Il consigliere di Biden per la sicurezza nazionale implicato nella truffa del Russiagate dell'Alfa Bank

 

Il consigliere di Biden per la sicurezza nazionale implicato nella truffa del Russiagate dell'Alfa Bank

Di Kit Klarenberg, un giornalista investigativo che esplora il ruolo dei servizi segreti nel plasmare la politica e le percezioni. Seguilo su Twitter @KitKlarenberg


L'incriminazione dell'avvocato Michael Sussmann promette di fare più luce su ciò che è realmente accaduto durante il Russiagate. E solleva anche domande sul possibile coinvolgimento di Jake Sullivan - ora consigliere per la sicurezza nazionale.

Il 16 settembre, lo Special Counsel John Durham ha accusato Sussmann, un partner di Perkins Coie, lo studio legale che rappresentava i democratici e la campagna di Hillary Clinton nel 2016, di aver fatto false dichiarazioni all'FBI nel corso della sua indagine Trump-Russia.


Sussmann ha incontrato l'avvocato James Baker nel settembre 2016, e ha affermato che l'Organizzazione Trump aveva usato un server segreto della Banca Alfa della Russia come canale di comunicazione con il Cremlino. Quello che non ha menzionato, secondo l'atto d'accusa, è che stava conducendo "ricerche di opposizione" su Trump, e "coordinandosi" con la campagna della Clinton per presentare quelle informazioni all'FBI e ai media tradizionali. In effetti, l'accusa suggerisce che Sussmann ha mentito, affermando che ha detto apertamente che non stava conducendo un lavoro "per nessun cliente".


Questo ha portato Baker a "capire che Sussmann stava agendo come un buon cittadino che si limitava a passare informazioni, non come un sostenitore pagato o un operativo politico", quando in realtà, afferma Durham, stava agendo per conto di tre clienti specifici - un dirigente dell'industria tecnologica statunitense senza nome, una società internet statunitense e la campagna Clinton. 


Sussmann nega qualsiasi atto illecito e si è dichiarato non colpevole, sostenendo che le accuse sono motivate politicamente - i suoi avvocati difensori sostengono che non ha fatto alcuna dichiarazione falsa, e chi stava rappresentando non era un fatto materiale. Tuttavia, nel dicembre 2017, l'imputato ha detto alla commissione del Congresso sull'intelligence che le informazioni su Alfa Bank gli sono state date "da un cliente" e "assolutamente" non da "qualsiasi altra fonte", e che il suo cliente lo aveva esplicitamente diretto a parlare con Baker e altri.


In ogni caso, i dossier che delineavano le accuse incendiarie sono stati passati anonimamente a tutte le principali testate giornalistiche statunitensi nel corso della campagna elettorale presidenziale del 2016, e molti li hanno avidamente sfruttati. Tuttavia, non tutti i giornalisti erano convinti, e diverse organizzazioni si sono rifiutate di pubblicare qualcosa sul materiale. L'Intercept ha pubblicato un rapporto pungente sulle accuse una settimana prima del voto, documentando come i record DNS forniti dalla fonte anonima "non possono davvero provare nulla, e certamente non la 'comunicazione' tra Trump e Alfa," e nessuno "può dimostrare che un singolo messaggio è stato scambiato tra Trump e Alfa."


Lo stesso giorno, tuttavia, la Clinton ha attirato l'attenzione sul "server segreto" sui social media, condividendo una dichiarazione sull'argomento del suo consigliere politico senior Jake Sullivan, comportandosi come se le informazioni che il suo team ha passato ai media fossero nuove per lei.


"Questo potrebbe essere il collegamento più diretto tra Trump e Mosca... Questa hotline segreta potrebbe essere la chiave per svelare il mistero dei legami di Trump con la Russia. Sembra certamente che la Trump Organization sentisse di avere qualcosa da nascondere", ha affermato audacemente. "Possiamo solo supporre che le autorità federali ora esploreranno questa connessione diretta tra Trump e la Russia come parte della loro sonda esistente sull'ingerenza della Russia nelle nostre elezioni".


L'atto d'accusa chiarisce che Sullivan era un giocatore chiave negli sforzi della campagna di Clinton per pubblicizzare la disinformazione Alfa Bank. Registra come Sussmann è stato "avvisato" delle accuse di Alfa Bank dal suo cliente dirigente tecnologico nel luglio 2016, e "nelle settimane successive, come parte del loro rapporto avvocato-cliente", la coppia si è impegnata con un avvocato della campagna di Clinton e individui che agiscono per conto del candidato per condividere le false accuse "con i media e altri".


A metà settembre, l'avvocato ha scambiato e-mail con "il manager della campagna, il direttore delle comunicazioni e il consigliere di politica estera" riguardo alle false accuse, e il successo di Sussmann fino ad oggi nel coltivare l'interesse dei media. Questo contatto era così significativo che l'avvocato ha specificamente fatturato la campagna Clinton per la corrispondenza, una voce di accompagnamento - intitolata "re: Alfa Bank Article" - nominando Sullivan, il manager della campagna e il suo direttore delle comunicazioni.


Sullivan è stato poi nominato consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden nel novembre 2020. Ora ci deve essere da chiedersi se la sua posizione rimane sostenibile, dato che Durham ha istituito un gran giurì dedicato per indagare sulla frode dell'Alfa Bank, e diverse altre persone coinvolte possono anche successivamente affrontare le accuse di dare false informazioni ai funzionari federali - l'accusa può solo sollevare domande se Sullivan era uno di loro, cosa sapeva, e quando.


L'ipotesi investigativa di Durham è che la campagna della Clinton abbia usato consapevolmente Perkins Coie per presentare all'FBI informazioni dubbie sui legami inesistenti di Trump con il Cremlino, al fine di "gonfiare" l'attività investigativa dell'agenzia al riguardo, e danneggiare le sue prospettive elettorali. Se è vero, Sussmann sembra certamente centrale in questi sforzi di cappa e spada - era il rappresentante del Comitato Nazionale Democratico che ha contrattato la società di cybersicurezza CrowdStrike, raggiungendo personalmente il suo presidente Shawn Henry per l'assistenza della sua azienda nell'indagine sulla fuga di email interne dai server del DNC.


CrowdStrike ha concluso che le email erano state violate dai servizi segreti russi, il che ha informato la saggezza mainstream universalmente ricevuta sull'argomento. Le ripetute ammissioni di Henry nel dicembre 2017 alla Commissione Intelligence della Camera che la sua azienda non possedeva alcuna "prova concreta" che i file fossero stati violati, tanto meno dalla Russia, non sono state riportate al momento della loro pubblicazione nel maggio 2020. Che la CIA mantenga una tecnologia, soprannominata Marble Framework, che può falsamente attribuire i cyberattacchi a paesi stranieri - compresa la Russia - non è mai stata riconosciuta da un media occidentale.


Un altro filone dell'assalto informativo di Perkins Coie è stato l'assunzione di Fusion GPS, che ha notoriamente arruolato i servizi dell'ex agente del MI6 Christopher Steele per compilare un dossier sui legami tra la campagna Trump e Mosca. La testimonianza dell'agosto 2017 del cofondatore della società Glenn Simpson alla Commissione Giudiziaria del Senato sembrerebbe rafforzare l'ipotesi di Durham, dato che ha rivelato che Fusion GPS si è impegnata in una serie di schemi insidiosi per garantire che il dossier raggiungesse il "livello di leadership" dell'FBI, in quanto si sentiva che gli operatori senior avrebbero "trattato [le informazioni] molto seriamente".


Un sotterfugio coinvolgeva Steele che informava il Bureau sulle accuse, dopodiché Fusion GPS "incoraggiava" i giornalisti a chiedere all'FBI se stavano indagando sulle connessioni di Trump con la Russia. Un altro, che si è rivelato decisivo, ha visto il socio di Steele Andrew Wood, ex ambasciatore del Regno Unito in Russia, parlare con John McCain del dossier al forum internazionale sulla sicurezza di Halifax del novembre 2016 in Canada. Opportunamente preoccupato, McCain ha fatto in modo che gli venisse fornita una copia del dossier, che ha poi passato al direttore dell'FBI James Comey. A sua volta, ha raggiunto la scrivania del presidente Barack Obama nella prima settimana di gennaio dell'anno successivo.


Altri schemi potrebbero essere portati alla luce nel corso del processo di Sussmann. Solo Fusion GPS ha chiaramente molto da nascondere - nel 2017, i proprietari di Alfa Bank hanno citato in giudizio Fusion GPS e Simpson per la pubblicazione di false dichiarazioni che accusavano l'organizzazione di "corruzione, estorsione e interferenza nelle elezioni presidenziali del 2016". Nel maggio di quest'anno, gli avvocati della banca hanno presentato una mozione per obbligare la divulgazione di circa 500 documenti ingiustamente trattenuti nel corso del processo.


Fusion GPS e Simpson hanno combattuto con le unghie e con i denti per impedire il loro rilascio da allora, sostenendo discutibilmente che sono soggetti al "privilegio avvocato-cliente" e quindi non dovrebbero essere soggetti alla produzione. Tra le comunicazioni che la coppia cerca di tenere segrete ci sono quelle tra Fusion GPS e Perkins Coie, compresa la corrispondenza con Sussmann poche settimane prima di incontrare Baker. Guardate questo spazio.



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia