Basta prescrivere antidepressivi! Non c'è "nessuna prova che funzionino meglio di un placebo", secondo uno studio

 

Basta prescrivere antidepressivi! Non c'è "nessuna prova che funzionino meglio di un placebo", secondo uno studio

  • Circa un adulto britannico su sei prende compresse antidepressive, suscitando preoccupazioni
  • Uno studio ha suggerito che le compresse sono sovrautilizzate e rischiano sintomi di astinenza 
  • Gli esperti dell'University College di Londra dicono che rimane "una notevole incertezza".
  • Hanno esortato i medici a dare farmaci a "meno pazienti per periodi di tempo più brevi". 


I medici dovrebbero smettere di prescrivere antidepressivi perché non ci sono prove cliniche decenti che funzionano meglio di un placebo, uno studio ha trovato.


Circa uno su sei adulti britannici prende le compresse, ma c'è una crescente preoccupazione per il loro uso eccessivo e il rischio di sintomi di astinenza ed effetti collaterali.


Gli esperti dell'University College di Londra hanno esaminato tutte le prove esistenti sugli antidepressivi comuni e hanno concluso che rimane "una notevole incertezza sui benefici".


Hanno esortato i medici a dare i farmaci "a meno pazienti, per periodi di tempo più brevi" perché molti lottano quando smettono di prenderli.


Lo studio ha scoperto che molte delle prove provengono da studi che durano solo sei o 12 settimane e i "risultati non soddisfano la soglia di una differenza clinicamente importante" tra antidepressivi e pillole placebo.


Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Drug and Therapeutics Bulletin, arriva dopo che il National Institute for Health and Care Excellence (Nizza) il mese scorso ha stabilito che il NHS dovrebbe offrire ai pazienti con depressione lieve sessioni di terapia di gruppo prima di pillole. 


L'autore principale Dr Mark Harowitz ha detto: 'La prevalenza di effetti collaterali può essere ancora più alta tra coloro che prendono antidepressivi per più di tre anni, e può includere intorpidimento emotivo e mentale "fogginess".


'I pazienti che cercano di uscire dal loro trattamento spesso sperimentano sintomi di astinenza: questi possono includere ansia, insonnia, depressione, agitazione e cambiamenti di appetito, e possono interferire con il funzionamento sociale e la vita professionale, soprattutto se il trattamento viene interrotto bruscamente'.


Il dottor Harowitz ha scoperto che i risultati negli adolescenti e nei bambini erano "ancora meno convincenti", nonostante il numero di 12-17enni con antidepressivi sia più che raddoppiato dal 2005.


Lo studio ha detto che gli antidepressivi possono funzionare per la depressione grave, ma ha aggiunto: 'I contro possono superare i pro in quelli con depressione lieve o moderata o in quelli i cui sintomi non si qualificano ancora come depressione'.


I suoi autori hanno concluso: Alla luce di questo incerto equilibrio tra benefici e danni, dovremmo rivedere l'ampia diffusione e la crescente prescrizione di antidepressivi".


Gli ultimi dati mostrano che circa 7.8 milioni di adulti in Inghilterra prendono antidepressivi.


I farmaci più comuni sono inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) come la sertralina.


Le prescrizioni sono anche più alte del 50% per le donne.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia