Dr. Peter McCullough - Dettagli del danno devastante che fanno i vaccini COVID

 

Dr. Peter McCullough - Dettagli del danno devastante che fanno i vaccini COVID

I vaccini COVID sono "il più pericoloso lancio di un prodotto medicinale biologico nella storia dell'umanità" ha detto il dottor Peter McCullough (nella foto).


Iniettare milioni di persone con innumerevoli copie di un gene che istruisce il corpo a produrre una proteina tossica potrebbe non sembrare molto sensato. Ma si sperava che questo approccio, la base del vaccino COVID, avrebbe aiutato a minimizzare i danni causati dalla proteina - il "picco" che il SARS-CoV-2 geneticamente modificato usa per invadere le cellule del nostro corpo - quando incontriamo il virus vero e proprio.


Il mese scorso abbiamo riportato la scoperta di uno specialista cardiaco americano che la maggior parte dei suoi pazienti ha mostrato cambiamenti biochimici che segnalano un aumento del rischio cardiovascolare nelle settimane successive alla loro iniezione di mRNA COVID. I marcatori per l'infiammazione, la morte cellulare e una risposta immunitaria al danno coronarico sono tutti aumentati rispetto ai risultati di pochi mesi prima.


I risultati complessivi hanno indicato un aumento "drammatico", dall'11 per cento al 25 per cento, nella probabilità di un attacco di cuore o un evento simile che si verifica in qualche momento nei prossimi cinque anni se questi cambiamenti persistono.


Il rapporto è stato presentato come un abstract a una riunione dell'American Heart Association (AHA), e successivamente pubblicato in Circulation, la rivista dell'AHA. Dopo essere stato reso pubblico, una "espressione di preoccupazione" è stata aggiunta all'abstract, dicendo che ci sono "potenziali errori" e potrebbe non essere affidabile.


C'è comunque ogni ragione per prenderlo sul serio - a parte i ricercatori britannici che hanno trovato risultati simili, che non sono disposti a pubblicare per paura di perdere i soldi della ricerca.


Venerdì scorso la prova più dettagliata dei danni che il vaccino può fare è stata presentata in un simposio online sulla scienza COVID organizzato da Doctors for COVID Ethics. Questo è un gruppo internazionale che si è opposto a lungo al lancio di massa del vaccino COVID, sostenendo in particolare che il sistema immunitario può attaccare i nostri tessuti quando rileva la presenza della proteina spike.


Migliaia di morti sono state segnalate sulla scia del vaccino, ma le autorità di regolamentazione sostengono che la maggior parte di queste sono coincidenti, e hanno trascurato un'indagine dettagliata per stabilire se il vaccino fosse responsabile o meno.


Esattamente questo tipo di indagine è stata condotta dal patologo tedesco professor Arne Burkhardt, che ha 40 anni di esperienza nel campo. Ha esaminato i tessuti e gli organi di 15 pazienti in cui era stata eseguita un'autopsia, un'opportunità eccezionale che si è presentata perché i corpi erano in istituti di medicina legale e istituti di patologia.


Erano sette uomini e otto donne, di età compresa tra i 28 e i 95 anni. Sono morti tra sette giorni e sei mesi dopo l'iniezione.


In sostanza, Burkhardt ha trovato danni interni nella maggior parte dei deceduti, causati da un processo di autodistruzione in cui le cellule immunitarie - linfociti - avevano invaso diverse parti del corpo.


In cinque dei 15 casi, si è concluso che la correlazione con la vaccinazione era molto probabile; in sette, era probabile; e in due casi non era chiaro, ma possibile. "In un caso non abbiamo trovato nessuno di questi cambiamenti di alcun significato", ha detto Burkhardt.


Ha presentato delle diapositive che mostrano come i linfociti hanno infiltrato il muscolo cardiaco in particolare, causando infiammazione. Le lesioni risultanti erano piccole e facilmente trascurate, "ma la distruzione di poche cellule muscolari può avere un effetto devastante", ha detto. "Se l'infiltrazione infiammatoria si trova dove viene dato l'impulso per la contrazione del cuore, questo può portare all'insufficienza cardiaca".


Un'altra scoperta, anch'essa di facile comprensione, era il danno polmonare causato dall'invasione dei linfociti, visto in quasi la metà dei casi. Fegato, reni, utero, cervello, tiroide e pelle hanno anche mostrato segni di danni autoimmuni.


Riassumendo la presentazione di Burkhardt, il microbiologo canadese professor Michael Palmer ha detto: "Chiunque abbia una formazione medica vedrà quanto possa essere devastante l'effetto di questi vaccini, almeno in coloro che muoiono dopo la vaccinazione... ora sappiamo anche perché le autorità erano molto esitanti a far eseguire autopsie su tali vittime".


Altrove, Palmer ha sostenuto che anche se le morti dopo la vaccinazione sono poche rispetto al numero di coloro che hanno ricevuto il vaccino, "la dose totale di questi vaccini a RNA messaggero che si può tollerare prima di morire è limitata. Non conosciamo la quantità esatta perché semplicemente non ci sono abbastanza dati sperimentali. Questo è uno dei grandi scandali di questi vaccini, che non sono stati condotti studi di tossicità adeguati".


Gli studi sugli animali hanno dimostrato chiaramente che il vaccino non rimane solo nel luogo dell'iniezione. Circola ampiamente, in modo tale che la proteina spike può combinarsi con i recettori in molte parti del corpo, e soprattutto con le cellule che rivestono i nostri vasi sanguigni, causando sia la coagulazione che l'emorragia eccessiva.


Molti gruppi improvvisi di morti (vedi qui e qui) sono stati segnalati nella scia immediata delle spinte del vaccino, osservati anche negli atleti.


Le scoperte di Burkhardt, che evidenziano l'infiltrazione di cellule immunitarie nei tessuti in cui si è manifestata la proteina spike indotta dal vaccino, arrivano sulla scia di molti avvertimenti di tale meccanismo e sono supportate da vari studi che suggeriscono rischi a lungo termine. Questi includono:


Il medico statunitense Dr. Patrick Whelan ha avvertito la Food and Drug Administration degli Stati Uniti un anno fa, prima del lancio del vaccino, che i vaccini basati sulla proteina spike possono innescare essi stessi i sintomi di una grave COVID, tra cui coaguli di sangue, infiammazione del cervello e danni al cuore, al fegato e ai reni.


Whelan, uno specialista pediatrico che si occupa di bambini con la sindrome infiammatoria multisistemica, ha esortato a una particolare cautela nel dare il vaccino a bambini e giovani adulti, che normalmente combattono l'infezione nelle sue prime fasi. Prima che uno qualsiasi dei vaccini sia approvato per un uso diffuso negli esseri umani, ha detto, ci dovrebbe essere una valutazione degli effetti sul cuore.


Il vaccino include una modifica nel codice RNA che ha lo scopo di sintetizzare copie abbondanti della proteina spike - in trilioni di molecole, secondo questa visualizzazione prodotta dal Dr. Charles Hoffe, un medico canadese. Egli dice che la maggior parte delle persone che ricevono l'iniezione COVID "ottengono coaguli di sangue che non hanno nemmeno idea di avere".


La modifica, insieme a un dispositivo che protegge il meccanismo dell'RNA dalla distruzione immediata da parte del corpo, può permettere che le iniezioni presentino in alcuni destinatari un rischio maggiore dell'infezione naturale, dato che questa è di solito affrontata con successo da un sistema immunitario sano. Nessuno sa esattamente quanta proteina viene prodotta dal vaccino, né quanto tempo dura nel corpo.


Il dottor Robert Malone, inventore della tecnologia mRNA, dice che "molteplici riferimenti rivisti dai pari" dimostrano che la proteina spike del virus avvelena le cellule del corpo (vedi per esempio qui), ma gli sviluppatori del vaccino non hanno dimostrato la sicurezza della loro versione della proteina. Una corretta valutazione dei rischi non è ancora stata fatta, dice.


Un altro patologo tedesco ha trovato dalle autopsie condotte su 40 persone, che sono morte sulla scia del vaccino, che il 30-40 per cento era legato al vaccino. Il professor Peter Schirmacher crede che molti di questi decessi siano mancati, con i medici che li attribuiscono a cause naturali.


Il cardiologo americano e direttore della rivista Dr. Peter McCullough ha avvertito che il vaccino può danneggiare il tessuto cardiaco in modi che passano inosservati in un primo momento, ma che creano tessuto cicatriziale in grado di causare disfunzioni cardiache permanenti più tardi nella vita. "Questo passerà alla storia come il più pericoloso lancio di un prodotto medicinale biologico nella storia dell'umanità", dice. McCullough ha anche evidenziato un aumento dei decessi tra i bambini nel Regno Unito da quando il NHS ha iniziato a vaccinare gli adolescenti dai 12 anni in su contro il COVID.


Un'analisi dei dati sulle reazioni avverse del Regno Unito 'Yellow Card' della Dr. Tess Lawrie's Evidence-Based Medicine Consultancy ha trovato migliaia di segnalazioni di coaguli di sangue dopo le punture di COVID. Quasi ogni vena e arteria è stata colpita, e ogni organo, comprese parti del cervello, polmoni, cuore, milza, reni, ovaie e fegato, "con conseguenze pericolose e che cambiano la vita". Lawrie ha sollecitato i regolatori britannici già nel giugno scorso a dichiarare il vaccino non sicuro per l'uso negli esseri umani a causa delle morti e delle reazioni avverse segnalate.


Un riconoscimento "agghiacciante" dei rischi specifici di micocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (gonfiore nel tessuto che circonda il cuore) in seguito alla vaccinazione COVID è stato rilasciato questo mese dall'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito. L'agenzia insiste ancora sul fatto che tali casi sono rari e che la maggior parte dei pazienti si riprende completamente, ma prove come quella di Burkhardt suggeriscono che molte morti potrebbero non essere riconosciute come legate al vaccino.


È un pasticcio terribile, e c'è un disperato bisogno di una revisione dell'intera strategia del vaccino COVID. Patologi del Regno Unito, per favore venite in soccorso!


Per saperne di più: lifesitenews.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia