarmente fatale, uccidendo tra il 10% e oltre il 40% delle sue vittime una volta che i sintomi iniziano. Può anche giacere dormiente nel corpo, non causando la malattia fino a quando la salute di una persona declina per altri motivi.


B. pseudomallei vive naturalmente ovunque nel suolo e nell'acqua degli ambienti tropicali, ed è di solito così che le persone entrano in contatto con esso, in particolare dopo una stagione delle piogge in cui la terra è disturbata. È stato conosciuto per diventare aerosolizzato e capace di diffondersi attraverso l'aria e tra gli animali o le persone, anche se solo in rare occasioni. Tuttavia, la sua alta letalità, la sua natura difficile da rintracciare e il suo potenziale aereo hanno portato governi come gli Stati Uniti a considerarlo una minaccia bioterroristica, alla pari con altri germi come Ebola, vaiolo e antrace.

"La melioidosi è una grave malattia tropicale trascurata del sud-est asiatico, dell'India e dell'Australia, dove è una delle principali cause di polmonite, ascessi e sepsi. Il fatto che possa prendere piede negli Stati Uniti è preoccupante", Peter Hotez, decano della Scuola Nazionale di Medicina Tropicale al Baylor College of Medicine in Texas, ha detto a Gizmodo in una e-mail.


Secondo un rapporto del Centro per la sicurezza alimentare e la salute pubblica presso la Iowa State University, il batterio non è mai stato trovato negli ambienti naturali del Nord America, almeno a partire da gennaio 2016, quando il rapporto è stato aggiornato l'ultima volta. Così quando i casi negli Stati Uniti sono raramente identificati, di solito sono ricondotti a viaggi in un paese dove è endemico. Questo non sembra essere la spiegazione qui, però, dal momento che nessuna delle famiglie dei pazienti aveva segnalato alcun viaggio fuori dal paese o lontano dalle loro case ultimamente. Ma i casi sembrano essere collegati in qualche modo, perché tutti e tre sono stati infettati con ceppi geneticamente simili del batterio.


"I test suggeriscono una fonte comune di infezione, ma quella fonte non è ancora stata identificata", ha detto l'agenzia. "CDC sta lavorando con gli stati per valutare le esposizioni o i prodotti che questi individui hanno in comune, così come i campioni ambientali dagli stati dove i casi sono stati identificati. Inoltre, gli esperti del CDC stanno fornendo assistenza epidemiologica per aiutare a indagare la causa dell'infezione".


Il CDC pensa che alcune teorie per l'epidemia siano improbabili. Secondo William Bower, capo del team di epidemiologia presso il Bacterial Special Pathogens Branch del CDC, l'analisi genetica indica che questi pazienti non hanno preso B. pseudomallei da un serbatoio naturale negli Stati Uniti, poiché i ceppi trovati nelle vittime non assomigliano a ceppi trovati altrove in America.


"In questo momento, non ci sono prove che suggeriscano che i casi sotto inchiesta siano il risultato di un attacco biologico", ha aggiunto.


Per ora, il CDC ritiene che il rischio per il pubblico sia basso. Ma questa epidemia è un mistero da risolvere, soprattutto se c'è una fonte comune ancora in giro che potrebbe ammalare altri. La melioidosi in generale è ritenuta poco studiata e sottovalutata come fonte di malattia. Anche se si stima che uccida almeno 89.000 persone in tutto il mondo ogni anno, per esempio, il pedaggio potrebbe benissimo essere più alto.


Nella sua allerta, il CDC chiede ai medici di considerare la melioidosi come una possibile diagnosi per i sintomi compatibili, anche se non c'è una storia di viaggio; chiede anche loro di considerare la ripetizione dei test utilizzando l'identificazione automatica se si sono imbattuti in diversi altri batteri che B. pseudomallei può essere scambiato per.


"CDC incoraggia gli operatori sanitari ad essere consapevoli del potenziale per più casi e a segnalare i casi ai loro dipartimenti sanitari statali", ha detto il CDC.


Alfredo Torres, un microbiologo e immunologo dell'Università del Texas Medical Branch, ha studiato e consultato sui casi di melioidosi in Nord America. Quest'anno, è stato co-autore di un case report su due bambini a Sonora, in Messico, che sono morti per la malattia nell'autunno del 2018, forse da una fonte endemica nella zona.


Date le prove genetiche del CDC, ha detto, è d'accordo con la loro attuale ipotesi che questi casi non sono probabilmente legati a serbatoi naturali dei batteri che possono aver raggiunto gli Stati Uniti da altre parti delle Americhe. Ha anche detto che un attacco biologico è molto improbabile.


"Pertanto, le strade ovvie da indagare sono il terreno importato da altri paesi che sono endemici e che potrebbero portare i batteri, il cibo potenziale o l'acqua contaminata con i batteri, o alcuni animali domestici che potrebbero essere infetti (CDC ha segnalato casi di melioidosi in persone statunitensi che hanno un'iguana o un pesce come animale domestico)", ha detto a Gizmodo in una e-mail.


Allo stesso tempo, lui e i suoi colleghi hanno trovato il batterio nel suolo messicano, e ha detto che è teoricamente possibile che il germe potrebbe stabilirsi in alcune parti degli Stati Uniti se introdotto. Il riscaldamento del clima permetterà anche alla melioidosi di raggiungere luoghi che altrimenti non avrebbe, ha notato. Così, mentre questo attuale cluster potrebbe essere un incidente isolato, e la melioidosi non è probabile che scateni la prossima pandemia, è certamente una preoccupazione crescente ai suoi occhi.


"A causa dei cambiamenti nei modelli climatici, alcuni agenti patogeni che normalmente non erano presenti in una particolare area potrebbero iniziare a causare malattie. Pertanto, è importante rendere i professionisti della salute consapevoli di questo patogeno e della malattia che provoca, in modo che l'identificazione rapida possa essere fatta e il trattamento sia utilizzato correttamente per salvare vite umane", ha detto. "Senza questo, potrebbe essere troppo tardi per il prossimo paziente affetto da melioidosi quando viene fatta la diagnosi corretta".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia