Putin firma una legge che obbliga i giganti stranieri dei social media ad aprire uffici in Russia

 

Putin firma una legge che obbliga i giganti stranieri dei social media ad aprire uffici in Russia

Nella continua saga e stallo tra i giganti tecnologici statunitensi e lo stato russo, il Cremlino ha appena fatto un passo audace e creativo nei suoi sforzi di lunga data per regnare nei tentativi "propagandistici" stranieri di censurare le fonti ufficiali russe e allo stesso tempo promuovere contenuti "osceni", come i suoi funzionari hanno a lungo denunciato.


Il presidente russo Putin giovedì ha firmato una legge che cerca di costringere le principali aziende di social media ad aprire uffici sul suolo russo se continuano a volere le loro piattaforme senza restrizioni all'interno della Russia. 


"Un'entità straniera, che svolge attività su internet in Russia, è obbligata a creare una filiale, aprire un ufficio o stabilire una persona giuridica russa", si legge nella nuova legge, secondo Reuters.


La Russia è andata contro le aziende di social media che non riescono a cancellare abbastanza velocemente i contenuti che Mosca ritiene illegali. Facebook (FB.O), Google, Telegram e Twitter hanno tutti udienze in programma per la fine di questo mese con nuove accuse.


La Russia ha presentato nuove accuse contro Facebook, Google, Telegram e Twitter lunedì, sostenendo che non sono riusciti a cancellare contenuti ritenuti illegali, ha riferito l'agenzia di stampa Interfax.

Mosca ha preso provvedimenti negli ultimi mesi per regolare e frenare il potere dei social media e dei giganti della tecnologia, che il Cremlino dice sono per prevenire ingerenze straniere negli affari russi, imponendo una serie di multe e rallentamenti del servizio.

Facebook, Google, Telegram e Twitter non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento sulle accuse riportate.

Tre accuse amministrative relative alla mancata rimozione di contenuti sono state registrate contro Alphabet (GOOGL.O) Google presso il tribunale distrettuale Tagansky a Mosca, Interfax ha citato il suo ufficio stampa, con il gigante tecnologico che affronta una multa totale di 12 milioni di rubli (166.210 dollari).

Il tribunale non è stato immediatamente disponibile per un commento. (Reuters)

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia