Soffri della "sindrome della caverna" di Covid-19? Niente panico! C'è una soluzione semplice

 

Soffri della "sindrome della caverna" di Covid-19? Niente panico! C'è una soluzione semplice

Charlie Stone

Charlie Stone è un autore e giornalista che ha lavorato per la BBC, diversi giornali nazionali nel Regno Unito e media internazionali.


Chiusure, morti, nuove varianti, maschere e lavaggi di mani incessanti: c'è da meravigliarsi se molti di noi soffrono di una scossa d'ansia chiamata "sindrome della caverna"? Beh, c'è una cura semplice: uscire di più.

Fantastico. C'è un nome per come si sentono milioni di persone in questo momento. E, per una volta, è un nome che descrive perfettamente ciò di cui si tratta: sindrome della caverna. 


Vi state aggrappando alle vostre maschere anche se non ne avete bisogno? State seduti fuori nella birreria anche se piove? Sudate freddo quando sentite le parole 'nuova variante'? Se qualcuno tossisce o starnutisce nelle vicinanze, trattenete il respiro e correte a casa il più velocemente possibile? Per questo, non preferireste comunque rimanere a casa - per sempre? 


Sì. Allora ce l'hai: la sindrome della caverna. 


Non è molto meglio del nome della dannata cosa che causa questa sindrome? Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) non è esattamente un nome che salta alla mente, vero? 


Forse gli scienziati avrebbero anche potuto trovare un nome migliore per la malattia che il virus causa. Invece di Covid-19, perché non chiamarla 'Bat Skum', 'The Wuhan Wallop', 'Stay-indoors Disease (SiD)' o forse 'Oh, For F***'s Sake (OFFS)'. 


Questo nuovissimo termine 'sindrome della caverna' è stato coniato dallo psichiatra della Florida Arthur Bregman, che ha visto sempre più pazienti stressati al massimo per il solo fatto di tornare alla 'normalità' mentre la pandemia comincia a svanire. 


Anche se questo strano nuovo problema era un po' come l'agorafobia (sentirsi intrappolati, in pratica) e il disturbo affettivo stagionale (è inverno - che palle), non c'era un nome per questa nuova manifestazione d'ansia.


"Mi sono presto reso conto che quasi la metà dei miei pazienti stava lottando con il 'lasciare la caverna' e che si trattava di una sindrome", ha detto Bregman a MEL Magazine. "La lampadina si è accesa, e ho deciso di chiamare questo comportamento 'sindrome della caverna'".


Andare al lavoro, in particolare, sta causando un sacco di persone a considerare la richiesta di un certificato di malattia, dice Bregman. Non è certo una sorpresa - è come se il primo giorno di ritorno a scuola incombesse nell'imminente futuro dopo una lunga vacanza estiva.


Così, Covid-19 può essere venuto dai pipistrelli, ma ora sembra che a molti di noi piaccia anche vivere nelle grotte. Invece di ascoltare il gocciolare dell'acqua e gli echi spettrali nella totale oscurità, le nostre caverne sono dotate di una scatola di luce tremolante e di consegne di cibo - anche se, abbastanza presto, Netflix ha finito le novità, così come HBO e Disney+. Alcuni di noi hanno persino dovuto accendere BBC One o BBC Two per la prima volta dopo anni.


Ragazzi e ragazze, non c'è più niente da guardare - avete visto tutto! E quante pizze si possono mangiare? Ci stiamo evolvendo in una specie di fumatori a catena, tracannatori di birra e consumatori di porno. Anche il cane da compagnia sta diventando porcello.


Un effetto collaterale di Covid-19 non è - non ancora, comunque - emerso che ha dato alla gente la voglia di appendere a testa in giù, come un pipistrello, per i piedi, ma dategli tempo. Potrebbero esserci molti altri postumi della pandemia prima che sia finalmente finita.


Abbiamo tutti trascorso 18 mesi o giù di lì a nasconderci dall'invisibile mostro Covid, quindi non c'è da meravigliarsi se molti di noi stanno tornando alla luce con un po' di apprensione. Chiusure a chiave, niente vacanze estive, soffocare le nostre facce con maschere e lavarci incessantemente le mani, test per il lavoro e test per i viaggi e... test, test, test!


Comunque, guarda il lato positivo. Avete presente quell'orribile pranzo in famiglia che volete evitare, o quei drink dopo lavoro con persone del lavoro che proprio non vi piacciono? Ora hai la scusa perfetta: "Non posso venire - mi dispiace. Ho la sindrome della caverna".


C'è solo una cura per la sindrome della caverna, però: devi alzare il tuo culo sempre più largo dal divano, metterti le scarpe, uscire e, preferibilmente, trovare un po' di compagnia umana. 


"Stare fuori nella natura è stato associato a una ridotta ruminazione e all'attivazione della corteccia prefrontale subgenuale", ha detto a MEL Magazine Dorlee Michaeli, una psicoterapeuta. Queste chiacchiere da burocrate mi fanno male al cervello, ma a quanto pare lei intende la parte che si occupa delle ricompense e delle emozioni. 


"Una sufficiente esposizione alla luce naturale aiuta le persone ad affrontare l'ansia", ha aggiunto, "allontanando il disturbo affettivo stagionale, migliorando il sonno, oltre a ridurre la ruminazione e diminuire il cortisolo".


Il problema con questa cosa della sindrome dell'uomo delle caverne è che nasce da valide preoccupazioni di prendere effettivamente la temuta malattia. Ma la vita deve andare avanti! Anche se indossi un bel mantello nero su quel divano, non sei, per natura, un pipistrello. E che dire dell'influenza? E un po' di detriti spaziali che ti schiacciano mentre vai al pub? La vita è un rischio - fa parte dell'accordo.


"Più a lungo un paziente rimane al riparo", ha detto il dottor Bregman, "più è difficile incoraggiarlo ad avventurarsi fuori, quindi non aspettare..."


Via, all'aperto! Andrà tutto bene, davvero! 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia