Il modello geometrico nascosto rivela la complessità più profonda di Göbekli Tepe

 

Il modello geometrico nascosto rivela la complessità più profonda di Göbekli Tepe

Un "modello nascosto" a Göbekli Tepe, nella Turchia centrale, suggerisce che 12.000 anni fa i cacciatori-raccoglitori conoscevano rudimentali principi geometrici, indicando una società più complessa di quanto precedentemente ipotizzato dagli archeologi, o no?


La prima fase di costruzione del famoso Göbekli Tepe, o "collina panciuta" in turco, è stata datata tra 12.000 e 11.000 anni fa, e questo cerchio di pietre preistorico, situato su una collina arida nel sud-est della Turchia, ha sfidato le idee degli archeologi sulle culture preistoriche fin dalla sua scoperta negli anni '90. Molti importanti archeologi sono rimasti perplessi su come i presunti cacciatori-raccoglitori primitivi abbiano potuto progettare e assemblare una struttura monumentale di pietra così imponente prima dell'emergere dell'ordine sociale che è venuto con l'agricoltura?


Ora, gli archeologi israeliani, Gil Haklay e il suo consulente di dottorato Avi Gopher, dell'Università di Tel Aviv, hanno pubblicato un nuovo studio sul Cambridge Archaeological Journal che fornisce una serie di osservazioni che suggeriscono che questo progetto di costruzione preistorica era "molto più complesso di quanto si pensasse in precedenza", e che ha richiesto pianificazione e risorse in una misura ritenuta impossibile per quei tempi.


Tre cerchi di pietra contemporanei, forse?

In questo sito archeologico di fama mondiale, diversi cerchi di pietra concentrici presentano massicci pilastri a forma di T che raggiungono quasi 6 metri di altezza con animali e motivi antropologici scolpiti in rilievo. Ma questo nuovo studio si concentra sulla disposizione e il posizionamento dei tre più antichi recinti di pietra circolari a Göbekli Tepe e i ricercatori sostengono che sotto l'intero piano architettonico di queste tre strutture è "un modello geometrico nascosto", che descrivono come "specificamente un triangolo equilatero".

Fino a queste nuove osservazioni, la maggior parte degli archeologi aveva ipotizzato che i cerchi di Göbekli Tepe fossero stati costruiti gradualmente, in un lungo periodo di tempo, forse da diversi gruppi culturali, e che i cerchi più vecchi fossero stati coperti da quelli nuovi. Non è mai stato considerato che tutti e tre i recinti potrebbero essere stati costruiti "come una singola unità allo stesso tempo", hanno detto i ricercatori. Il ricercatore Haklay ha detto a Haaretz che mentre la scoperta iniziale del sito è stata una grande sorpresa per il mondo archeologico, la sua nuova ricerca conferma che la sua costruzione era ancora "più complessa di quanto pensassimo".


La nuova teoria del "progetto unico" sfida il mainstream

Il nuovo studio si concentra sui recinti B, C e D, che sono stati datati leggermente più vecchi del recinto A, e Haklay, che in precedenza era un architetto, ha applicato un metodo di interpretazione noto come "analisi formale architettonica" per ripercorrere i principi di pianificazione e le metodologie degli antichi costruttori.


Usando un algoritmo, Haklay ha identificato i punti centrali dei tre cerchi di pietra irregolari, che cadevano all'incirca a metà strada tra la coppia di pilastri centrali in ogni recinto. Il momento eureka è arrivato quando i tre punti centrali sono stati trovati per formare un triangolo equilatero quasi perfetto, così accurato nella misura, che i ricercatori dicono che i "vertici sono circa 25 centimetri (10 pollici) di distanza dal formare un triangolo perfetto con lati di 19,25 metri (63 piedi) ciascuno".

E per quei lettori che pensano che questo evento possa essere una coincidenza, Haklay ha detto ai giornalisti di Haaretz che i recinti "hanno tutti dimensioni e forme diverse" e dice che le probabilità che i tre punti centrali formino un triangolo equilatero per caso, "sono molto basse".


Questo complesso disegno astratto del pavimento alla base della disposizione di Göbekli Tepe, è presentato nel nuovo documento come prova di una "pianta in scala", possibilmente ottenuta usando canne di uguale lunghezza per creare un rudimentale progetto sul terreno, suggerisce Haklay. L'archeologo pensa anche che ogni recinto sia passato successivamente attraverso una lunga storia di costruzione con molteplici modifiche, ma che nella fase iniziale di costruzione "hanno iniziato come un unico progetto".


La nuova teoria del "tutti e tre insieme" sfida l'ipotesi del ritardo temporale?

Se il modello geometrico sottostante è davvero la prova che le tre strutture di Göbekli Tepe erano state costruite in un unico antico progetto di ingegneria, l'impresa era tre volte più grande di quanto si pensasse in precedenza, richiedendo una simile moltiplicazione di costruttori cacciatori-raccoglitori, risorse e sforzi. Gopher suggerisce che forse "migliaia di lavoratori hanno segnato" quella che ha chiamato la nascita di una società più stratificata, con un livello di sofisticazione equiparabile a gruppi di agricoltori sedentari molto più tardi.


In conclusione, mentre i due ricercatori sono convinti che la loro scoperta provi che i tre cerchi di pietra sono stati costruiti contemporaneamente, molti lettori in questo momento, come me, saranno alle prese con una proposta contrastante. E se i primi costruttori avessero eretto un cerchio a sé stante, poi una cultura successiva ne avesse costruito un altro, posizionato a caso, accanto al primo senza alcuna correlazione geometrica. Poi un terzo gruppo di costruttori, forse 2000 anni dopo, ha deciso di costruire il suo cerchio equidistante dai primi due cerchi non correlati in precedenza, ottenendo un triangolo equilatero grazie a un pensiero progettuale indipendente, ma collegato, o anche osando dire, per caso?

fonte

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia