Australia: Tribunale dimostra come i diritti trans hanno distrutto la famiglia e diffuso l'irrazionalismo

 

Australia: Tribunale dimostra come i diritti trans hanno distrutto la famiglia e diffuso l'irrazionalismo

Di Graham Hryce, un giornalista australiano ed ex avvocato dei media, il cui lavoro è stato pubblicato su The Australian, il Sydney Morning Herald, l'Age, il Sunday Mail, lo Spectator e Quadrant.


Una volta si pensava che i genitori sapessero cosa fosse meglio per i loro figli. Ora sembra essere il ruolo dello stato, dopo che una coppia è stata descritta come "abusiva e negligente" da un magistrato per aver cercato di fermare la transizione della figlia.

Un caso estremamente interessante e importante è arrivato davanti alla Corte Suprema dell'Australia Occidentale (WA) questa settimana, coinvolgendo un appello dei genitori che si oppongono alla volontà della loro figlia, che si identifica come transgender e ha cercato di sottoporsi a una procedura di cambio di sesso.


La bambina è femmina e, all'età di 15 anni, ha cercato di trasformarsi in un maschio transgender - una procedura standard offerta dal Perth Children's Hospital. Quando i suoi genitori si sono rifiutati di acconsentire, lei ha minacciato di suicidarsi ed è stata presa in custodia dal WA Department of Communities. È stato quindi avviato un procedimento legale contro i genitori, che sono stati giudicati da un magistrato della Corte dei bambini per aver agito in modo "abusivo e negligente" nei confronti della figlia.


In un certo senso, l'appello è irrilevante, perché, una volta che la bambina compie 18 anni, sarà in grado di avvalersi della procedura di transizione indipendentemente dalle opinioni dei suoi genitori. I genitori, tuttavia, hanno presentato il ricorso per una questione di principio perché credono di essere stati trattati ingiustamente.


Il governo dell'Australia Occidentale - che finanzia e promuove un servizio di diversità di genere per bambini e adolescenti - sta difendendo la decisione del magistrato, e l'appello sarà ascoltato dal giudice capo dell'Australia Occidentale, Peter Quinlan. Il giudice Quinlan è noto per le sue cosiddette opinioni "progressiste", che espone regolarmente in lunghi discorsi extragiudiziali - un passatempo alla moda che molti giudici delle società occidentali praticano in questi giorni. Il mese scorso, per esempio, ha tenuto un discorso su ciò che ha descritto come la "corrente pervasiva e insidiosa delle molestie sessuali e della discriminazione di genere nella nostra cultura e nei nostri posti di lavoro".


Ha anche incluso un mea culpa personale. "Nei decenni in cui ho fatto parte della professione legale, ci sono stati innumerevoli esempi in cui ho assistito o sentito parlare di molestie o discriminazioni, ma ero troppo ignorante, intenzionalmente cieco o semplicemente spaventato per mettere la testa sopra il parapetto e chiamare fuori ciò che, come avvocato, avrei dovuto essere eticamente tenuto a nominare e condannare", ha detto il giudice.


Indipendentemente dall'esito dell'appello, è importante cercare di capire come questi genitori si sono trovati nella situazione in cui si trovano. Quarant'anni fa, sarebbe stato assolutamente inimmaginabile. Oggi, invece, sta diventando un luogo comune in molte società occidentali, man mano che l'ideologia dei diritti dei transgender prende piede e viene acriticamente implementata e applicata dai governi.


Negli Stati Uniti, per esempio, uno dei primi atti dell'amministrazione Biden è stato quello di introdurre una legislazione completa sui "diritti dei transgender". E c'è attualmente una legislazione al vaglio del parlamento dello stato di Victorian in Australia che rende un reato penale per i genitori che consigliano ai loro figli di non cambiare sesso.


Tre aspetti chiave della situazione dei genitori dell'Australia occidentale sono particolarmente degni di nota. In primo luogo, il loro destino è possibile solo in una società in cui la famiglia è stata distrutta come istituzione autonoma - un processo che sta procedendo rapidamente dall'inizio del 20° secolo. La famiglia era un'istituzione centrale della società borghese nel XIX secolo - e operava in modo indipendente, governata da valori molto diversi da quelli del mercato e delle ideologie politiche dominanti. Lo storico Christopher Lasch ha descritto dettagliatamente il declino della famiglia borghese nel suo libro 'Haven in a Heartless World' - una descrizione molto appropriata del suo ruolo e della sua funzione originale.


Nella famiglia del 19° secolo, i genitori erano gli unici responsabili della cura, dell'istruzione e dell'educazione dei loro figli, e la legge dava loro un'autorità praticamente illimitata per svolgere questi compiti. Con il declino della famiglia tradizionale, lo stato e il suo esercito in continua espansione di assistenti sociali, professionisti della salute e consulenti hanno ora assunto le funzioni precedentemente svolte dai genitori, e l'autorità genitoriale è stata, di fatto, abolita. Questa è esattamente la situazione in cui si trovano i genitori dell'Australia occidentale. Non solo è stato loro negato il diritto di prendersi cura e proteggere la loro figlia - come la vedono loro e secondo i loro valori personali - ma la loro bambina è stata loro sottratta dallo stato.


In secondo luogo, come molte altre istituzioni un tempo autonome - università, tribunali, chiese e istituzioni culturali - la famiglia e i bambini sono stati trascinati nel regno del mercato, dove sono costretti a conformarsi alle ideologie politiche delle élite globalizzate che ora governano la maggior parte delle società occidentali. Questo processo - erroneamente descritto dagli intellettuali conservatori come "le guerre culturali" e da loro erroneamente descritto come un fenomeno di sinistra - si è intensificato negli ultimi 40 anni a tal punto che ora è probabilmente irreversibile.


Allora, perché i genitori dell'Australia occidentale sono stati bollati come "abusivi e negligenti"? Perché hanno avuto l'audacia di sfidare un'ideologia dominante alla moda e sponsorizzata dallo stato: quella dei cosiddetti "diritti dei transgender". E per questa trasgressione hanno subito la punizione obbligatoria prevista per chi agisce in questo modo: sono stati "cancellati" come genitori.


Il terzo aspetto di ciò che è accaduto è forse il più preoccupante. Sarebbe abbastanza brutto se l'ideologia alla moda sotto la quale questi genitori sono stati perseguitati fosse ragionevole e razionale. Ma non lo è - è palesemente irragionevole e francamente irrazionale. Il fatto è che la maggior parte delle ideologie delle élite globalizzate - compresi i cambiamenti climatici catastrofici, la teoria critica della razza e il femminismo #MeToo - sono intrinsecamente irrazionali. Non sono altro che forme auto-indulgenti di atteggiamenti morali che sono intrinsecamente incapaci di risolvere i problemi che pretendono di curare. (Se qualcuno dubita di questa proposizione, dovrebbe chiedersi se la teoria critica della razza ha migliorato le relazioni razziali in America di recente, o se il femminismo #MeToo ha migliorato le relazioni tra i sessi).


Queste ideologie si sono sviluppate progressivamente e sempre più irrazionalmente dalla fine degli anni '60 in poi, al fine di proteggere un ordine economico occidentale globalizzato che rifiutava di riformarsi in modo significativo. Presentandosi falsamente come dottrine radicali, esse sono profondamente conservatrici nel loro nucleo, sostituendo le categorie di classe e sociali con categorie biologiche secondo le quali privilegi e "libertà" surrogate sono distribuite ai gruppi favoriti, lasciando inalterate le disuguaglianze economiche e i problemi sociali reali. Il progresso è definito biologicamente piuttosto che socialmente ed economicamente. L'irrazionalità di queste dottrine è, naturalmente, intensificata dal rifiuto categorico dei loro aderenti di permettere qualsiasi critica nei loro confronti.


Non è facile per gli individui sfidare le ideologie dominanti sancite dallo stato, anche nei tempi migliori - ed è particolarmente difficile farlo nella maggior parte delle società occidentali di questi tempi. Essere "cancellati" non è un'esperienza piacevole. Tuttavia, è importante che tali sfide siano fatte - e i genitori dell'Australia Occidentale devono essere lodati per la posizione coraggiosa che hanno preso contro la formidabile serie di forze ideologiche e istituzionali che li hanno affrontati.  


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia