Il Libano è sull'orlo di un'altra guerra civile, e i media occidentali stanno coprendo i colpevoli

 

Il Libano è sull'orlo di un'altra guerra civile, e i media occidentali stanno coprendo i colpevoli

Il Libano, che soffre sotto un'economia al collasso, si è deteriorato fino all'orlo della guerra civile ieri, quando uomini armati hanno teso un'imboscata a un gruppo di manifestanti a Beirut, causando almeno sei morti e oltre 30 feriti gravi.

Per finire, il trauma inflitto nella capitale libanese è stato immediatamente armato contro Hezbollah dai media occidentali, che si rifiutano di indicare la parte chiave coinvolta negli attacchi.


Durante quella che doveva essere una protesta pacifica dei sostenitori dei movimenti Amal e Hezbollah, i cecchini hanno improvvisamente iniziato a sparare dai tetti nel quartiere Tayouneh di Beirut, secondo quanto riferito da testimoni oculari. I manifestanti chiedevano il licenziamento dell'investigatore principale, il giudice Tarek Bitar, nell'esplosione del porto di Beirut dello scorso anno, che Hezbollah ha accusato di essere politicamente di parte.


Invece di essere una protesta regolare, che di solito nasce in Libano, gli astanti e i manifestanti sono stati presi nel mezzo di un agguato, che si è trasformato in uno scontro a fuoco di quattro ore, attirando l'esercito libanese per contenere la situazione.


"Al momento dell'imboscata stavo tenendo una lezione online, a casa, e i miei figli erano a scuola", racconta Marwa Osman, docente universitaria e commentatrice politica, che si è precipitata per evacuare i suoi figli dal pericolo.


"Ho iniziato a sentire degli spari e all'inizio ho continuato la mia lezione, ma poi alcuni degli studenti che vivono nella zona hanno iniziato a farsi prendere dal panico, avevano proiettili che volavano su tutte le loro case, o vicino alle loro case, così abbiamo dovuto interrompere per la sicurezza delle persone", ha poi telefonato alla scuola dei suoi figli, che le ha comunicato che i bambini potevano sentire proiettili e RPG. Quando ha deciso di andare a prendere i suoi figli, a Marwa è stato consigliato di fare una deviazione che le ha richiesto 20 minuti in più del solito per arrivare a destinazione, durante la quale è passata "proprio accanto ad Ain al Remmaneh", dove sono iniziati gli spari. "È stato molto, molto spaventoso", ha ricordato, "si possono sentire i proiettili, il fruscio dei proiettili, gli RPG, era una situazione tesa e l'ansia era alle stelle, ma siamo arrivati a casa sani e salvi, al-hamdulillah".


Un testimone oculare con cui ho parlato al telefono e che non ha voluto essere identificato afferma di essere stato presente ad Ain al Remmaneh e dice che le scene erano scioccanti. "Non sapevo cosa fare, tutti correvano e tutto quello che ho sentito erano spari come se provenissero da ogni parte", aggiungendo che "era un'imboscata, è scoppiata dal nulla e avevano persone negli edifici".


Quando gli ho chiesto come è iniziato, ha detto: "Penso che questo sia stato in qualche modo pianificato, non riesco a capire come i cecchini sarebbero già negli edifici, in cima ai tetti, se non fosse già stato deciso prima che avrebbero fatto questo".


Una dichiarazione congiunta sull'attacco è stata rilasciata da Hezbollah e Amal, in cui hanno detto: "Gruppi del partito delle Forze Libanesi si sono dispersi sui tetti degli edifici e hanno cecchinato direttamente con l'intento di uccidere", hanno anche esortato i loro sostenitori a non aggravare la situazione.


Samir Geagea, il presidente del partito politico delle Forze Libanesi, ha denunciato la violenza, ma non ha negato il ruolo del suo partito, aggiungendo che "La causa principale di questi sviluppi risiede nella presenza di armi incontrollate e dilaganti che minacciano i cittadini in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo." Anche le Forze Libanesi hanno rilasciato una dichiarazione, negando l'accusa di "omicidio premeditato".


"Mia sorella lavora in una zona dove sono avvenuti i fatti e ha dovuto fuggire dalla zona appena sono iniziati gli attacchi", ha detto il ricercatore e commentatore politico libanese Hadi Nasrallah. Quando gli è stato chiesto se vede Samir Geagea come colpevole degli attacchi di oggi, ha risposto: "100%. È responsabile di aver provocato i suoi seguaci per mesi e di averli incitati contro Hezbollah e di non aver agito per controllare i suoi militanti negli eventi di oggi. Lui stesso ha una storia criminale".


Hadi crede anche che sia possibile che potenze straniere siano state coinvolte nel sostenere le Forze Libanesi nel loro attacco, quando ho chiesto chi può esserci dietro, ha detto: "Sauditi e Stati Uniti. L'LF non è abbastanza sciocco da entrare in una battaglia con Hezbollah da solo, a meno che non sia stato incitato da potenze straniere e gli sia stato promesso sostegno e protezione. L'LF è un partito che è nato dal grembo della guerra civile, ha solo senso che prosperino in una tale atmosfera".


Nonostante le preoccupazioni espresse da molti libanesi, compresi i partiti Hezbollah e Amal, la maggior parte dell'attenzione si è concentrata su tutto tranne che su Samir Geagea e i suoi uomini armati. "Era una protesta disarmata, come si può vedere in tutti i video", ha spiegato Marwa Osman. "Non ho visto nemmeno un titolo che menzionasse che le forze libanesi hanno fatto qualcosa". Sfortunatamente, aveva ragione non solo sui titoli, ma i media occidentali, dal Guardian a Sky News, hanno tutti pubblicato interi articoli senza menzionare né le Forze Libanesi né il loro leader.


Marwa dice che "Le Forze Libanesi hanno fatto parte dei criminali e dei signori della guerra, che hanno seminato il caos a Beirut... Uccidono anche i cristiani, sono fascisti cristiani in Libano... ricevono fondi dall'Arabia Saudita, dagli Stati Uniti e da Israele, sono cristiani di estrema destra che non rappresentano nulla a che fare con il cristianesimo... ora hanno problemi con il Movimento Patriottico Libero, della maggioranza maronita, che ha grandi legami con Hezbollah".


L'esplosione del porto di Beirut, in cui almeno 217 persone sono state uccise e 7.000 ferite, ha evidentemente giocato un ruolo importante nell'alimentare la violenza di oggi. Hezbollah e Amal vedono l'attuale investigatore a capo dell'inchiesta sull'esplosione del porto come politicamente di parte, poiché si rifiuta di convocare chiunque sia collegato all'Alleanza del 14 marzo, che si oppone a Hezbollah. Vedono il giudice, Tarek Bitar, come un semplice attaccante di Hezbollah e dei suoi alleati, invece di cercare la verità - mentre i sostenitori di Bitar lo vedono come un cavaliere dall'armatura splendente, credendo che almeno metterà qualcuno dietro le sbarre per la tragedia dell'anno scorso.


Indipendentemente da ciò che accadrà nell'indagine, la violenza a cui si è assistito questo giovedì è un triste promemoria di quanto velocemente il paese potrebbe precipitare nelle profondità di un'altra guerra civile. Inoltre, ciò che lo scontro a fuoco ha ulteriormente rivelato è che gli stati nemici di Hezbollah, come gli Stati Uniti, e le loro macchine mediatiche, useranno qualsiasi cosa su cui possono mettere le mani per attaccare il gruppo. Questa volta è stata la sparatoria, che ha causato la morte di una sola persona appartenente a Hezbollah; insieme alla madre di cinque figli Maryam Farhat, una civile innocente che è stata uccisa all'interno della sua casa; e il resto erano sostenitori di Amal. Eppure i titoli di giornali come il Daily Mail vorrebbero farvi credere che gli Hezbollah sono stati la ragione principale dell'imboscata mortale.


Mentre il Libano riesce a malapena a tenere le luci accese in mezzo alla sua continua crisi del carburante, le notizie veramente grottesche dei media occidentali non stanno facendo nulla per calmare le tensioni settarie all'interno di una nazione che potrebbe esplodere in qualsiasi momento.


Robert Inlakesh

Robert Inlakesh è un analista politico, giornalista e documentarista che attualmente vive a Londra, Regno Unito. Ha riferito e vissuto nei territori palestinesi occupati e attualmente lavora con Quds News e Press TV. Direttore di ‘Furto del secolo: La catastrofe Palestina-Israele di Trump". Seguitelo su Twitter @falasteen47

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia