Nuovo studio su Nature: I vaccini COVID probabilmente accorciano la vita!

 

Nuovo studio su Nature: I vaccini COVID probabilmente accorciano la vita!


Scritto da John O'Sullivan


Uno studio rivoluzionario appena pubblicato sulla rispettata rivista Nature ha rivelato che i "vaccini" sperimentali COVID hanno solo benefici temporanei, ma peggio ancora, sono minacce a lungo termine per la tua vita!  Avverte che chiunque sia stato vaccinato e abbia già una cattiva salute è particolarmente incline ai pericoli della mortalità cardiovascolare.


Il severo avvertimento di questo studio di Nature è che:

 "raccomanda ulteriore cautela quando si vaccinano persone con condizioni cliniche preesistenti, tra cui diabete, squilibri elettrolitici, disfunzioni renali e disturbi della coagulazione".


Ma non siate compiacenti se siete in buona salute quando prendete il jab perché questi nuovi risultati sembrano suggerire che anche le persone sane che prendono il vaccino possono esporsi inutilmente a un rischio maggiore di sviluppare il diabete.


Un totale di 11 volontari adulti sani di entrambi i sessi, di età compresa tra 24 e 47 anni, con un BMI di 21,5-30,0 kg/m², sono stati arruolati per lo studio. Gli eventi avversi sono stati monitorati quotidianamente durante i primi 7 giorni dopo ogni inoculazione e poi autoregistrati dai partecipanti su schede di diario nelle settimane successive. Nel complesso, le reazioni avverse sono state lievi (gradi 1 o 2) e transitorie (Tabella supplementare S3).


Gli autori hanno notato che la scienza e "Il modo in cui la vaccinazione imiterebbe un'infezione non è stato completamente valutato".


Lo studio ha confermato che questi "vaccini" non hanno benefici di lunga durata.


La produzione di anticorpi non è stata sostenuta nel lungo periodo e alla fine dei tre mesi il vaccino aveva perso la metà dell'efficacia, tanto che, "Al giorno 90, anche la positività IgG si è ridotta al 50%, indicando che la produzione di anticorpi non è stata sostenuta a lungo".


Gli autori hanno trovato:

"I risultati dei test della coorte A hanno dimostrato che prima della seconda inoculazione lo 0% dei partecipanti ha sviluppato IgG anti-SARS-CoV-2, ma al giorno 28, cioè 2 settimane dopo la seconda inoculazione, il 100% dei partecipanti è risultato positivo (Fig. 1b)".


Lo studio aggiunge:

" I risultati di scRNA-seq dei PBMC hanno anche indicato riduzioni coerenti delle cellule T CD8+ e aumenti del contenuto di monociti, così come una maggiore segnalazione infiammatoria NF-κB, che ha anche imitato le risposte dopo l'infezione. Sorprendentemente, le risposte dell'interferone di tipo I, che erano state collegate a danni ridotti dopo l'infezione da SARS-CoV-2 e a sintomi più lievi, sembravano essere ridotte dopo la vaccinazione, almeno entro 28 giorni dalla prima inoculazione. Questo potrebbe suggerire che nel breve termine (1 mese) dopo la vaccinazione, il sistema immunitario di una persona è in uno stato non privilegiato, e può richiedere più protezione".


Preoccupazioni per il diabete di tipo 2

Forse la scoperta più preoccupante, soprattutto per gli occidentali che mangiano una dieta malsana ad alto contenuto di zucchero, è l'aumento smodato dei livelli di zucchero nel sangue direttamente correlato all'iniezione di questi "vaccini" sperimentali.

Lo studio ha trovato:

"Con nostra sorpresa, aumenti abbastanza consistenti dei livelli di HbA1c sono stati osservati nei volontari sani, indipendentemente dall'appartenenza alla coorte A o B. Al giorno 28 dopo la prima inoculazione, tre su 11 individui hanno raggiunto l'intervallo prediabetico (Fig. 2c). Entro i giorni 42 e 90, i livelli medi di HbA1c sembravano tornare indietro, ma erano ancora significativamente più alti di quelli prima della vaccinazione. Il lavoro precedente ha dimostrato che i pazienti diabetici con livelli di glucosio nel sangue non controllati sono più inclini a sviluppare forme gravi di COVID-19[19]. È stato dimostrato che alti livelli di glucosio nel sangue/glicolisi promuovono la replicazione della SARS-CoV-2 nei monociti umani attraverso la produzione di specie reattive di ossigeno mitocondriali e l'attivazione di HIF1A[20], presentando quindi una caratteristica svantaggiosa".


Cos'è l'HbA1c?


L'HbA1c è la cosiddetta emoglobina glicata. Questo è qualcosa che si crea quando il glucosio (zucchero) nel tuo corpo si attacca ai tuoi globuli rossi. Il tuo corpo non può usare correttamente lo zucchero, quindi una quantità maggiore di esso si attacca ai tuoi globuli rossi e si accumula nel tuo sangue.


Rischi derivanti da un aumento dell'HbA1c


È noto tra gli scienziati medici che:

"Alti livelli di HbA1c possono avere molti effetti negativi sulla tua salute, che tu abbia o meno il diabete. Le persone con alti livelli sono a maggior rischio di demenza, malattie cardiache, malattie renali, problemi di salute mentale, affaticamento e perdita delle ossa. Gli scienziati pensano che i livelli di HbA1c potrebbero anche avere un impatto sulla durata della vita di una persona. Sia sopra che sotto i livelli normali sono stati collegati con una maggiore mortalità"[link].

Non ci vuole un esperto di medicina per cogliere il significato di questo; avere queste iniezioni sperimentali è ora dimostrato che probabilmente aumenterà il rischio di una serie di malattie pericolose per la vita. Quindi, scegliete di essere una cavia di Big Pharma a vostro rischio e pericolo!


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia