I banchieri misantropi dietro la COP26 e il nuovo accordo verde

 

I banchieri misantropi dietro la COP26 e il nuovo accordo verde

Di Matthew Ehret 


Un vasto cambiamento radicale verso una "economia verde" è ora spinto da forze che possono mettere piuttosto a disagio un cittadino istruito.


Naturalmente, le notizie lampeggiano ogni giorno mostrando il coraggioso movimento di giovani "eco-guerrieri" guidati dalla svedese Greta Thunberg, "per sempre quindicenne", o l'americano Jamie Margolin, 17 anni, che sono diventati una forza in tutta Europa e in America guidando movimenti come l'Extinction Rebellion, This is Zero Hour, il Sunrise Movement e l'eco-crociata dei bambini. Il giovane volto di Alexandria Ocasio-Cortez vende quotidianamente l'idea che l'unico modo per sostituire le forze capitaliste obsolete che hanno afflitto il mondo per decenni è imporre un Green New Deal travolgente che dia priorità alla de-carbonizzazione come obiettivo dell'umanità piuttosto che continuare a permettere alle forze insensate dei mercati di determinare il nostro destino.


Quando il presidente dell'UE Ursula von der Leyen è entrata nel suo ufficio, non ha perso tempo ad attaccare la Belt and Road Initiative della Cina (che rappresenta ironicamente un vero New Deal del 21° secolo) dicendo "alcuni stanno comprando la loro influenza investendo in dipendenza da porti e strade"... ma "noi andiamo per la via europea". Qual è la "via europea"? Non i piani di sviluppo di Charles De Gaulle o Konrad Adenauer che prevedevano la crescita industriale e l'aumento della popolazione come aspetti positivi, ma piuttosto un New Deal verde. Von der Leyen ha poi annunciato: "Voglio che l'Europa diventi il primo continente al mondo a zero emissioni di CO2 entro il 2050! Proporrò un New Deal verde per l'Europa nei miei primi 100 giorni di mandato..."


Attaccare le "forze insensate del mercato" e le strutture di potere acquisite del capitalismo non sono cose brutte da fare... ma perché dobbiamo de-carbonizzare? La ri-regolamentazione delle banche troppo grandi per fallire è attesa da tempo, ma perché così tanti danno per scontato che un "New Deal verde" non darà solo potere a quelle stesse forze che hanno portato il caos nel mondo nell'ultimo mezzo secolo e causerà solo più morte e fame di quanto sia già stato sofferto con la globalizzazione?


Si potrebbe pensare di porre tali domande solo confrontando prima il fatto scomodo che dietro a giovani ritagli di cartone come Thunberg, Margolin, Cortez o il Green New Deal ci sono figure che non si assocerebbero mai all'umanitarismo.


Obbligazioni verdi e oligarchi

Quando cominciamo a tirare indietro il sipario ci imbattiamo rapidamente in figure come il principe Carlo, che ha recentemente incontrato i capi di 18 paesi del Commonwealth per consolidare la legislazione sull'emergenza climatica che è stata prontamente approvata nei parlamenti del Regno Unito e del Canada. Alla fine dell'incontro Carlo ha detto che "abbiamo 18 mesi per salvare il mondo dal cambiamento climatico" e ha chiesto di "aumentare la quantità di finanziamenti del settore privato verso il sostegno allo sviluppo sostenibile in tutto il Commonwealth".


In seguito al decreto reale, la Banca d'Inghilterra e alcune delle banche più sporche nella rete finanziaria di Rothschild-City of London hanno promosso "strumenti finanziari verdi" guidati dai Green Bond per reindirizzare piani pensionistici e fondi comuni verso progetti verdi in cui nessuno sano di mente investirebbe mai volontariamente. L'indice ecologico, sociale e di governance (ESGI) è stato istituito nel 51% delle banche tedesche, compresa la bomba di derivati in attesa di esplodere chiamata Deutschebank. I principali banchieri che sostengono l'ESGI come Mark Carney della Banca d'Inghilterra hanno detto che oltre 6,5 trilioni di euro potrebbero essere mobilitati sotto questo nuovo indice (che attualmente rappresenta circa 160 miliardi di dollari). La creazione di queste "obbligazioni verdi" va di pari passo con i meccanismi di bail-in che sono stati implementati in tutte le nazioni transatlantiche per rubare trilioni di dollari da fondi pensione, RRSP e fondi comuni la prossima volta che sarà necessario un salvataggio per sostenere i "troppo grandi per fallire" che attualmente si trovano in cima a una bolla di derivati da 1,2 trilioni di dollari in attesa di esplodere.


Oltre a dirigere la Banca d'Inghilterra, l'ex uomo di Goldman Sachs Carney ha anche approvato la task force del Financial Stability Board sulle informazioni finanziarie relative al clima, creata nel 2015 e utilizzata come linea guida per il libro bianco del governo britannico del luglio 2019 "Green Finance Strategy: Transforming Finance for a Greener Future". Il libro bianco ha proposto di "consolidare la posizione del Regno Unito come un hub globale per la finanza verde e posizionando il Regno Unito a capo dell'innovazione finanziaria verde e dei dati e delle analisi ... approvato da istituzioni che rappresentano 118.000 miliardi di dollari di attività a livello globale". La Task Force guidata da Carney ha anche generato la Green Finance Initiative nel 2016, che è ora un veicolo primario progettato per deviare i flussi di capitale internazionale nella tecnologia verde.


L'ex datore di lavoro di Carney alla Goldman Sachs ha anche creato un "Indice verde per gli investimenti virtuosi" che include due nuovi indici di sostenibilità per promuovere forti investimenti in infrastrutture verdi chiamati CDP Environment EW e CDP Eurozone EW. L'acronimo CDP proviene dal Climate Disclosure Project - un think tank con sede a Londra che ha generato il programma di Goldman Sachs. Marine Abiad di Goldman Sachs ha promosso l'indice CDP dicendo il 10 luglio "siamo convinti che la finanza sostenibile permette ai mercati finanziari di giocare un ruolo virtuoso nell'economia".


Nel caso in cui pensaste che la Ribellione per l'Estinzione non sia stata in qualche modo toccata dalla mano degli ingegneri sociali, una figura di spicco dietro il movimento di nome Alex Evans è stato un ex consulente della Prince's International Sustainability Unit, e co-autore del US National Intelligence Council's Global Trends 2025: A Transformed World che è diventato un progetto di politica ambientale/estera per l'amministrazione Obama nel 2008. Attualmente Evans gestisce anche il Collective Psychology Project "dove la psicologia incontra la politica".


Altre figure di spicco dell'intelligence britannica che gestiscono il movimento Extinction Rebellion includono Farhana Yamin e Sam Gaell di Chatham House (l'istituzione di controllo dietro il Council on Foreign Relations di New York).


Una dittatura verde 'benevola' potrebbe essere una buona cosa?

Parla l'avvocato del diavolo: Non possiamo presumere che queste banche centrali, oligarchi e gestori di hedge fund si preoccupino solo dell'ambiente? E se stessero cercando di modificare il comportamento dell'umanità per salvare l'ambiente? Dopo tutto, l'umanità stessa è una macchina inquinante egoista e golosa e non sarebbe meglio per tutti se queste élite illuminate trasformassero l'economia mondiale in modo da consumare meno e pensare di più al futuro?

Se questa linea di pensiero si avvicina a qualcosa che hai sentito dentro di te, allora ti hanno fatto il lavaggio del cervello.

Certo, il mondo si è trasformato in un culto consumista negli ultimi decenni che ha sacrificato il pensiero a lungo termine per un guadagno a breve termine e naturalmente abbiamo bisogno di una riorganizzazione del sistema. Thunberg e i Green New Dealers non hanno torto su queste cose. Questo è tutto bello e dandy.

Ma se pensate che andare avanti con il tipo di riforma che aspira a mettere valori in dollari sulla riduzione dell'impronta di carbonio o sulla diffusione di mulini a vento e pannelli solari di bassa qualità (e molto costosi) in tutto il mondo con l'aspettativa che in qualche modo queste fonti di energia non causeranno un vasto collasso della capacità industriale della civiltà (e una perdita associata di capacità di sostenere la vita umana), allora vi state ingannando. Un kilowatt di energia eolica è uguale a un kilowatt di energia nucleare solo se applicato a un'equazione matematica, ma non nella vita reale. Quando viene applicata alle funzioni di lavoro ad alta intensità di capitale necessarie per fondere l'acciaio industriale, far funzionare le macchine utensili, alimentare un vasto complesso agro-industriale, un sistema ferroviario ad alta velocità o costruire cose come la Belt and Road Initiative, le fonti di energia "verdi" non si avvicinano nemmeno lontanamente a tagliare il ferro.

Il problema è sempre stato il controllo della popolazione

Gli oligarchi che gestiscono il "grande disegno verde" da quando Sir Alexander King del Club di Roma iniziò lo studio Limits to Growth nel 1970, sapevano che le fonti di energia verde a "bassa densità di flusso energetico" avrebbero costretto la popolazione globale e questo è esattamente ciò che volevano. Sir King lo disse nel 1990 quando scrisse: "Nella ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l'idea che l'inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d'acqua, la carestia e simili sarebbero stati adatti al conto....Tutti questi pericoli sono causati dall'intervento umano, ed è solo attraverso atteggiamenti e comportamenti cambiati che possono essere superati. Il vero nemico, quindi, è l'umanità stessa".

Sir King stava, dopo tutto, solo seguendo la guida del fondatore dell'UNESCO (e presidente dell'Eugenetica) Sir Julian Huxley che scrisse nel 1946 "L'unificazione politica in una sorta di governo mondiale sarà necessaria... Anche se... qualsiasi politica eugenetica radicale sarà per molti anni politicamente e psicologicamente impossibile, sarà importante per l'UNESCO vedere che il problema eugenetico è esaminato con la massima cura, e che la mente pubblica è informata delle questioni in gioco in modo che molto che ora è impensabile possa almeno diventare pensabile".

Solo pochi anni dopo Huxley avrebbe co-fondato il World Wildlife Fund insieme al principe Philip Mountbatten e al principe Bernhardt dei Paesi Bassi. Tutti e tre erano presenti alla riunione di fondazione del gruppo Bilderberg di Bernhardt per portare avanti questa grande conversione della società in un volontario auto-sterminio nel 1954 e mentre Huxley non era presente nel 1970, gli altri due oligarchi co-fondarono il 1001 Nature Trust insieme ad altri 999 ricchi misantropi per finanziare il fiorente movimento ambientale. Queste forze erano anche dietro il colpo di stato in America che mise la Commissione Trilaterale al potere sotto Jimmy Carter e scatenò la "disintegrazione controllata dell'economia americana" dal 1978 al 1982 (questo sarà l'argomento di un altro studio). Questo raggruppamento, guidato da Zbigniew Brzezinski, non solo ha giocato la carta dell'Islam radicale contro l'Unione Sovietica, ma ha anche stabilito un programma di riduzione della popolazione attraverso la promozione di fonti di energia verde molto prima che fosse popolare.


Gli oligarchi che oggi cercano di riformare l'umanità non si preoccupano dell'ambiente. Il principe Filippo e Bernhardt sono stati registrati per aver ucciso più specie in via di estinzione in un safari di quanto la maggior parte della gente abbia ucciso le zanzare. Semplicemente non amano le persone. Specialmente le persone pensanti. Le persone pensanti che mettono in discussione come e perché le regole arbitrarie sono applicate per giustificare le guerre, la povertà e l'oligarchia che distrugge le vite sia ora che in futuro.

La Belt and Road Initiative e la tendenza alla crescita quantitativa e qualitativa della popolazione umana che tali grandi progetti comportano è l'obiettivo del Green New Deal.

L'eredità del progresso scientifico e tecnologico che ha lanciato la civiltà occidentale fuori da un'epoca oscura e in un rinascimento nel XV secolo è sotto attacco perché è quell'etica perduta che l'oligarchia SA che può ancora essere risvegliata e che porterebbe l'occidente in armonia con il programma Russia-Cina per la crescita e lo sviluppo secondo una filosofia di "cooperazione win-win" sia sulla Terra che nello spazio.

Gli effetti delle idee del rinascimento hanno coinciso con il maggior tasso di scoperte di principi universali, poiché l'umanità ha cercato di conoscere la mente di Dio studiando il libro della natura con un cuore di amore e un atteggiamento di umiltà esemplificato nella figura di Leonardo Da Vinci. L'esplosione di nuove tecnologie che nacque non solo rivoluzionò l'astronomia, la medicina e l'ingegneria, ma diede vita alla moderna economia industriale che coincise con il più grande aumento della popolazione nella storia. Questo aumento esponenziale è stato usato dai malthusiani per secoli come la prova che l'umanità è "solo un'altra crescita cancerosa" sulla "purezza di madre Gaia".

Quindi, se non siete d'accordo con la filosofia umani=cancro e volete qualcosa di un po' più ottimista nella vostra vita, allora sostenete un vero New Deal oggi stesso.


Matthew Ehret è il caporedattore della Canadian Patriot Review e Senior Fellow all'American University di Mosca. È autore della serie di libri 'Untold History of Canada' e Clash of the Two Americas. Nel 2019 ha co-fondato la Fondazione Rising Tide con sede a Montreal. 


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia