Clotilda, l'ultima nave usata nella tratta degli schiavi negli Stati Uniti trovata straordinariamente intatta

 

Clotilda, l'ultima nave usata nella tratta degli schiavi negli Stati Uniti trovata straordinariamente intatta

I resti dell'ultima nave di schiavi attiva conosciuta negli Stati Uniti sono stati abbandonati nel fango sul fondo del Delta di Mobile per più di 160 anni. Da quando il relitto della nave nota come Clotilda è stato scoperto per la prima volta nel 2019, gli archeologi e gli storici subacquei hanno studiato da vicino i resti di legno conservati della goletta a due alberi, che è stata bruciata e affondata dopo aver consegnato un carico illegale di schiavi a un commerciante di schiavi a Mobile, Alabama nel 1860.


Sorprendentemente, questi esami hanno rivelato che la Clotilda è ancora in gran parte intatta, secondo un rapporto rilasciato dall'Alabama Historical Commission all'Associated Press. Sono state identificate varie sezioni della goletta di 86 piedi (26 metri), tra cui la grande stiva o penna nel ventre della nave che funzionava come una prigione per i 110 prigionieri africani che sono stati trasportati attraverso il mare verso le Americhe durante il triste viaggio della nave nel 1860.


La decisione del capitano William Foster di affondare la sua nave canaglia dopo averla inizialmente incendiata sembra aver evitato che il fuoco facesse troppi danni. Il ponte superiore fu distrutto dall'incendio, ma tutto ciò che si trovava sotto il ponte è stato ben conservato. La nave è stata inoltre affondata in un luogo che non è stato soggetto a operazioni di dragaggio, che avrebbero potuto seppellirla per sempre. Di conseguenza, gli studiosi avranno ora l'opportunità di imparare di più sulle caratteristiche della Clotilda, che fu originariamente costruita per trasportare legname prima di essere riproposta per un compito molto più sinistro.


Trovare la Clotilda e ricordare una tragedia storica

Esploratori e avventurieri subacquei hanno cercato i resti della Clotilda nel Delta di Mobile per più di 100 anni. Si sapeva che si trovava lì, perché il capitano Foster testimoniò dove si trovava dopo che lui e l'uomo che aveva commissionato il suo ultimo viaggio, il ricco proprietario di un cantiere navale (e commerciante di schiavi) Timothy Meaher, furono arrestati e accusati di aver violato l'atto del Congresso che proibiva il commercio transatlantico di schiavi nel 1808. Questi uomini avevano usato la nave per importare segretamente 110 uomini dal Regno del Dahomey dell'Africa occidentale, che spesso vendeva i prigionieri delle loro varie guerre ai commercianti di schiavi europei e americani.


L'enorme delta di Mobile, creato dalla confluenza dei fiumi Alabama e Tombigbee appena a nord della baia di Mobile sulla costa del Golfo del Messico in Alabama, copre più di 20.000 acri (8.100 ettari) di superficie. Questo ha creato una bella sfida per gli esploratori, che avevano solo un'idea generale di dove potessero trovarsi i resti della Clotilda.


Dopo diverse false dichiarazioni di scoperta (la Clotilda è solo una delle tante navi affondate che disseminano il fondo del Delta di Mobile), il relitto vero e proprio fu finalmente scoperto nel 2019 dall'esploratore Ben Raines. Una volta che la Commissione storica dell'Alabama ha confermato la legittimità del ritrovamento, i ricercatori hanno potuto iniziare il loro studio intensivo del relitto sottomarino.


All'inizio non si aspettavano di trovare molto, dato l'immenso passare del tempo e la consapevolezza che la nave era stata bruciata prima di essere affondata. Ma le indagini hanno rivelato molto sulle caratteristiche architettoniche e sui contenuti passati della Clotilda, il che rende la sua scoperta molto significativa dal punto di vista storico.


L'archeologo marittimo James Delgado, la cui compagnia di esplorazione privata SEARCH Inc. ha effettuato le ultime indagini, si riferisce allo stato della Clotilda come a "una rivelazione sorprendente".


"È il relitto [della nave degli schiavi] più intatto mai scoperto", ha notato. "È perché si trova nel delta del Mobile-Tensaw con acqua dolce e nel fango che l'ha protetta che è ancora lì".


Come gli studi hanno rivelato, la stiva degli schiavi sotto il ponte principale della nave sarebbe stata una prigione buia e umida. Non avrebbe offerto accesso alla luce naturale né alla ventilazione ai suoi occupanti durante il loro viaggio di mesi attraverso l'Atlantico. Il viaggio di ritorno del 1860 verso gli Stati Uniti ebbe luogo durante i mesi estivi, il che significa che gli africani stipati sotto il ponte superiore avrebbero dovuto sopportare alti livelli di calore per tutta la durata del loro viaggio.


Non si sa quante delle 110 persone che erano incluse nell'acquisto originale di schiavi siano effettivamente sopravvissute al viaggio brutale e legalmente proibito. Ma quasi certamente ci sarebbero stati dei morti, date le condizioni estreme e disumane a cui erano esposti.


L'incredibile storia di Africatown

Gli schiavi portati sulla Clotilda erano insoliti, in quanto erano tra un numero relativamente piccolo di africani di prima generazione che furono emancipati quando la schiavitù finì negli Stati Uniti alla conclusione della Guerra Civile nel 1865. Essendo stati nelle Americhe per così poco tempo, non erano stati lontani dalla loro regione d'origine dell'Africa occidentale abbastanza a lungo da perdere il contatto con la loro lingua nativa e le tradizioni culturali. Questi individui facevano parte di un gruppo conosciuto come il popolo Takpa, che parlava Yoruba e occupava parti dell'odierna Nigeria.


Cercando di preservare le loro tradizioni il più a lungo possibile, 32 ex schiavi che erano arrivati in America sulla Clotilda decisero di formare la loro comunità autonoma poco dopo l'emancipazione. Guidati da Cudio Kazoola Lewis, che mostrava una naturale capacità di leadership essenziale per intraprendere un progetto così ambizioso, questi 32 africani di prima generazione acquistarono alcuni acri di terra situati a circa tre miglia (cinque chilometri) dalla città di Mobile. Fu qui che gli ex schiavi incorporarono Africatown, che sarebbe stata abitata dai suoi 32 fondatori originali più altri africani di prima generazione che erano stati acquistati illegalmente in Africa e trasportati negli Stati Uniti su altre navi.

Lo scopo di questo progetto di costruzione della comunità era di resistere all'assimilazione e all'estinzione culturale. Tutti gli ex schiavi che erano nati in Africa prima di essere trasferiti con la forza nel Sud americano erano i benvenuti, e centinaia alla fine accorsero in un'enclave dove sarebbero rimasti liberi di parlare la lingua Yoruba dell'Africa occidentale, preservando altre importanti tradizioni che avevano portato con loro dalla loro terra. I membri della comunità adottarono rapidamente il cristianesimo come loro religione ufficiale, ma questo fu l'unico cambiamento significativo che la gente di Africatown fece nelle loro pratiche culturali e sociali.


Nonostante il razzismo profondamente repressivo e spesso violento che gli africani che vivevano nel sud affrontarono nei secoli XIX e XX, il progetto Africatown fu un successo. Nella prima metà del 20° secolo, la popolazione della fiorente comunità superò il livello di 12.000, mentre la comunità si espandeva fino a coprire un'area di circa 57 acri (ettari). Le cartiere portarono lavoro e opportunità economiche ai residenti di Africatown, che impararono abbastanza inglese per sopravvivere, ma per la maggior parte continuarono a parlare Yoruba e a rimanere fedeli alle loro radici africane.


Dopo la seconda guerra mondiale, Africatown perse la sua posizione indipendente dopo essere stata assorbita dalla città di Mobile. Oggi è riconosciuta come un quartiere storico dai funzionari della città, e rimane sede di circa 2.000 residenti prevalentemente afro-americani (circa 100 dei quali sono i discendenti dei sopravvissuti di Clotilda).


Mentre Africatown non è più un'enclave di cultura esclusivamente africana, la Clotilda Descendants Association sta facendo del suo meglio per assicurarsi che la storia dei sopravvissuti di Clotilda e tutto ciò che hanno realizzato non sia dimenticato.


Il loro obiettivo principale è quello di preservare le storie indimenticabili tramandate dai loro antenati, che hanno vissuto sia tragedie che trionfi durante la loro schiavitù e nei decenni successivi. Tuttavia, i leader dell'associazione sono entusiasti delle scoperte fatte dagli archeologi subacquei che hanno esplorato il relitto della Clotilda.


"Penso che sarà una sorpresa per tutti noi", ha commentato Jocelyn Davis, vicepresidente dell'associazione e nipote di sesta generazione di uno dei prigionieri della Clotilda e fondatori di Africatown.


Anche la storia terribile dovrebbe essere ricordata e conservata

La Commissione storica dell'Alabama si è impegnata a spendere fino a 1 milione di dollari per continuare le operazioni di ricerca e conservazione, che includeranno ulteriori esplorazioni dei resti della nave a partire dall'inizio del 2022. Secondo Delgado, per ora nessuno è sicuro che la nave possa essere effettivamente rimossa dall'acqua e messa in mostra al pubblico.

"In generale, sollevare è una proposta molto costosa", ha detto. "La mia sensazione è che mentre è sopravvissuta, è più fragile di quanto la gente pensi. Un recupero potrebbe essere un'operazione molto delicata e anche un processo molto costoso e lungo".

Mentre il destino finale della Clotilda deve ancora essere deciso, il sito del naufragio è stato ufficialmente riconosciuto dal registro nazionale degli Stati Uniti dei luoghi storici nel mese di novembre. Questo garantisce che il sito sarà protetto da operazioni di dragaggio e altri tipi di intrusioni non autorizzate, garantendo che la nave sarà conservata in una forma o nell'altra d'ora in poi.

Fonte: Nathan Falde

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia