Samsung sta progettando di reingegnerizzare il cervello umano su un chip

 
Samsung sta progettando di reingegnerizzare il cervello umano su un chip

'Eccomi qui, 100 miliardi di neuroni e tutto quello che vuoi che faccia è calcolare tutti i modi in cui questo potrebbe andare male?


Il mega-conglomerato industriale Samsung sta lavorando per "copiare e incollare" la struttura del cervello umano sui chip del computer.

La megacorp coreana ha collaborato con l'Università di Harvard per replicare la struttura del cervello in un formato di chip nella speranza che questo permetta ai futuri chip di accedere alle capacità di "basso consumo, apprendimento facile, adattamento all'ambiente e persino autonomia e cognizione" del cervello.

Secondo Samsung: "Il cervello è composto da un gran numero di neuroni e la loro mappa di cablaggio è responsabile delle funzioni del cervello. Quindi la conoscenza della mappa è la chiave per il reverse engineering del cervello".

I quattro nomi elencati per il superpesante team Samsung-Harvard includono i professori di Harvard Donhee Ham e Hongkun Park; il presidente e CEO di Samsung SDS Sungwoo Hwang; e il VC e CEO di Samsung Electronics, Kinam Kim.

Il loro "perspective paper" - "Neuromorphic electronics based on copying and pasting the brain", pubblicato su Nature Electronics - suggerisce che copiando la complessa meccanica del cervello e trasponendola sulla tecnologia di memoria di Samsung, l'elettronica potrebbe essere in grado di imitare alcune delle qualità del cervello.

"L'essenza di questa visione è quella di 'copiare' la mappa di connettività sinaptica funzionale di una rete neuronale di mammiferi utilizzando strumenti avanzati di neuroscienze e poi 'incollare' questa mappa su una rete tridimensionale ad alta densità di memorie a stato solido. Il nostro approccio di copia-e-incolla potrebbe potenzialmente portare a circuiti integrati in silicio che approssimano meglio le caratteristiche di calcolo del cervello", afferma il documento.

Il team ha intenzione di farlo utilizzando "un innovativo array di nanoelettrodi sviluppato dal dottor Ham e dal dottor Park, e di incollare questa mappa su una rete tridimensionale ad alta densità di memorie a stato solido".

Questa è una richiesta abbastanza grande, come nelle parole di Samsung: "Dal momento che il cervello umano ha circa 100 miliardi di neuroni e un numero di connessioni sinaptiche mille volte superiore, il chip neuromorfico definitivo richiederà circa 100 trilioni di memorie".

Questo è un "perspective paper" e quindi è un po' speculativo nelle sue idee, e Samsung non ha rivelato quanto tempo pensa che ci potrebbe volere per creare un tale colosso informatico (o quanto grande sarebbe). Ma mentre questi sono chiaramente numeri enormi, in termini di semplice matematica non sono in realtà al di là della tecnologia che abbiamo attualmente.

Cento trilioni di byte equivalgono a 100 terabyte e mentre potrebbe essere difficile per qualsiasi replica umana dei percorsi neurali essere elegante nella sua esecuzione come ciò che l'evoluzione naturale è riuscita a fare, Samsung è chiaramente in grado di fornire ad un tale progetto tutta la memoria ad alta tecnologia di cui ha bisogno.

Quindi potrebbe essere che l'unica cosa che ci impedisce di replicare il cervello umano, e forse di creare effettivamente il supercomputer Multivac di Isaac Asimov senza che sia lungo mezzo miglio e alto tre piani, è se la "matrice di nanoelettrodi" del dottor Ham e del dottor Park sia all'altezza del compito.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia