I polipi vengono dallo spazio? Ecco cosa dice uno strano documento

 

I polipi vengono dallo spazio? Ecco cosa dice uno strano documento

Un riassunto di decenni di ricerca su un'idea piuttosto "fuori dal comune" che coinvolge virus dallo spazio solleva domande su quanto possiamo essere scientifici quando si tratta di speculare sulla storia della vita sulla Terra.


È facile buttare in giro parole come crackpot, rogue, e maverick nel descrivere la frangia scientifica, ma poi documenti come questo, del 2018, arrivano e ci lasciano sbattere le palpebre, senza sapere da dove cominciare.


Un totale di 33 nomi sono stati elencati come autori su questa recensione, che è stata pubblicata da Progress in Biophysics and Molecular Biology nell'agosto 2018. La rivista è peer reviewed e abbastanza ben citata. Quindi non è esattamente piccola, o una fonte di nicchia pay-for-publish.


Lo scrittore di scienze Stephen Fleischfresser approfondisce il background di due dei più noti scienziati coinvolti: Edward Steele e Chandra Wickramasinghe. Vale la pena leggerlo.


Per una versione tl;dr, Steele è un immunologo che ha una reputazione marginale per i suoi punti di vista sull'evoluzione che si basa sull'acquisizione di cambiamenti genetici determinati dall'influenza dell'ambiente piuttosto che da mutazioni casuali, in quello che lui chiama meta-Lamarckismo.


Wickramasinghe, d'altra parte, ha avuto una carriera un po' meno controversa, riconosciuta per aver confermato empiricamente l'ipotesi di Sir Fred Hoyle che descrive la produzione di molecole complesse di carbonio sulla polvere interstellare.


Wickramasinghe e Hoyle sono anche responsabili di un'altra tesi di biologia spaziale. Solo che questa non si basa solo sulle origini della chimica organica.


La tesi Hoyle Wickramasinghe (H-W) della biologia cometaria (cosmica) afferma in modo piuttosto semplice che la direzione dell'evoluzione è stata significativamente influenzata dalla biochimica che non è iniziata sul nostro pianeta.


Nelle parole di Wickramasinghe, "Le comete sono i portatori e distributori di vita nel cosmo, e la vita sulla Terra è nata e si è sviluppata come risultato di input cometari".


Questi input, sostiene Wickramasinghe, non si limitano a una generosa spolverata di aminoacidi cotti nello spazio.


Piuttosto, includono virus che si inseriscono negli organismi, spingendo la loro evoluzione in direzioni completamente nuove.


Il rapporto, intitolato "Cause of Cambrian Explosion - Terrestrial or Cosmic?", si basa sulla ricerca esistente per concludere che una pioggia di retrovirus extra-terrestri ha giocato un ruolo chiave nella diversificazione della vita nei nostri oceani circa mezzo miliardo di anni fa.


"Così i retrovirus e altri virus ipotizzati per essere liberati in scie di detriti cometari sia possono potenzialmente aggiungere nuove sequenze di DNA ai genomi terrestri e guidare ulteriori cambiamenti mutageni all'interno dei genomi somatici e germinali", hanno scritto gli autori.


Lasciate che questo affondi per un momento. E fate un respiro profondo prima di continuare, perché questa è stata la parte più tranquilla.


È stato durante questo periodo che un gruppo di molluschi noti come cefalopodi hanno allungato i loro tentacoli da sotto le loro conchiglie, ramificandosi in una sorprendente gamma di dimensioni e forme in quello che sembrava un periodo di tempo incredibilmente breve.


La genetica di questi organismi, che oggi includono polpi, calamari e seppie, è strana quanto gli animali stessi, in parte grazie alla loro capacità di modificare il loro DNA al volo.


Gli autori del documento fanno l'affermazione piuttosto audace che queste stranezze genetiche potrebbero essere un segno di vita dallo spazio.


Non di virus spaziali questa volta, ma dell'arrivo di interi genomi congelati in stasi prima di scongelarsi nelle nostre tiepide acque.


"Così la possibilità che le uova di calamaro e/o polpo crioconservate, arrivate in bolidi ghiacciati diverse centinaia di milioni di anni fa non dovrebbe essere scontata", hanno scritto.


Nella sua revisione del documento, il ricercatore medico Keith Baverstock dell'Università della Finlandia orientale ha ammesso che ci sono molte prove che plausibilmente si allineano con la tesi H-W, come la curiosa linea temporale della comparsa dei virus. 


Ma non è così che la scienza avanza.


"Credo che questo documento giustifichi lo scetticismo sul valore scientifico delle teorie stand alone dell'origine della vita", ha sostenuto Baverstock all'epoca.


"Il peso delle prove plausibili, ma non definitive, per quanto grande possa essere, non è il punto".


Mentre l'idea è tanto nuova ed eccitante quanto provocatoria, niente nel riassunto ci aiuta a capire meglio la storia della vita sulla Terra rispetto alle congetture esistenti, aggiungendo poco valore al nostro modello di evoluzione.


Eppure, con solidi avvertimenti in atto, forse la scienza può far fronte ad una generosa dose di follia di tanto in tanto.


L'editore della rivista Denis Noble ammette che "sono necessarie ulteriori ricerche", il che è un po' un eufemismo.


Ma visti gli sviluppi della chimica organica spaziale degli ultimi anni, c'è spazio per la discussione.


"Man mano che la chimica e la biologia spaziale crescono di importanza, è opportuno che una rivista dedicata all'interfaccia tra fisica e biologia incoraggi i dibattiti", ha detto Noble.


"In futuro, le idee diventeranno sicuramente testabili".


Nel caso in cui questi test confermino le speculazioni, raccomandiamo di essere ben preparati per il ritorno dei nostri signori cefalopodi. Chissà quando rivorranno quelle uova?


Questa ricerca è stata pubblicata su Progress in Biophysics and Molecular Biology

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia