USA: File declassificati rivelano il doppio gioco nelle relazioni con l'Iran rivoluzionario fin dal primo giorno

 

USA: File declassificati rivelano il doppio gioco nelle relazioni con l'Iran rivoluzionario fin dal primo giorno

Di Kit Klarenberg, un giornalista investigativo che esplora il ruolo dei servizi segreti nel plasmare la politica e le percezioni. Seguilo su Twitter @KitKlarenberg


Un nuovo lavoro accademico, Worlds Apart, fornisce una storia documentaria delle relazioni tra Washington e Teheran tra il 1978 e il 2018. Racconta una storia straordinaria di colpi di stato, accordi segreti, sabotaggio e cooperazione nel corso di quattro decenni.

Per segnare la sua uscita, il National Security Archive ha pubblicato una serie di file declassificati altamente illuminanti sull'argomento, molti dei quali non sono mai stati visti prima.


Il percorso dei documenti inizia il 3 gennaio 1979, quando l'insurrezione si stava intensificando in Iran da quasi un anno. Con lo Scià, installato e sostenuto dall'Occidente, ancora disperatamente aggrappato al potere, ma solo per poco, fu convocata una riunione informale del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Erano presenti il presidente Jimmy Carter, il vicepresidente Walter Mondale, il consigliere per la sicurezza nazionale Zbigniew Brzezinski, il segretario di Stato Cyrus Vance e il direttore della CIA Stansfield Turner.


L'insurrezione era in cima all'ordine del giorno, con Carter che chiedeva ai presenti se si dovesse chiedere allo scià di "farsi da parte", sostenendo che un "Iran genuinamente non allineato non deve essere visto come una battuta d'arresto degli Stati Uniti". Per lui, la "questione centrale" era "se la partenza anticipata dello scià è favorevole agli Stati Uniti". La proposta è stata sostenuta da Turner e Vance, il primo affermando fermamente che il leader "deve andarsene", il secondo suggerendo che una tale mossa avrebbe dato al neo-primo ministro Shapour Bakhtiar "più di una possibilità di successo".


Al contrario, Brzezinski, un noto falco, ha chiarito la sua opposizione alla rimozione dello scià nei termini più forti, avvertendo delle "probabili conseguenze" della sua partenza per "i nostri amici in Iran", dato che il disimpegno degli Stati Uniti "potrebbe precipitare il paese nell'anarchia o addirittura nella guerra civile". Egli ha sostenuto che se lo scià è stato effettivamente spinto ad andarsene, Washington dovrebbe "compensare" con impegni chiari di sostegno degli Stati Uniti per i militari del paese che prendono il potere "se il peggio viene al peggio e la violenza viene usata".


In altre parole, Brzezinski stava sostenendo un colpo di stato militare se la rivoluzione nascente fosse diventata troppo radicale. Alla fine, fu raggiunto un compromesso, con l'offerta allo Shah di un rifugio negli Stati Uniti in cambio dell'abdicazione, l'invio di un alto generale a Teheran per rassicurare i capi militari che Washington "li sostiene completamente, non importa quali circostanze politiche transitorie possano sorgere", e l'equipaggiamento e il personale "sensibili" contrabbandati fuori da Teheran.


Fu così che, 13 giorni dopo, lo scià fuggì. Da allora rimbalzò da un paese all'altro, ma non fu accettato dagli Stati Uniti fino all'ottobre 1979, e solo allora con riluttanza - nel frattempo era stato abbandonato dal suo ex sponsor occidentale. Carter tuttavia cedette alle suppliche di David Rockefeller, amministratore delegato della Chase Manhattan Bank, di farlo curare dai medici americani per il cancro, nonostante gli avvertimenti del Dipartimento di Stato che l'ambasciata americana a Teheran sarebbe stata sequestrata se lo scià fosse stato ammesso.


Quelle terribili previsioni si rivelarono corrette, gli studenti iraniani presero d'assalto l'edificio e presero in ostaggio i suoi occupanti il mese successivo. Rockefeller aveva fornito all'Iran un dubbio prestito di 500 milioni di dollari nel 1978, da cui la nuova repubblica islamica fece "sostanziali prelievi" dal suo conto Chase Manhattan l'anno successivo. Si ipotizza che Rockefeller sapesse che ci sarebbero state ripercussioni per l'ammissione dello scià negli Stati Uniti, facendo precipitare il sequestro dei beni finanziari iraniani negli Stati Uniti - e impedendo all'Iran di accedere a qualsiasi altro prestito.


Andiamo avanti fino al 1986, con la guerra Iran-Iraq al suo sesto anno, iniziata da Baghdad con l'incoraggiamento e il sostegno dell'amministrazione Carter. A quel punto, gli Stati Uniti stavano armando entrambe le parti in conflitto. Henry Kissinger ha osservato: "È un peccato che non possano perdere entrambi".


La motivazione ufficiale per fornire armi a Teheran era assicurare il rilascio di sette cittadini americani tenuti in ostaggio in Libano da Hezbollah - un gruppo strettamente legato al Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche - in un accordo segreto. Tuttavia, questo era secondario all'uso dei profitti derivati dalle vendite per finanziare illegalmente la guerra sporca dell'amministrazione Reagan in Nicaragua, in cui i Contras fascisti furono sostenuti nella loro insurrezione contro i Sandinisti al potere da Washington in violazione dei divieti del Congresso sul sostegno al gruppo.


Nell'ottobre di quell'anno, l'alto funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale Oliver North - una figura centrale nella conseguente controversia 'Iran-Contra' - organizzò un incontro top-secret con i rappresentanti del corpo di guardia nella Germania Ovest, per negoziare l'accordo "armi in cambio di ostaggi". Fu registrato illecitamente, e una trascrizione della discussione rende inequivocabilmente chiaro che Washington era bloccata in un dilemma intrattabile.


Da un lato, la disperazione ufficiale di liberare i prigionieri ha prodotto una disponibilità a consegnare qualsiasi arma richiesta da Teheran, compresi missili terra-aria e sistemi radar che sarebbero stati probabilmente decisivi nel conflitto. Dall'altro, si capiva bene che fornire quelle munizioni avrebbe reso innegabile il ruolo degli Stati Uniti nella loro fornitura - in violazione degli embarghi internazionali sulle armi - e, nel processo, li avrebbe legati inestricabilmente al rilascio degli ostaggi, cosa che la Casa Bianca era estremamente desiderosa di evitare.


"Abbiamo ottenuto l'autorità presidenziale per la consegna aerea immediata di questi articoli... E il presidente degli Stati Uniti ha approvato un'operazione segreta per consegnare questi articoli immediatamente, [ma] stiamo guardando un minimo di quattro carichi di attrezzature", ha detto North. "Migliaia di persone negli Stati Uniti, come minimo, ne sarebbero a conoscenza. Se stiamo per fare qualcosa del genere, deve essere molto chiaro che lo stiamo facendo perché stiamo lavorando per un equilibrio militare nella regione, e una soluzione politica".


North ha rassicurato il contingente iraniano sul fatto che Reagan aveva rifiutato la lista di armi richieste che aveva presentato privatamente nello Studio Ovale sulla base del fatto che non andava abbastanza lontano, ed era disposto a mandare molto di più, sbattendo il consigliere del Consiglio per "pensare così in piccolo" e dichiarando, mentre batteva il pugno indignato sulla sua scrivania, che lui "[voleva] finire quella guerra in termini che sono accettabili per l'Iran". Eppure "ogni volta che arriviamo al punto in cui possiamo agire in questo senso, troviamo questo ostacolo seduto in mezzo alla strada", si è disperato.


Quell'ostacolo era la pubblicazione dell'accordo - anche se un rappresentante del corpo di guardia aveva cattive notizie da dare: vale a dire, che i rapporti sugli accordi di cappa e spada erano già da tempo in circolazione a Teheran, grazie agli oppositori della cooperazione con gli Stati Uniti di qualsiasi tipo. Queste rivelazioni si diffusero nei media occidentali, costringendo Reagan a fare un discorso televisivo per negare le accuse poche settimane dopo l'incontro di North. Durante il discorso, il presidente ha respinto "le storie sulle armi per gli ostaggi e i presunti pagamenti di riscatto" come "selvaggiamente speculative e false".


Solo cinque mesi dopo, Reagan parlò di nuovo al popolo americano via TV. Ricordò loro la sua precedente smentita, razionalizzando che mentre "il mio cuore e le mie migliori intenzioni mi dicono ancora che è vero", purtroppo "i fatti e le prove mi dicono che non lo è".


I file appena declassificati suggeriscono che il presidente era ben consapevole dei "fatti e delle prove" per tutto il tempo, e aveva voluto espandere lo stratagemma criminale segreto in una misura molto più estrema di quanto Teheran o i suoi subordinati abbiano mai fatto. Dato che questo è seguito solo pochi anni dopo che elementi all'interno di Washington hanno sostenuto un colpo di stato militare di cappa e spada per prevenire la formazione della Repubblica Islamica dell'Iran, si può solo ricordare la famosa dichiarazione di Kissinger che "l'America non ha amici o nemici - solo interessi".


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia