CEO Twitter: "Decidiamo noi chi ha il privilegio di essere ascoltato"

 

CEO Twitter: "Decidiamo noi chi ha il privilegio di essere ascoltato"

Di Craig Bannister


Il nuovo CEO di Twitter, Parag Agrawal, ha detto che la censura dei contenuti della piattaforma di social media non dovrebbe essere limitata dal primo emendamento e che Twitter dovrebbe "concentrarsi meno sul pensare alla libertà di parola".


In un'intervista del 18 novembre 2020 con il caporedattore di MIT Technology Review Gideon Lichfield, all'allora Chief Technology Officer di Twitter Agrawal è stato chiesto come Twitter possa sia censurare la disinformazione dalla sua piattaforma che consentire ancora la libertà di parola.


"Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal primo emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica, ha risposto Agrawal. Invece, il ruolo di Twitter è quello di "concentrarsi meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come i tempi sono cambiati", ha detto:


"Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal primo emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono le cose che crediamo portino a una conversazione pubblica più sana".


"Il tipo di cose che facciamo su questo è, concentrarsi meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come i tempi sono cambiati".


Poiché il discorso è così facile su internet, Twitter sottolinea la decisione di "chi può essere ascoltato", ha aggiunto Agrawal:


"Uno dei cambiamenti che vediamo oggi è che il discorso è facile su internet. Molte persone possono parlare. Dove il nostro ruolo è particolarmente enfatizzato è chi può essere ascoltato".


Twitter sta aumentando la sua influenza su ciò che gli utenti vedono, esercitando il suo potere di "raccomandare contenuti" e "dirigere l'attenzione delle persone" per promuovere ciò che considera una "sana conversazione", ha detto Agrawal:


"E così sempre più il nostro ruolo si sta spostando verso il modo in cui raccomandiamo i contenuti e questa sorta di, è, è, una lotta che stiamo lavorando in termini di come ci assicuriamo che questi sistemi di raccomandazione che stiamo costruendo, come dirigiamo l'attenzione della gente sta portando ad una sana conversazione pubblica che è più partecipativa".


Lo scambio completo è presentato qui sotto:


Lichfield

"Siete presi in un posto un po' difficile, come qualcuno nel pubblico sta anche sottolineando, che state cercando di combattere la disinformazione, ma volete anche proteggere la libertà di parola come un valore fondamentale, e anche negli Stati Uniti come il primo emendamento. Come si fa a bilanciare queste due cose?"


Agrawal

"Il nostro ruolo non è quello di essere vincolati dal primo emendamento, ma il nostro ruolo è quello di servire una sana conversazione pubblica e le nostre mosse riflettono le cose che crediamo portino a una conversazione pubblica più sana. Il tipo di cose che facciamo a questo proposito è, concentrarsi meno sul pensare alla libertà di parola, ma pensare a come i tempi sono cambiati. Uno dei cambiamenti che vediamo oggi è che la parola è facile su internet. Molte persone possono parlare. Dove il nostro ruolo è particolarmente enfatizzato è chi può essere ascoltato. La merce scarsa oggi è l'attenzione. C'è un sacco di contenuto là fuori. Un sacco di tweet là fuori, non tutti ottengono l'attenzione, qualche sottoinsieme di essi ottiene l'attenzione. E così sempre più il nostro ruolo si sta spostando verso il modo in cui raccomandiamo i contenuti e questa sorta di, è, è, una lotta che stiamo affrontando in termini di come ci assicuriamo che questi sistemi di raccomandazione che stiamo costruendo, come dirigiamo l'attenzione della gente sta portando ad una sana conversazione pubblica che è più partecipativa".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia