Il codice del guerriero anglosassone


Ogni cultura e società sulla Terra, sia passata che presente, ha le proprie idee su ciò che rende una persona onorevole o degna. Questo è particolarmente vero quando si tratta di guerrieri e delle loro azioni sia sul campo di battaglia che fuori, e i concetti di onore anglosassone non sono diversi. Codici d'onore che dettano come i guerrieri devono comportarsi sono esistiti per secoli, e alcuni sono stati portati nella modernità e resi popolari: il codice cavalleresco dei cavalieri medievali, o il Bushido dei samurai giapponesi sono forse i più noti.

Prima che la cavalleria dei cavalieri normanni arrivasse in Inghilterra, tuttavia, un sistema molto più antico di onore e lealtà era in vigore da secoli, portato dai coloni germanici delle tribù anglosassoni. Quindi, com'era il codice guerriero degli anglosassoni, e in che modo i loro eroici predecessori erano diversi dai cavalieri di corte che avrebbero preso il loro posto e rappresentato la nozione di guerriero medievale? L'eroe epico del vecchio mondo, come Beowulf o Brythnoth, ha un posto nel mondo moderno?

L'onore anglosassone nell'età eroica

Il concetto di onore era così pervasivo nella società anglosassone che è impossibile prendere qualsiasi pezzo di letteratura del periodo senza trovare qualche menzione di esso. Infatti, è grazie alla letteratura anglosassone - principalmente la poesia epica come Beowulf, La battaglia di Maldon e Il vagabondo - che abbiamo una comprensione di come fosse il loro codice guerriero e la cultura della guerra, data la scarsità di prove da fonti più "storiche" del periodo.

Questo non vuol dire che le prove di natura non letteraria non esistano - lo storico romano Tacito scrisse sulla cultura guerriera germanica nella sua Germania intorno alla fine del II secolo d.C., rivelando molto sulle loro nozioni di onore:

"Quando il campo di battaglia è raggiunto, è un rimprovero per un capo essere superato in prodezza; un rimprovero per il suo seguito di non eguagliare la prodezza del suo capo; ma aver lasciato il campo ed essere sopravvissuto al proprio capo, questo significa infamia e vergogna per tutta la vita: proteggerlo e difenderlo, dedicare le proprie imprese anche alla sua glorificazione, questo è il succo della loro fedeltà: il capo combatte per la vittoria, ma i seguaci per il capo."

Questo passaggio di Tacito cattura i principi centrali del codice del guerriero germanico che sono evidenti nella successiva letteratura anglosassone: estremo coraggio in battaglia, preoccupazione per la reputazione di se stessi e del proprio signore, onore e lealtà, e acquisizione di gloria. Il fattore cardine alla base di tutti questi aspetti del codice del guerriero era naturalmente la relazione tra un guerriero (o "thane") e il suo signore. Il poema inglese antico The Wanderer descrive l'importanza di questa relazione nelle lamentazioni di un guerriero che ha perso il suo signore:

"Infatti, questo lo sa, chi deve essere a lungo privato dei consigli del suo amato signore, quando il dolore e il sonno insieme spesso legano il misero solitario. Gli sembra nella sua mente di abbracciare e baciare il suo signore e di posare le mani e la testa sul suo ginocchio, come in precedenza, di tanto in tanto nei giorni passati, aveva ottenuto benefici dal trono."

Il poema fa anche luce sulla natura della relazione tra un signore e i suoi fedeli fidi, che non era quella di padrone e servo, ma piuttosto una relazione reciproca e reciprocamente vantaggiosa. L'obbligo comunitario del rapporto signore-tutore era essenziale per lo stile di vita del guerriero - la mancanza di un signore è la mancanza di un posto e di un ruolo, di un amico e di un parente, di un aiuto in caso di bisogno e di una vendetta dopo la morte. La lealtà nata dall'amicizia tra il signore e il suo signore era la fonte della virtù di un guerriero - il suo coraggio, la sua reputazione e la sua gloria al servizio del suo signore avrebbero definito il suo onore personale agli occhi dei suoi pari e della società in generale.

Tuttavia, non c'era una parola diretta per "onore" nel vocabolario anglosassone, il che sembrerebbe strano, dato che era un concetto così cruciale nella loro cultura. Il termine "lealtà" non definisce completamente il concetto anglosassone di onore, né può essere pienamente compreso come l'antitesi di "vergogna". Quindi come esattamente gli anglosassoni definivano l'onore?

Worth and weorð: Comprendere l'onore anglosassone e l'elargizione di regali

La parola "onore" comprende un sistema di valori che indicano il "valore" di una persona, che a sua volta determina il suo valore per la società nel suo complesso. Per gli anglosassoni, il valore di un uomo per la società dipendeva dalla sua capacità di prendere il suo posto nell'ordine sociale: promettere fedeltà incrollabile al suo signore e in cambio il signore dimostrava il suo valore come leader premiando i guerrieri fedeli con doni e status. Questa transazione è ciò che impregnava un uomo del suo "valore", o weorð in inglese antico, e questo era ciò che costituiva l'onore. La classe dei guerrieri si separava dalla gente "comune" sulla base del senso dell'onore, definendosi come i geweorðode o quelli "resi degni".

L'atto di fare regali era centrale per la comprensione anglosassone dell'onore e la distribuzione di doni in un ambiente pubblico serviva come una messa in scena fisica del legame di obbligo reciproco tra il signore e i suoi sudditi. Un libro di proverbi inglesi dell'XI secolo noto come i Proverbi di Durham ci dà un'idea di come funzionava l'economia del dono, con proverbi come "ogni dono si guarda indietro sulla spalla" e "io do in modo che tu dia". Gli anglosassoni non facevano regali senza aspettarsi un ritorno, di solito un giuramento di fedeltà e di servizio militare.

Il dono in sé era anche di grande importanza simbolica, così come l'atto di dare. Dallo studio delle usanze sepolcrali anglosassoni, gli storici hanno dedotto che gli oggetti materiali erano importanti simboli di status sia per chi apparteneva alla classe guerriera che per chi ne era fuori. Per la classe guerriera, qualsiasi oggetto di valore dato loro dal loro signore era visto come portatore del valore del favore del loro signore, ma le armi erano oggetti particolarmente preziosi e conferivano grande onore a chi le riceveva.

Le armi avevano un enorme significato simbolico nelle culture tribali germaniche. Infatti, il nome della tribù sassone deriva dalla parola seax, che è un tipo di pugnale corto che ogni sassone portava con sé. Infatti, si poteva essere onorati da un'arma di grande valore, sia nel possederla che nell'essere segnati da essa.

Nel noto poema inglese antico Beowulf, si dice che un guerriero franco ucciso da Beowulf indossasse la breostweorðunge, che si traduce approssimativamente in "adornata con un'armatura al petto". L'uso della parola weorð implica che essere ucciso dall'arma di Beowulf gli ha conferito onore. La spada di Beowulf, conosciuta come Hrunting, è un'arma di grande valore, datagli dal signore che serve, Hrothgar, e quindi ha un grande valore e onore in sé.

L'ethos eroico contro il cristianesimo

Il codice guerriero delle culture germaniche del vecchio mondo è stato immortalato in poemi epici come Beowulf come una nobile tradizione di parentela, coraggio e gloria. L'enigma di questi poemi, tuttavia, è lo scontro tra i valori dell'ethos eroico con una nuova visione del mondo e dei valori cristianizzati. Man mano che l'età anglosassone nell'Inghilterra medievale progrediva e i regni si convertivano costantemente al cristianesimo, le nozioni di onore e di valore basate su vecchie tradizioni pagane erano sempre meno rilevanti.

Come il famoso medievalista J. R. R. Tolkien scrisse di Beowulf: incapsula la miscela tra i vecchi tempi "pagani, nobili e senza speranza" con la nuova prospettiva cristiana che tutti gli uomini e le loro opere moriranno e solo Dio è eterno. Le società anglosassoni convertite, tuttavia, non erano così pronte a cancellare secoli di tradizione che erano stati profondamente radicati nella loro cultura dal tempo dei loro antenati. Piuttosto che abbandonare i concetti d'onore a lungo mantenuti, cercarono di adattarli ad un nuovo mondo plasmato da una nuova fede.

Alcuni aspetti del vecchio codice d'onore dei guerrieri erano facilmente compatibili con le ideologie cristiane. Entrambe le filosofie del vecchio mondo e del nuovo mondo concordavano sul fatto che la vita e l'onore sono cose transitorie - come esemplifica Beowulf, "i giorni degli uomini sono fugaci" - e come tale l'obiettivo principale del guerriero era quello di cercare l'immortalità facendosi una reputazione attraverso le sue azioni.

Tuttavia, in una nuova visione del mondo cristianizzata, il guerriero avrebbe raggiunto l'immortalità in un modo leggermente diverso da prima, compiendo azioni eroiche non solo al servizio del suo signore ma anche al servizio di Dio, e quindi guadagnandosi l'ammissione al regno eterno di Dio. Queste nozioni mutevoli di immortalità sono rivelate anche nel Beowulf, quando l'eroe titolare è incoraggiato a cercare "guadagni eterni" e "la parte di onore di Dio" piuttosto che la gloria terrena.

L'enfasi dell'ethos eroico sul successo mondano e sui possedimenti materiali era disapprovata dagli ideali cristiani, visti come espressione di avarizia e orgoglio, e l'idea che gli oggetti materiali fossero ciò che conferiva a un uomo il weorð fu modificata in modo che il guerriero stesso fosse considerato il detentore del weorð. L'onore non era più solo una cosa data a un guerriero dal suo signore sotto forma di doni materiali, era ora una cosa che poteva essere conferita a se stessi esemplificando la devozione a Dio, e in questo modo un uomo veniva geweorðode o "reso degno".

Un codice guerriero per una nuova era

C'erano parti del vecchio codice d'onore germanico che non si adattavano al mondo appena cristianizzato, tuttavia, e lì si trovava la lotta del guerriero anglosassone medievale che si è svolta nella letteratura della successiva era anglosassone. La maggior parte dei poemi eroici - in particolare Beowulf, The Wanderer e The Battle of Maldon - si leggono come elegie o lamenti piuttosto che i racconti epici di altre culture germaniche o nordiche che glorificano l'eroismo marziale come fine proprio. Questo è in parte in riconoscimento del fatto che il vecchio ethos stava passando ai posteri e alla memoria, mentre lo stile di vita eroico e i suoi valori sociali andavano lentamente persi. Nelle parole di Tolkien, queste poesie cercavano di "preservare i materiali di un tempo che stava già cambiando e passando usandoli per un nuovo scopo".

Stranamente, è Tolkien stesso che ci ha fornito un'immagine di ciò che il codice del guerriero eroico sarebbe potuto diventare, se non fosse stato sostituito con il codice cavalleresco dall'arrivo dei Normanni. Nella sua opera più famosa, Il Signore degli Anelli, Tolkien ha creato un riflesso della cultura anglosassone in cui i vecchi codici d'onore sono riproposti in modo che possano coesistere con i valori cristiani in armonia fittizia. Il titolo stesso, Il Signore degli Anelli, è preso da una frase del Beowulf in inglese antico hringa-fengel ("signore degli anelli"), che simboleggia l'antica nozione di scambiare onore con lealtà sotto forma di doni e giuramenti.

Nel suo mondo fittizio della Terra di Mezzo, Tolkien ha adattato le ideologie del vecchio mondo rimuovendo le parti che riteneva non cristiane e così facendo ha creato un codice guerriero per il nuovo mondo. Gli eccessi di orgoglio (ofermod in inglese antico) mostrati da personaggi eroici come Beowulf spesso causavano sofferenza ai loro fedeli seguaci, come Bryhtnoth fece per i suoi guerrieri nella battaglia di Maldon. Quando l'esercito avversario di danesi derise Bryhtnoth e lo spinse a permettere un "combattimento leale" dando loro un passaggio sicuro attraverso un fiume infido, alla fine portò alla sconfitta dell'esercito di Bryhtnoth e alla morte di quei suoi scudieri che non lo abbandonarono. Quando ricrea lo stesso scenario ne Il Signore degli Anelli, con la battaglia di Gandalf contro il Balrog al Ponte di Khazad-dûm, Tolkien fa sacrificare il suo eroe per salvare i suoi fedeli compagni piuttosto che cedere all'egoismo o all'orgoglio.

Allo stesso modo, Tolkien mostra la sua condanna del servizio obbligatorio inerente all'atto del dare regali secondo i codici d'onore del vecchio mondo. Tolkien è stato citato per aver detto che "non si possono porre condizioni a un dono" e il suo atteggiamento nei confronti della cultura germanica del dono può essere visto nella sua opera. Tolkien aderisce ad una visione più cristiana del dono come un atto altruistico, dando generosamente senza l'aspettativa di essere ripagato con un servizio.

Il cattivo della sua storia, Lord Sauron, è un'esagerazione del vecchio sistema di scambio di doni in cambio di fedeltà, irretendo i suoi seguaci in un servizio obbligatorio nei suoi confronti attraverso l'atto di regalare loro anelli di potere. Gli eroi della storia, tuttavia, dimostrano l'ethos cristiano di altruismo, umiltà ed egualitarismo. Come dice Aragorn al suo fedele seguace, Éomer: "Tra noi non ci può essere una parola di dare o prendere, né di ricompensa; perché siamo fratelli".

L'acuto approccio di Tolkien alla cultura guerriera anglosassone e alle nozioni di onore mostra come queste ideologie del vecchio mondo siano ancora rilevanti per un mondo moderno. Se i valori e i sistemi di credenze che si trovano nella letteratura anglosassone vengono adattati e i loro eccessi rimossi in modo da adattarsi alle ideologie moderne, allora il mondo eroico di Beowulf, Bryhtnoth e dei loro compagni non deve essere relegato nel lontano passato per cadere nell'oscurità. Il sistema di onore e lealtà che gli anglosassoni vivevano ha lo stesso merito delle nozioni anglo-normanne di cavalleria che sono sopravvissute nella modernità, e Tolkien ha capito perché queste tradizioni hanno ancora così tanto potere oggi:

"[sono] scritte in una lingua che dopo molti secoli ha ancora una parentela essenziale con la nostra, è stata fatta in questa terra, e si muove nel nostro mondo nordico sotto il nostro cielo nordico, e per coloro che sono nativi di quella lingua e di quella terra, deve sempre chiamare con un appello profondo".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia