UK: Le morti di Covid-19 sono in aumento e i dati ufficiali mostrano che l'87% delle persone che sono morte erano vaccinate

 

UK: Le morti di Covid-19 sono in aumento e i dati ufficiali mostrano che l'87% delle persone che sono morte erano vaccinate

Di dailyexpose.co.uk


Le morti presunte di Covid-19 sono di nuovo in aumento nel Regno Unito, sia in Inghilterra che in Scozia, con aumenti significativi dalla fine di giugno, e possiamo rivelare in esclusiva che la stragrande maggioranza delle persone che presumibilmente muoiono di Covid-19 sono state vaccinate contro di esso.


La Public Health Scotland (PHS) ha rilasciato un rapporto settimanale sulle statistiche del Covid-19 che copre i dati su test, vaccinazioni, ricoveri e morti. Abbiamo studiato i rapporti di settimana in settimana e recentemente vi abbiamo raccontato come il rapporto rilasciato il 23 giugno 2021 annunciava che 5.522 persone erano morte entro 28 giorni dall'aver fatto un vaccino contro il Covid-19 in Scozia.


Qualche settimana fa abbiamo notato che la Public Health Scotland è stata molto furba nel modo in cui presentava i dati, in quello che sembra essere un tentativo di nascondere una statistica scioccante per quanto riguarda le morti da Covid-19 e il vaccino Covid-19. Sfortunatamente per PHS, non sono stati abbastanza intelligenti, poiché il loro ultimo rapporto ci ha permesso di scoprire la statistica scioccante che stavano cercando di nascondere.


La Public Health Scotland ha presentato i dati sui casi, i ricoveri e le morti per stato di vaccinazione. Tuttavia, abbiamo notato che sono stati particolarmente intelligenti nel modo in cui hanno presentato i dati sui decessi.


I dati sia sui casi che sui ricoveri sono stati presentati con un totale per ogni settimana nelle ultime 4 settimane precedenti la data del rapporto.


Per esempio, la tabella 15 del loro rapporto del 28 luglio sul numero di presunti casi positivi al Covid-19 è presentata come segue -


Quanto sopra mostra chiaramente che la maggior parte dei casi positivi al Covid-19 tra il 26 giugno e il 23 luglio sono stati di persone che non erano vaccinate, rappresentando il 57% di tutti i casi. Tuttavia, nella settimana più recente, tra il 17 luglio e il 23 luglio possiamo vedere che la situazione si è ribaltata e coloro che hanno avuto il vaccino Covid-19 rappresentano il 52% dei casi positivi.


Anche la tabella 16 del rapporto PHS del 28 luglio è presentata nello stesso modo, mostrando i totali settimanali nelle ultime quattro settimane sul numero di ricoveri ospedalieri legati al Covid-19 -


Quanto sopra mostra una storia leggermente diversa da quella che abbiamo visto in termini di casi confermati. Questo perché la maggior parte dei ricoveri ospedalieri sono stati di persone che sono state vaccinate, rappresentando il 50,8% di tutti i ricoveri. Ciò che è interessante è il numero di ricoveri rispetto al numero di presunti casi positivi.


Dal 26 giugno al 23 luglio 2021, PHS sostiene che 38.067 casi positivi di Covid-19 sono stati confermati nella popolazione non vaccinata. Tuttavia nello stesso lasso di tempo solo 15.485 casi positivi al Covid-19 sono stati confermati nella popolazione completamente vaccinata.


Tuttavia, della popolazione non vaccinata, 863 persone sono state ricoverate nello stesso lasso di tempo. Mentre della popolazione completamente vaccinata, 763 persone sono state ricoverate nello stesso lasso di tempo.


Ciò significa che solo il 2,3% dei casi confermati di Covid-19 nella popolazione non vaccinata ha portato a un ricovero in ospedale. Mentre il 5% dei casi confermati di Covid-19 nella popolazione completamente vaccinata ha portato all'ospedalizzazione. C'è un piccolo difetto in questa analisi rispetto al fatto che ci sarà un ritardo tra un caso confermato e l'ospedalizzazione, ma anche così questo mostra chiaramente che i vaccini non stanno facendo proprio quello che dicono di fare "sulla scatola".


Public Health Scotland è stata ancora una volta abbastanza intelligente nel modo in cui ha presentato i dati di cui sopra, perché ha cercato di ridurre la gravità dei numeri visti nei vaccinati, visualizzando il numero contro quante persone sono state vaccinate. Così come hanno cercato di aumentare la gravità dei numeri visti nei non vaccinati mostrando il numero rispetto a quante persone non sono state vaccinate. Ma questi numeri sono irrilevanti.


Questo perché i vaccini Covid-19 non ti impediscono di prendere il virus e non ti impediscono di diffondere il virus, e questo è un fatto. Ecco un'istantanea dall'ultimo rapporto di sorveglianza del vaccino Covid-19 della Public Health England che conferma questo fatto -


I vaccini Covid-19 sono stati solo presumibilmente dimostrati per ridurre il rischio di ospedalizzazione e di morte, tuttavia i metodi utilizzati per dimostrare questo sono altamente discutibili. Quindi per misurare l'efficacia dei vaccini nel mondo reale non dovremmo guardare quante persone sono state ricoverate o sono morte a causa del Covid-19 rispetto al numero di persone vaccinate o non vaccinate. Dovremmo guardare quante persone sono state ricoverate o sono morte a causa del Covid-19 rispetto al numero di persone presumibilmente infettate dal Covid-19 in base al loro stato di vaccinazione.


Usando questa misura contro i dati di cui sopra possiamo chiaramente vedere che i completamente vaccinati hanno un problema, perché sembra che se sono infettati dal Covid-19 hanno molte più probabilità di essere ricoverati in ospedale che se non fossero vaccinati.


Ma temiamo che i dati mostrino che essere ricoverati è l'ultima delle loro preoccupazioni, anche se Public Health Scotland ha fatto del suo meglio per nasconderlo.


Come avete visto sopra, Public Health Scotland ha presentato i dati sui casi e i ricoveri su base settimanale, tuttavia abbiamo la sensazione che il modo in cui presentano i ricoveri potrebbe presto cambiare ora che i dati sembrano oscillare nella direzione opposta per dimostrare che i vaccini sono efficaci.


Ma quando si tratta di Covid-19 morti per stato di vaccinazione hanno usato un parametro completamente diverso, scegliendo di visualizzarli come totali complessivi dal 29 dicembre 2020 all'interno della popolazione non vaccinata, quelli che avevano avuto una singola dose, e quelli che erano completamente vaccinati.


PHS sostiene di usare la data del 29 dicembre 2020 perché tiene conto della "protezione da sviluppare dopo la prima dose", dato che questa data è 21 giorni dopo l'inizio del programma di vaccinazione.


Come potete vedere sono tornati alle percentuali basate su questi dati per giustificare che i vaccini Covid-19 sono chiaramente efficaci. Solo che c'è un enorme difetto che crea un grande inganno in termini di ciò che questi dati ci mostrano. Questo difetto e inganno è quante dosi di vaccini Covid-19 sono state effettivamente somministrate entro il 29 dicembre.


Entro il 29 dicembre 2020 la Scozia aveva somministrato solo 104.766 prime dosi di un vaccino Covid-19, insieme a 50 seconde dosi, pari al 1,9% della popolazione totale.



Alla stessa data erano nel mezzo di una presunta seconda ondata di Covid-19 e vedevano un numero significativo di morti ogni giorno, con quell'ondata di morti che stavano per aumentare casualmente insieme al numero di vaccini somministrati.



La presunta ondata di morti da Covid-19 ha raggiunto il picco il 27 gennaio, un giorno che ha visto 92 presunte morti da Covid-19. Tuttavia c'è stato un insolito picco di morti. Tuttavia c'è stato un insolito picco di decessi il giorno 3 della partita in cui 207 morti di Covid-19 sono stati aggiunti alle statistiche, in quello che possiamo supporre fosse un arretrato di dati da aggiungere.


Al 27 gennaio 2021, la Scozia aveva vaccinato solo il 9% della popolazione, con 491.658 persone che avevano avuto la prima dose e 6.783 che avevano avuto entrambe le dosi. Eppure, a partire da questa data, il numero di morti presunte di Covid-19 al giorno cominciò a diminuire, tranne che per l'insolito picco del 3 marzo, ma anche a questa data solo il 31% della popolazione era stata vaccinata.



Riesci a vedere come la Public Health Scotland sia stata in grado di manipolare i dati sui decessi in termini di stato di vaccinazione a favore della dimostrazione che i vaccini stanno funzionando utilizzando queste date? La maggior parte dei decessi per Covid-19 è avvenuta prima che solo il 9% della popolazione scozzese ricevesse il vaccino.


Bene, questo inganno finisce proprio ora, perché siamo stati in grado di trovare i numeri dei recenti presunti decessi da Covid-19 per stato di vaccinazione, confrontando i numeri nell'ultimo rapporto con i numeri presentati nei rapporti precedenti, e possiamo certamente vedere perché Public Health Scotland ha scelto di presentare i decessi in questo modo, non avrebbero una gamba su cui stare altrimenti.





La tabella qui sopra è tratta dal rapporto di Public Health Scotland pubblicato il 28 luglio. Mostra i decessi per gruppo di età e stato di vaccinazione tra il 29 dicembre e il 15 luglio 2021. Come si può vedere, la stragrande maggioranza dei decessi sono visualizzati come avvenuti nella popolazione non vaccinata, con un totale di 2.967 dei 3.321 presunti decessi da Covid-19.


Tuttavia, come abbiamo dimostrato, questa statistica è fuorviante a causa del fatto che la maggior parte delle morti è avvenuta prima che solo il 9% della popolazione scozzese fosse vaccinata.


Entro il 2 aprile 2021, le morti giornaliere di Covid-19 in Scozia si erano appiattite a zero nella maggior parte dei giorni. A partire da quella stessa data, il 46,5% della popolazione aveva ricevuto una singola dose del vaccino Covid-19. Tuttavia, ciò che è interessante è che i decessi hanno appena iniziato a salire di nuovo, l'aumento è iniziato a partire dal 6 luglio 2021 quando sono stati registrati 6 decessi.



La ragione per cui questo è interessante è che al 6 luglio il 30% della Scozia non aveva ancora avuto il vaccino Covid-19, quindi si potrebbe pensare che se i vaccini funzionano, questo aumento sarebbe dovuto alla morte di persone non vaccinate? Ma non è così, e la Public Health Scotland sta cercando di nasconderlo.


Perché se torniamo al loro precedente rapporto statistico sul Covid-19, pubblicato il 21 luglio, possiamo usare i numeri per calcolare lo stato di vaccinazione delle persone che presumibilmente muoiono a causa del Covid-19.



La tabella 17 del rapporto del 21 luglio mostra i decessi dovuti al Covid-19 per stato di vaccinazione tra il 29 dicembre 2020, e l'8 luglio 2021, solo due giorni dopo che i presunti decessi per Covid-19 hanno cominciato a salire di nuovo in Scozia. La tabella mostra ancora una volta che la maggioranza non è vaccinata, ma abbiamo già dimostrato che questo è un inganno.


Dall'8 luglio, 2.962 morti erano nella popolazione non vaccinata. Dal 15 luglio, 2.967 morti erano nella popolazione non vaccinata. Questo è un aumento di 5.


A partire dall'8 luglio, 257 morti erano persone che avevano avuto solo una dose di un vaccino Covid-19, tuttavia potrebbero aver avuto due dosi a causa del PHS che le aggiunge alle cifre di una dose se la loro seconda dose era meno di 14 giorni prima della loro morte. A partire dal 15 luglio, 262 persone che avevano avuto solo una dose di un vaccino Covid-19 sono morte di Covid-19. Questo è un aumento di 5.


Dall'8 luglio, 64 morti erano nella popolazione completamente vaccinata. Dal 15 luglio, 92 morti erano nella popolazione completamente vaccinata. Questo è un aumento di 28.


Questo significa che le persone che sono state vaccinate contro il Covid-19 rappresentano l'87% dei decessi nella terza ondata di morti in Scozia che è appena iniziata. I completamente vaccinati rappresentano il 74% delle morti che hanno appena ricominciato a verificarsi, quelli che avevano avuto una sola dose rappresentano il 13% delle morti, e i non vaccinati rappresentano solo il 13% delle morti.


Questo nonostante il fatto che i completamente vaccinati rappresentino solo il 23% dei casi visti nelle quattro settimane precedenti.


Sviscerando i dati che la Public Health Scotland ha abilmente tentato di nascondere, abbiamo dimostrato che è più probabile essere ricoverati e più probabile morire se si è infettati dal Covid-19 dopo essere stati vaccinati.


Il potenziamento anticorpo-dipendente si verifica quando gli anticorpi generati durante una risposta immunitaria riconoscono e si legano a un patogeno, ma non sono in grado di prevenire l'infezione. Invece, questi anticorpi agiscono come un "cavallo di Troia", permettendo al patogeno di entrare nelle cellule ed esacerbare la risposta immunitaria.


Siamo stati avvertiti che questo è ciò che i vaccini Covid-19 avrebbero causato sulla base delle prove prodotte nei decenni precedenti, i dati che abbiamo appena scoperto mostrano che il pubblico avrebbe dovuto prestare attenzione a quegli avvertimenti.


Supporta daily expose

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia