Cinque cose da sapere su ISIS-K

Cinque cose da sapere su ISIS-K


Mentre gli Stati Uniti cercano di finire il loro ritiro dall'Afghanistan entro pochi giorni, un affiliato dell'ISIS nel paese è pronto a cogliere l'instabilità e diventare la più pressante minaccia alla sicurezza nella regione.


ISIS-Khorasan (ISIS-K) giovedì ha effettuato il suo più grande attacco, uccidendo 13 membri del servizio americano e più di 170 afgani in un attentato suicida fuori dall'aeroporto di Kabul.


Il presidente Biden ha giurato vendetta, dicendo che gli Stati Uniti "vi daranno la caccia e ve la faranno pagare".


L'esercito degli Stati Uniti ha già trascorso gli ultimi 20 anni a combattere i talebani, al Qaeda e i gruppi di insorti Haqqani in Afghanistan per prevenire attacchi terroristici agli alleati americani. Ma l'ISIS-K sta diventando una minaccia molto più grande.


Ecco cosa sapere sul gruppo militante:


Per cosa sta ISIS-K?

Khorasan, la parola per cui sta la "K", si traduce in "La Terra del Sole", riferendosi a una regione storica che un tempo comprendeva parti dell'Iran, Afghanistan, Pakistan e Turkmenistan.


L'ISIS-K, il più violento dei gruppi militanti jihadisti dell'Afghanistan, sostiene una versione più estrema dell'Islam rispetto ai talebani e si rivolge a una generazione più giovane di combattenti.


Chi sono i suoi nemici?

ISIS-K ha preso di mira le forze statunitensi, gli alleati e i civili, così come altri gruppi militanti islamici tra cui i talebani, che vede come un nemico per non aderire a una versione rigorosa dell'Islam.


Almeno 28 delle persone uccise nell'attacco all'aeroporto di Kabul di questa settimana erano, secondo quanto riferito, combattenti talebani.


I due gruppi militanti hanno combattuto per il territorio in passato, soprattutto nell'Afghanistan orientale, ma è probabile che gli scontri continuino da quando i talebani hanno preso il controllo del governo il 15 agosto.


ISIS-K è stato anche responsabile di circa 250 scontri con le truppe statunitensi e le forze di sicurezza afgane e pakistane dal 2017.


Da dove viene?

L'ISIS-K si è formato come un ramo regionale all'inizio del 2015 dopo che lo Stato Islamico (ISIS) ha travolto l'Iraq settentrionale l'anno precedente. Il gruppo è composto da membri disaffezionati che hanno lasciato i talebani pakistani e i talebani afgani. 


Hafiz Saeed Khan - uno dei sei leader talebani che hanno lasciato i talebani pakistani e giurato fedeltà all'allora leader dell'ISIS Abu Bakr al-Baghdadi - è stato nominato il primo capo dell'ISIS-K, secondo un video pubblicato sui forum jihadisti nel 2015. Il Pentagono ha confermato che Kahn è stato ucciso durante un attacco di droni statunitensi del 2016 nella provincia di Nangarhar in Afghanistan.


Nel corso del tempo, il gruppo ha aggiunto reclute che disertano da altre organizzazioni estremiste della regione, tra cui il Movimento Islamico dell'Uzbekistan. 


Abdul Hasib è succeduto a Khan, ma è stato ucciso nel 2017 da un raid militare congiunto afgano e statunitense. Shahab al-Muhajir ha guidato ISIS-K dal giugno 2020, secondo un rapporto di un team di monitoraggio delle Nazioni Unite.


"Rimane attivo e pericoloso, soprattutto se è in grado, posizionandosi come l'unico gruppo di puro rifiuto in Afghanistan, di reclutare talebani disaffezionati e altri militanti per ingrossare le sue fila", ha avvertito il rapporto. 


Dove si trova?

ISIS-K - nonostante l'indebolimento del capitolo da battute d'arresto militari a partire dal 2018 - ha mantenuto da 1.500 a 2.200 combattenti di base in piccole aree delle province di Kunar e Nangarhar nel nord-est dell'Afghanistan, secondo il rapporto delle Nazioni Unite. 

L'ISIS-K si è concentrato sulla creazione di cellule dormienti - gruppi di agenti che lavorano sotto copertura fino all'ordine di agire - a Kabul durante le elezioni parlamentari dell'ottobre 2018, secondo il Center for Strategic and International Studies. In un rapporto del 2020, l'Istituto per l'economia e la pace ha detto che il gruppo "si ritiene che abbia ancora cellule dormienti in città come Kabul e Jalalabad." 

Nonostante abbia una regione storica come parte del suo titolo, ISIS-K "ignora i confini internazionali e immagina il suo territorio che trascende gli stati-nazione come l'Afghanistan e il Pakistan", ha detto il Centro di studi strategici e internazionali. 

Quali attacchi ha rivendicato? 

ISIS-K sta cercando di aumentare il suo numero di attacchi e gli sforzi di reclutamento, e "rimane attivo e pericoloso", ha notato il rapporto delle Nazioni Unite.

Più recentemente, l'ISIS-K ha rivendicato la responsabilità dell'attentato mortale fuori dall'aeroporto internazionale Hamid Karzai a Kabul, che ha ucciso almeno 170 afgani e 13 membri del servizio americano giovedì e ne ha feriti altri centinaia.

Un attentatore suicida "è riuscito a raggiungere un grande raduno di traduttori e collaboratori dell'esercito americano al 'Baran Camp' vicino all'aeroporto di Kabul e ha fatto esplodere la sua cintura esplosiva tra loro, uccidendo circa 60 persone e ferendone più di 100, compresi i combattenti talebani", ha detto l'ISIS in una dichiarazione, secondo Reuters.

ISIS-K ha effettuato 77 attacchi nei primi quattro mesi di quest'anno, rispetto ai 21 del 2020, secondo il rapporto delle Nazioni Unite.  

Si ritiene che il gruppo sia dietro un bombardamento di maggio che ha ucciso 90 persone e ferito quasi 150 in una scuola superiore femminile a Kabul.  

Nel 2018, l'ISIS-K si è classificato come una delle quattro organizzazioni terroristiche più letali del mondo, secondo l'Indice globale del terrorismo dell'Istituto per l'economia e la pace. 

Un rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto che è rimasto uno degli affiliati ISIS più attivi, responsabile di 110 incidenti e 1.324 morti quell'anno in Afghanistan e Pakistan.

La maggior parte di quegli incidenti erano attentati suicidi, tra cui un attentato pubblico a Nangarhar che ha ucciso 68 nell'anniversario degli attacchi dell'11 settembre.  

Un attentatore suicida dell'ISIS-K ha ucciso almeno 149 persone e ne ha ferite altre 186 in un raduno di campagna pre-elettorale a Mastung, Pakistan, nel luglio 2018. Tre mesi dopo, un altro attentato suicida affiliato ha lasciato almeno 33 persone morte e altre 56 ferite a Hangu, in Pakistan. 

Anche prima del suo apice nel 2018, il gruppo ha rivendicato la responsabilità di migliaia di morti; molteplici attentati dell'ISIS-K contro i civili in un centro culturale sciita e un'agenzia di stampa a Kabul hanno causato 41 morti, e già nell'aprile 2015 l'ISIS-K era dietro un attentato in una banca a Jalalabad, in Afghanistan, che ha provocato almeno 30 morti. 

Fonte: thehill.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia