In Australia è ufficiale: la popolazione non ha nessun diritto

 

In Australia è ufficiale: la popolazione non ha nessun diritto

Di Caitlin Johnstone, una giornalista indipendente con sede a Melbourne, Australia. Il suo sito web è qui e potete seguirla su Twitter @caitoz


Il governo australiano è stato ultimamente oggetto di sempre più critiche per la sua risposta alla crisi, non solo a livello nazionale ma anche all'estero.


C'è molto da criticare, dai soldati che pattugliano i confini dello stato e sorvegliano le strade di Sydney, alle persone che vengono arrestate per aver semplicemente pubblicato sui social media le proteste per l'isolamento, alla polizia che accede alle informazioni QR-tracing e spara armi a proiettile contro i manifestanti dell'isolamento, alle emittenti televisive che nominano e svergognano i pazienti Covid che violano gli ordini di isolamento, al sistema di quarantena spesso inefficace degli hotel per i viaggiatori che viene sostituito con strutture di quarantena costruite appositamente e app di sorveglianza orwelliane. Gli stati di Victoria e del Nuovo Galles del Sud hanno iniziato a muoversi verso la riapertura dopo che la variante Delta ha dimostrato che gli obiettivi zero-Covid sono irraggiungibili anche in mezzo a severe chiusure, ma lo faranno aggiungendo l'Australia alla crescente lista di nazioni che hanno implementato la politica pericolosamente autoritaria dei passaporti vaccinali.


E ci sono altri aspetti di questa tendenza che non hanno nulla a che fare con Covid. Uno dei più controversi sviluppi recenti nell'escalation del governo australiano (e potenzialmente il più consequenziale a lungo termine) è stata la frettolosa approvazione di una nuova legge che espande notevolmente i poteri di sorveglianza del governo, che permette alle forze dell'ordine di entrare nei dispositivi delle persone e raccogliere, cancellare, o anche aggiungere e alterare i dati in essi contenuti, così come prendere il controllo dei loro account sui social media, presumibilmente "al fine di frustrare la commissione di gravi reati online".


I critici tendono ad associare questa vasta escalation dello stato di sorveglianza alle politiche autoritarie legate alla pandemia, ma il progetto di legge non fa alcuna menzione di Covid; i suoi sostenitori citano la sua utilità nella lotta contro il terrorismo e lo sfruttamento dei bambini. In effetti questo progetto di legge, che certamente porterà ad una miriade di abusi, è solo l'ultimo di una continua espansione dei poteri di sorveglianza del governo in Australia che va avanti da anni. Questo video di The Juice, per esempio, è stato fatto nel 2018, criticando l'assalto di Canberra alla crittografia:


In realtà, mentre la pandemia è stata certamente un fattore importante nell'esacerbare l'erosione dei diritti civili, la risposta Covid dell'Australia si è semplicemente aggiunta a un problema che esisteva già e stava solo peggiorando. Il rapporto 2019 di Civicus Monitor, un gruppo di ricerca globale che tiene traccia delle libertà fondamentali in 196 paesi, ha declassato l'Australia da un paese "aperto" a uno in cui lo spazio civile si è "ristretto", citando nuove leggi per espandere la sorveglianza del governo, la persecuzione degli informatori e le irruzioni nelle organizzazioni dei media. 


E questa tendenza in corso può essere in gran parte ricondotta al fatto che l'Australia è l'unica cosiddetta democrazia al mondo che non ha una carta nazionale o una legge dei diritti di alcun tipo. Un'enorme quantità di fiducia è stata riposta nei legislatori statali e federali per fare semplicemente la cosa giusta, il che si è dimostrato sciocco e inefficace. Il professor George Williams ha scritto per la Melbourne University Law Review nel 2006:


L'Australia è ora l'unica nazione democratica al mondo senza una legge nazionale sui diritti. Una qualche forma completa di protezione legale per i diritti di base è altrimenti vista come un controllo ed equilibrio essenziale nel governo democratico in tutto il mondo. Infatti, non riesco a trovare alcun esempio di una nazione democratica che abbia ottenuto una nuova Costituzione o un sistema legale negli ultimi decenni che non abbia incluso una qualche forma di legge sui diritti, né sono a conoscenza di alcuna di queste nazioni che abbia eliminato una legge sui diritti una volta che è stata messa in atto.


Perché, allora, l'Australia è un'eccezione? La risposta sta nella nostra storia. Anche se molti pensano all'Australia come un paese giovane, costituzionalmente parlando, è uno dei più antichi del mondo. La Costituzione australiana è rimasta quasi completamente com'era quando è stata promulgata nel 1901, mentre le Costituzioni degli stati australiani possono risalire fino al 1850. I sistemi giuridici e le Costituzioni della nazione e delle colonie australiane (e poi degli stati) sono stati concepiti in un'epoca in cui i diritti umani, con l'importante eccezione del Bill of Rights degli Stati Uniti del 1791, tendevano a non essere protetti attraverso un unico strumento giuridico. Certamente, allora non c'era una legge simile nel Regno Unito, sul cui sistema giuridico il nostro è sostanzialmente basato. Questo è cambiato, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale e il passaggio della Dichiarazione universale dei diritti umani, ma, a quel punto, il sistema di governo australiano era in funzione da decenni.


Traduzione del tweet: "Vi ricordo amichevolmente che mentre il 61% degli australiani crede di avere una carta dei diritti, l'Australia rimane l'unica democrazia occidentale sviluppata che ne è priva. Non c'è letteralmente nulla che impedisca al nostro governo di abusare di queste misure". 


Lo stato di Victoria ha una Carta dei Diritti Umani e delle Responsabilità, che presumibilmente include diritti come la libertà di movimento e di riunione pacifica, ma tali protezioni sono state liquidate senza tante cerimonie, in quanto i premier statali hanno sfruttato i poteri di vasta portata che quasi nessuno sapeva di possedere e hanno iniziato a imporre leggi severe per mettere il virus sotto controllo.


I funzionari sono stati ricompensati per queste azioni drastiche con un fragoroso sostegno pubblico e, fino a pochi mesi fa, il governo australiano ha goduto di alti livelli di approvazione da parte di una popolazione dalla mentalità molto collettivista che desiderava in modo schiacciante l'eliminazione del virus anche se ciò significava barattare alcune libertà. L'approvazione di quelle misure severe è diminuita significativamente dopo l'epidemia del Delta, ma la maggioranza degli australiani crede ancora che le chiusure e altre restrizioni siano a livelli appropriati per il momento. L'assenza di qualsiasi restrizione federale sulla capacità dei governi statali di limitare le libertà personali ha permesso ai premier di inseguire questo sostegno pubblico senza curarsi delle potenziali conseguenze a lungo termine.


L'Australia non è un paese libero. Gli occidentali sono addestrati a credere che questo sia ciò che si chiama una ricca nazione anglofona con valori culturali liberali, ma in realtà è solo una base militare statunitense delle dimensioni di un continente con canguri. I diritti umani sono permessi solo dove sono convenienti, ed è per questo che si disintegrano continuamente.


Il primo errore nel credere che l'Australia sia un paese libero è credere che sia libero. Il secondo è credere che sia un paese vero e proprio. Come ha detto Julian Assange poco prima che il governo australiano gli permettesse di essere messo a tacere e poi imprigionato per il giornalismo che esponeva i crimini di guerra degli Stati Uniti:

Amo il mio paese natale, l'Australia, ma come stato non esiste. Ecco perché: il suo primo ministro mi ha denunciato, si è mosso per cancellare il mio passaporto, ha passato segretamente dati su di me all'intelligence statunitense e non ha mai fatto dichiarazioni a mio favore. È di proprietà di corporazioni

+ Regno Unito. Prima della seconda guerra mondiale, l'Australia era dominata dal Regno Unito - di cui era una colonia. Dopo la guerra, si è subordinata all'egemonia statunitense. Un breve tentativo di politica estera australiana indipendente nel 1975 è sfociato in un colpo di stato costituzionale sostenuto da USA+UK.


Traduzione del tweet: "Amo il mio paese natale, l'Australia, ma come stato non esiste. Ecco perché il suo primo ministro mi ha denunciato, si è mosso per cancellare il mio passaporto, ha passato segretamente dati su di me all'intelligence statunitense e non ha mai fatto dichiarazioni a mio favore. È di proprietà di corporazioni statunitensi e britanniche".

 

Comunque, è un casino.


Quindi cosa fare di tutto questo? Se leggete i commenti sui social media della gente dell'emisfero settentrionale, la risposta è che gli australiani dovrebbero scatenare una guerra civile contro il loro governo, il che, dal mio punto di vista, è esilarante, in parte perché stanno parlando di un popolo il cui intero sistema di valori culturali è costruito intorno all'essere rilassati e non disturbati, e in parte perché la maggior parte di questi commentatori sono americani che vivono direttamente sotto il regime più tirannico del mondo e che devono ancora mettere in pratica il loro tanto decantato Secondo Emendamento per mettere in pratica ciò che predicano.


Ci sono molte cose che dovranno cambiare prima che gli australiani ottengano protezioni stabili per le loro libertà civili, il che dovrà necessariamente includere non solo un qualche tipo di legge dei diritti ma diventare una vera repubblica e finalmente togliere quella brutta vecchia dalle nostre monete e porre fine all'illegittima occupazione militare statunitense qui una volta per tutte. Questo non accadrà finché non ci sarà un'espansione nella coscienza pubblica della necessità di fare questo, che può o non può nascere da condizioni che peggiorano molto prima di migliorare. Potrebbe anche nascere da una massa critica di australiani che decidono di essere stufi e iniziano una vera spinta verso il diventare un paese libero.


In conclusione: la risposta alla domanda su cosa deve succedere perché l'Australia si muova verso la salute è la stessa di ogni altro paese. Dobbiamo solo svegliarci. La coscienza umana vuole risvegliarsi, e ci scuoterà in qualsiasi modo abbiamo bisogno di essere scossi per far sì che ciò accada. Questo è un tempo infernale per essere vivi.


Se ti piace questa storia, condividila con un amico!

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia