I 10 fossili non di dinosauri più belli scoperti nel 2021

 

I 10 fossili non di dinosauri più belli scoperti nel 2021

Quando si tratta di scoperte fossili, i dinosauri regnano sovrani. Il gruppo di rettili estinti occupa i titoli dei giornali ogni volta che viene nominata una nuova specie o viene scoperto un possibile nuovo comportamento (e giustamente). Ma nascosti tra le ossa di Stegosauro e i denti di Tirannosauro, i paleontologi trovano anche un mucchio di fossili super cool di altri animali che non sempre ricevono l'attenzione che potrebbero meritare. Ecco la nostra lista delle 10 migliori storie di fossili non di dinosauri nel 2021.


Formica infestata da parassiti nell'ambra

A giugno, gli scienziati hanno identificato una nuova specie di fungo parassita estinto che cresce dal retto di una formica di 50 milioni di anni che ha ucciso. L'intero calvario era stato fortuitamente racchiuso nell'ambra ed era perfettamente conservato.


Il fungo, che è stato chiamato Allocordyceps baltica, può essere visto in tutto il corpo della sfortunata formica, oltre a sporgere dal suo sedere. A. baltica sarebbe stato molto simile ai funghi moderni del genere Ophiocordyceps, con la differenza principale dei becchi dei funghi riproduttori: Il fungo di Ophiocordyceps emerge attraverso il collo della vittima, mentre A. baltica esce dall'uscita posteriore. Entrambi i metodi probabilmente aumentano il numero di spore che il fungo disperde, anche se in modi diversi.


"Questi tipi di scoperte sono estremamente rari", ha detto all'epoca a Live Science George Poinar Jr, un entomologo della Oregon State University che ha contribuito a fare da pioniere nell'estrazione del DNA dall'ambra. "La resina d'ambra contiene sostanze chimiche che fissano le cellule e i tessuti e distruggono anche i microbi associati che normalmente decomporrebbero gli esemplari".


Calamaro ucciso e lasciato a metà

I ricercatori hanno pubblicato uno studio in aprile che descrive un incredibile fossile del periodo giurassico che sembra mostrare una creatura simile a un calamaro con 10 braccia, nota come belemnite, con la sua preda crostacea ancora stretta in bocca. Se questo non fosse abbastanza figo, i segni dei morsi sul fianco del belemnite suggeriscono che anch'esso è stato mangiato da uno squalo sconosciuto nello stesso momento. 


I ricercatori sospettano che le creature intrecciate siano affondate sul fondo del mare circa 180 milioni di anni fa, dove si sono fossilizzate insieme in quella che ora è la Germania. Il fossile è uno dei soli 10 fossili di belemnite mai scoperti. Ha anche ispirato un nuovo termine, "pabulite", che significa "avanzi di cibo fossilizzati che non sono mai stati consumati da un predatore". In questo caso, si applica sia al belemnite che alla sua preda crostacea. 


"I predatori tendono ad essere felici quando stanno mangiando, dimenticando di prestare buona attenzione a ciò che li circonda e ai potenziali pericoli", ha detto al tempo a Live Science il ricercatore principale Christian Klug, curatore del Museo Paleontologico dell'Università di Zurigo. "Questo potrebbe spiegare perché il belemnite è stato catturato, ma non ci sono prove per questo".


Antico cervello di aracnide

A luglio, i ricercatori hanno pubblicato le loro scoperte su un raro cervello fossile di una specie estinta di granchio a ferro di cavallo (in realtà un aracnide, non un crostaceo) che è stato trovato a Mazon Creek in Illinois. Si ritiene che il cervello fossile abbia circa 310 milioni di anni, rendendolo uno dei più antichi del suo genere mai scoperti.


I tessuti molli che compongono il cervello sono inclini a un rapido decadimento, quindi i fossili di cervello sono estremamente rari. In questo caso, il tessuto cerebrale è stato sostituito da un minerale bianco noto come caolinite che ha creato uno stampo accurato del cervello. Questo è stato possibile solo grazie alle condizioni geologiche uniche del sito.


"Questa è la prima e unica prova per un cervello in un granchio di cavallo fossile", ha detto l'autore principale Russell Bicknell, un paleontologo presso l'Università del New England nel Maine, a Live Science al momento. Le possibilità di trovare un cervello fossile sono "una su un milione", ha aggiunto. "Anche se, anche allora, le probabilità sono ancora più rare".


Miliardi di anni fossili 'palle'

In aprile, i ricercatori hanno riferito la scoperta di fossili a forma di palla di organismi multicellulari che si ritiene abbiano circa un miliardo di anni. Le "palle" fossili sono un raro "anello mancante" evolutivo che fa da ponte tra i primissimi organismi unicellulari e la vita multicellulare più complessa.


I minuscoli grumi di cellule fossili, che gli scienziati hanno chiamato Bicellum brasieri, erano eccezionalmente ben conservati in 3D, chiusi in noduli di minerali fosfatici in Scozia. I ricercatori credono che questo sito fosse una volta un antico lago, e sospettano che i piccoli organismi siano affondati sul fondo e siano stati conservati quando sono morti.


"L'origine della multicellularità complessa e l'origine degli animali sono considerati due degli eventi più importanti nella storia della vita sulla Terra", ha detto l'autore principale dello studio Charles Wellman, un professore del Dipartimento di Scienze Animali e Vegetali presso l'Università di Sheffield in Inghilterra. "La nostra scoperta getta nuova luce su entrambi", ha detto Sheffield in una dichiarazione.


Polmone di pesce fossilizzato


A febbraio, gli scienziati hanno annunciato di aver scoperto una nuova specie estinta di pesce antico che era grande come un grande squalo bianco. I ricercatori hanno identificato il pesce, che apparteneva al misterioso gruppo dei celacanti, da un polmone fossile di 66 milioni di anni.


Il fossile unico è stato scoperto in Marocco accanto a diverse ossa di uno pterosauro. A causa di questa associazione e della forma arrotondata del fossile, gli scienziati hanno inizialmente pensato che fosse un cranio di pterosauro. Tuttavia, un'analisi più approfondita ha rivelato che si trattava di un polmone di pesce. "C'è solo una specie che ha una struttura ossea come quella, ed è il pesce celacanto", ha detto Martill. "In realtà avvolgono il loro polmone in questa guaina ossea, è una struttura molto insolita".


La nuova specie è il più grande pesce celacanto mai scoperto ed è stato trovato in una regione dove nessun celacanto è mai stato trovato prima. Il danno al polmone suggerisce che potrebbe essere stato ucciso da un plesiosauro o da un mosasauro, due dei più grandi predatori oceanici dell'epoca.


Rinoceronte gigante senza corna

A giugno, i ricercatori hanno rivelato di aver scoperto i resti di un rinoceronte gigante senza corna di 26,5 milioni di anni in Cina. Il rinoceronte, chiamato Paraceratherium linxiaense, era lungo 6 piedi (8 metri) con un'altezza della spalla di 16,4 piedi (5 m), e pesava fino a 24 tonnellate (21,7 tonnellate metriche), che è l'equivalente di quattro elefanti africani. P. linxiaense è ora considerato uno dei più grandi mammiferi che abbiano mai camminato sulla Terra.


Il cranio e le mascelle hanno mostrato che P. linxiaense aveva una testa gigante, lunga 3,7 piedi (1,1 m) e una piccola proboscide, come quella di un moderno tapiro. I ricercatori sono rimasti scioccati dalla completezza e dalle dimensioni delle ossa, l'autore principale Deng Tao, direttore e professore presso l'Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia presso l'Accademia Cinese delle Scienze di Pechino, ha detto a Live Science.


La scoperta ha anche permesso ai ricercatori di colmare le lacune cruciali nell'albero genealogico e nella gamma geografica dei rinoceronti giganti in Asia.


Piccolo granchio "immortale


Una nuova specie di granchio "immortale" sepolto nell'ambra ha fatto notizia in ottobre. Il fossile, che risale al periodo Cretaceo, è uno dei primi esempi di un granchio che occupa un habitat d'acqua dolce e potrebbe essere un "anello mancante" tra i granchi d'acqua dolce e salata. 


Il team che ha scoperto il fossile ha chiamato la specie ritrovata Cretaspara athanata - "athanata" significa "immortale"; "Cret-" per il Cretaceo; e "aspara" per i leggendari spiriti del sud-est asiatico delle nuvole e dell'acqua. C. athanata è minuscolo, appena una frazione di pollice (2 millimetri) di diametro, ed è strettamente legato ai granchi moderni.


I ricercatori hanno usato un tipo di scansione a raggi X per creare un modello digitale 3D del granchio al fine di studiare la sua fisiologia in dettaglio. Sono stati sorpresi da quanto ben conservato fosse il granchio. "È l'intero animale", ha detto Luque, "al livello di non perdere un solo pelo sulle gambe o la bocca, il che è sconvolgente".


Famiglia di mummie di ragno


A settembre, un nuovo studio ha rivelato ragni della famiglia Lagonomegopidae, ora estinta, racchiusi in quattro pezzi di ambra. Tre dei pezzi contenevano minuscoli piccoli ragni, ma un pezzo eccezionale conteneva anche un ragno femmina con le uova. Si ritiene che sia il più antico esempio di cura materna nei ragni.


Il pezzo di ambra contenente la madre ragno mostra chiaramente il suo accovacciato sulle sue uova in una posizione protettiva. Conteneva anche il filo di seta conservato che la femmina ha usato per avvolgere le sue uova insieme, così come i detriti di un possibile nido. Gli altri tre pezzi d'ambra contenevano un totale di 84 piccoli di ragno.


Anche se la scoperta non è inaspettata, dato che molte madri ragno curare la loro prole al giorno d'oggi, "è bello avere prove fisiche reali attraverso queste piccole istantanee nel record fossile," studio co-ricercatore Paul Selden, un professore emerito del Dipartimento di Geologia presso l'Università del Kansas, ha detto Live Science.


Nonno cefalopode


A marzo, gli scienziati hanno descritto una nuova specie di cefalopodi a forma di pillola - un gruppo che comprende polpi, calamari, seppie e nautili - che sono i più antichi del loro genere mai scoperti. 


I piccoli fossili dei cefalopodi senza nome risalgono al primo periodo Cambriano e hanno circa 522 milioni di anni. Questo li rende più di 30 milioni di anni più giovani del precedente detentore del record per il più antico cefalopode. Sono anche estremamente piccoli - uno misura solo mezzo pollice (1,4 centimetri) di altezza e 0,1 pollici (0,3 cm) di larghezza. 


La scoperta suggerisce "che i cefalopodi sono emersi all'inizio dell'evoluzione degli organismi multicellulari durante l'esplosione del Cambriano", ha detto il ricercatore principale dello studio Anne Hildenbrand, un geologo presso l'Istituto di Scienze della Terra dell'Università di Heidelberg in Germania, in una dichiarazione.


Squalo aquila 'alato

A marzo, un nuovo studio ha rivelato un bizzarro squalo con pinne alate e una bocca larga e spalancata che ha attraversato i mari di quello che ora è il Messico circa 93 milioni di anni fa. 


Lo strano squalo, chiamato Aquilolamna milarcae, sembra un ibrido tra gli squali che vediamo oggi e le razze mobula - un gruppo che include mante e razze diavolo. Era anche molto probabilmente un mangiatore di filtri, come le razze, che ingurgitava piccole creature simili al plancton. Tuttavia, questo squalo ha vissuto più di 30 milioni di anni prima che esistessero le razze mobula, secondo i ricercatori.


Questo squalo alato è diverso da qualsiasi squalo vivo oggi. "Una delle caratteristiche più sorprendenti di Aquilolamna è che ha pinne pettorali [laterali] molto lunghe e sottili", ha detto a Live Science il ricercatore principale Romain Vullo, un paleontologo dei vertebrati del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica (CNRS) a Geosciences Rennes, in Francia. "Questo rende lo squalo più largo che lungo", con una "apertura alare" di circa 6,2 piedi (1,9 metri) e una lunghezza totale del corpo di circa 5,4 piedi (1,65 metri).


Originariamente pubblicato su Live Science.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia