Infermieri rivelano: "Attacchi di cuore, coagulazione, ictus mentre i medici si rifiutano di dare la colpa ai vaccini per paura di perdere il lavoro"

 

California:  Infermiere rivelano: "Attacchi di cuore, coagulazione, ictus mentre i medici si rifiutano di dare la colpa ai vaccini per paura di perdere il lavoro"

Il Conejo Guardian ha ora pubblicato un articolo con un paio di infermieri, tra cui un infermiere vaccinato che ha ricevuto due dosi delle iniezioni sperimentali, ma dice che NON riceverà nessuno dei richiami, e che lui e sua moglie hanno deciso di lasciare lo Stato della California una volta che il loro bambino raggiunge l'età scolastica, in quanto non credono che i bambini dovrebbero essere iniettati con queste sostanze.


Queste infermiere si sono fatte avanti per segnalare l'aumento di inspiegabili problemi cardiaci, ictus e coaguli di sangue nelle popolazioni locali di pazienti vaccinati. Dicono anche che i medici si rifiutano di considerare che queste potrebbero essere reazioni avverse alle iniezioni di Covid.


Queste infermiere riferiscono anche che le condizioni negli ospedali in questo momento sono così cattive che sono in "modalità di sopravvivenza", poiché non c'è abbastanza personale per gestire l'afflusso di questi pazienti feriti dai vaccini, e stanno spingendo nuovi infermieri in queste situazioni con pochissima formazione, rendendo la situazione ancora peggiore.


Così, mentre molte delle infermiere etiche e del personale ospedaliero che si sono rifiutate di farsi iniettare le iniezioni di armi biologiche sono state licenziate o si sono dimesse, sembra che anche le infermiere e il personale vaccinato che rimangono stiano iniziando a svegliarsi, e molte di loro potrebbero presto lasciare il sistema medico perché non vogliono farsi iniezioni di richiamo senza fine e lavorare in questi luoghi di lavoro sovraffollati dove possono chiaramente vedere che la maggior parte dei pazienti soffre degli effetti collaterali delle iniezioni.


Di Joel Kilpatrick del conejo guardian


Dopo il rapporto del Conejo Guardian sulle tendenze allarmanti negli ospedali della contea di Ventura, più infermiere si sono fatte avanti per affermare l'aumento di problemi cardiaci inspiegabili, ictus e coagulazione del sangue nella popolazione locale di pazienti vaccinati. Dicono anche che i medici si rifiutano di considerare che queste potrebbero essere reazioni avverse alle iniezioni di Covid.


Sam, un'infermiera di terapia intensiva in un ospedale della contea di Ventura, si è fatta avanti perché:


"Sono stanco di tutte le stronzate che stanno accadendo", ha detto al Guardian. "È pazzesco come nessuno metta più in discussione nulla".


"Nessuno [dei medici] mette in dubbio che il vaccino causi miocarditi, pericarditi e gli ictus che stanno arrivando. Se non si mettono in riga, potrebbero perdere la loro licenza medica".


Ha assistito ad un'impennata nel numero di giovani che hanno avuto gravi problemi di salute dopo aver ricevuto le iniezioni di Covid.


"Abbiamo avuto un sacco di giovani che vengono qui", dice Sam. "Stiamo vedendo un sacco di ictus, un sacco di attacchi di cuore".


Una donna di 38 anni è arrivata con occlusioni (blocchi del flusso sanguigno) nel suo cervello.


"Loro [i medici] stavano cercando tutto sotto il sole e documentando questo nella cartella, ma da nessuna parte si vede se è stata vaccinata o no", dice Sam. "Una cosa che il vaccino causa è la trombosi, la coagulazione. Qui c'è una donna di 38 anni che è stata vaccinata due volte e sta avendo degli ictus che non riescono a spiegare. Nessuno dei medici lo collega al vaccino. È spazzatura. È spazzatura assoluta".


Un'altra donna, 63 anni, è venuta il giorno in cui ha fatto l'iniezione di Moderna Covid. Senza precedenti cardiaci, ha avuto un attacco di cuore. I test hanno rivelato che le sue arterie coronarie erano pulite.


"Un medico ha messo in dubbio il vaccino, ma non l'ha menzionato nella cartella perché non si può provare", dice Sam.


Mentre gli ospedali stanno vedendo più miocardite, un effetto collaterale associato alle iniezioni di Covid, "Tutti vogliono minimizzare - 'È raro, è raro'", dice Sam.


"I medici non vogliono metterlo in discussione. Abbiamo queste vaccinazioni di massa e stiamo vedendo la miocardite più frequentemente e nessuno vuole alzare la bandiera rossa. Quando discutiamo il caso, non ne parlano nemmeno. Non lo menzionano. Si comportano come se non avessero un motivo, che sia spontaneo".


'Modalità di sopravvivenza'

"Mi sento come se il nostro ospedale fosse... a malapena in grado di funzionare in questo momento. Ecco quanto è grave".

Dana, un'altra infermiera di terapia intensiva, dice che il numero di malati critici nel suo ospedale di Ventura County è diventato "schiacciante", spingendo il numero di pazienti della sua struttura ai livelli più alti che abbia mai visto.

"Non è mai stato così affollato, e nessuno di questi è Covid-19", dice Dana. "Normalmente non vediamo una tale quantità di ictus, aneurismi e attacchi cardiaci tutti insieme. ... Normalmente vediamo da sei a dieci dissezioni aortiche all'anno. Ne abbiamo viste sei nell'ultimo mese. È pazzesco. Queste hanno tassi di mortalità molto alti".

Ma i medici quasi mai tirano fuori la possibilità di reazioni avverse dovute alle vaccinazioni Covid.

"I dottori dicono: 'Probabilmente sono le vacanze'", dice Dana.

"Non capisco come si possa guardare a quello che sta succedendo e dire solo: 'Sì, sono le vacanze'. C'è stato un grande cambiamento nella vita di tutti, ed è il vaccino".

Il numero di infezioni da Covid rimane piccolo, e la maggior parte dei pazienti che arrivano con il Covid sono già stati vaccinati, dice. Piuttosto, un numero senza precedenti di pazienti sono "su pressori per mantenere la pressione sanguigna alta, persone su ventilatori, problemi di coagulazione, quindi abbiamo un sacco di flebo di eparina per assicurarsi che non abbiano un ictus", dice Dana.

Nel frattempo, "tutti sono in modalità di sopravvivenza a causa del personale".

La carenza di personale infermieristico, causata da persone che fuggono dalla California e dalla professione sanitaria, fa sì che gli ospedali locali si sforzino di fornire assistenza. Dana è stato "fuori rapporto" per gli ultimi tre turni, in base al massimo rapporto infermiere-paziente consentito dallo Stato della California per fornire cure in sicurezza.

Questo sta portando a gravi perdite.

"Perché siamo a corto di personale, stanno assumendo nuove infermiere e sto vedendo errori nell'ospedale che non sono nemmeno divertenti - errori medici", dice Dana. "[Gli ospedali] stanno cercando di riempire questi posti e stanno prendendo qualsiasi corpo caldo per fare il minimo indispensabile. Penso che sia terribile quello che sta succedendo".

Recentemente, Dana si è presa cura di un paziente a cui è stata erroneamente data una quantità massiccia di un certo ormone da un'altra infermiera.

"Ora il loro cervello è fritto", dice. "Il paziente è fregato".

Purtroppo, la maggior parte delle infermiere appena assunte "non sono in grado di gestire i pazienti in modo sicuro", eppure vengono spinte presto in questo ambiente, dice.

"L'ospedale dice: 'Dobbiamo riempire questi posti. Ci stanno uccidendo". Così rilasciano tutte queste persone che sono state addestrate per due o tre mesi. Normalmente ci si allena dai quattro ai sei mesi", dice Dana. "Ad essere onesti, mi sento come se il nostro ospedale fosse sull'orlo del baratro - siamo a malapena in grado di funzionare in questo momento. Ecco quanto è grave".

Anche lo spazio fisico è messo a dura prova dall'afflusso di pazienti con condizioni di salute pericolose per la vita. L'ospedale di Dana è così affollato che stanno mettendo i pazienti nelle aree di sosta delle sale operatorie.

Come risultato dell'affollamento, le attrezzature non sono sempre dove dovrebbero essere e "quando qualcuno ti caga addosso e va in collasso cardiovascolare, non sai dove sono le tue cose - e il tempo è tessuto", dice.

"La loro pressione sanguigna inizia a scendere, la loro frequenza respiratoria sale, e poiché dobbiamo spostare i pazienti e il personale, le attrezzature sono in posti diversi. A volte bisogna rispondere in pochi minuti, e se un'infermiera non sa dove sono le cose e non è abituata a gestire il numero di persone e i tipi di problemi critici - ogni secondo di ritardo nel trattamento terapeutico fa sì che più tessuto venga danneggiato e muoia, che si tratti di tessuto cardiaco, cerebrale o muscolare. Ogni secondo conta".

Gli infermieri verdi che gestiscono più pazienti, con problemi più gravi, stanno forzando scelte spiacevoli.

"Sta preparando i pazienti al fallimento", dice Dana. "Come puoi gestire efficacemente quattro o cinque pazienti gravemente malati? Devi scegliere i vincitori e i perdenti".

Fare pressione sui "non vaccinati"

Nel frattempo, i medici sembrano ossessionati dal convincere la gente a fare le iniezioni di Covid.

Sam ha fatto le prime due iniezioni di Covid mentre lavorava a Los Angeles durante la pandemia, ma è scioccato da come i professionisti medici e i leader politici stanno chiedendo l'accettazione universale di quello che lui dice "non è veramente un vaccino. È sperimentale".

"Non dovrebbero imporlo a tutti", continua. "Non ci sono molti dati. Ci sono rischi associati ad esso e si dovrebbe essere in grado di rifiutare. Ora, se non prendi il vaccino, la gente ti evita".

L'ostilità verso coloro che non sono d'accordo è alta tra i colleghi medici.

"Non ti è permesso dire che non lo vuoi", dice Sam.

"I colleghi parleranno [di spazzatura] di te, sono così irremovibili al riguardo. È frustrante. ... Senti sempre le conversazioni alle loro spalle. 'Non è vaccinata, blah blah blah'. Sono come, chi se ne frega? Non sono affari tuoi. È una loro scelta. Prima, le informazioni mediche erano davvero private. Ora è come, 'Qual è il tuo stato Covid?'".

Anche i pazienti che entrano nel suo ospedale che non hanno preso le iniezioni di Covid sono segnalati e trattati con disprezzo, dice.

"La prima cosa che [le infermiere] dicono nell'anamnesi e nella visita medica è: 'Non è vaccinato. Ha il Covid", dice. Nel frattempo, "I numeri di Covid in terapia intensiva sono zero".

Per quanto riguarda il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), potrebbe anche non esistere. Nel suo ospedale, "Non c'è un protocollo [per la segnalazione al VAERS]. Nessuno ne parla mai", dice.

Anche coloro che hanno una forte immunità naturale dopo aver superato il virus in modo naturale vengono spinti a prendere le iniezioni di Covid.

"Se si tratta di scienza, perché mai stiamo spingendo le persone a prendere il vaccino? dice Sam. "Abbiamo dei diritti, ma ce li hanno tolti. Se non ti fai l'iniezione, perdi il lavoro".

Anche il consenso informato sembra essere passato in secondo piano.

"Quando dai a qualcuno il consenso informato, si suppone che tu gli dia tutti i rischi e i benefici, e tutte le opzioni", dice.

"Mi sembra che con il vaccino non ti diano i rischi. Dicono: 'Prendi questo vaccino. È per il bene della comunità". Non vogliono essere onesti su questo perché farà scendere il numero delle vaccinazioni. Ogni altro prodotto medico che diamo, li informiamo completamente. Non capisco cosa ci sia nel vaccino Covid. Sono così irremovibili nel darlo".

Nessun richiamo

"Non voglio continuare a iniettarmi qualcosa ogni sei mesi quando non ho i dati".

Sam è più deluso da medici e infermieri.

"I medici non fanno più domande", dice. "Nessuno si chiede se il vaccino causa miocardite, pericardite e gli ictus che stanno arrivando. Se non seguono la linea, potrebbero perdere la loro licenza medica. Fanno quello che fanno perché hanno conti da pagare. Sono deluso perché c'è una manciata di medici che mette in dubbio la narrazione, ma il resto va avanti".

Il livello di propaganda, secondo lui, è "fuori controllo".

"La propaganda crea il dubbio", dice. "Metà del paese la compra e l'altra metà non si fida del sistema. Loro [i medici] sono persone intelligenti ma non pensano più da soli. È la propaganda, la ripetizione della bugia. È molto efficace".

Da parte sua, Sam ha deciso di non prendere alcun booster.

"Non voglio continuare a prendere questa cosa. Che cosa succede se mi blocco e mi viene un attacco di cuore?", dice. "I professionisti della sanità sono persone basate sull'evidenza - o lo eravamo - e non c'è alcuna prova di ciò che questa cosa farà tra 10 anni. Non abbiamo prove di ciò che fa al sistema immunitario e al sistema di coagulazione. Non voglio continuare a iniettarmi qualcosa ogni sei mesi quando non ho dati".

Lui e sua moglie hanno deciso che lasceranno lo stato se non possono permettersi di far studiare il loro bambino a casa, quando il bambino raggiunge l'età scolare.

"Il mio [bambino] non avrà mai il vaccino. Ce ne andremo", dice Sam. "Sono fuori di testa a vaccinare questi bambini. Il loro sistema immunitario è immaturo. Stanno crescendo. Non sono disposto a correre il rischio. Non se ne parla. Io e mia moglie la pensiamo allo stesso modo".

La Florida, che sta mantenendo la libertà medica e la privacy, è anche la loro destinazione preferita se e quando perderà il lavoro una volta che i governi cambieranno la definizione di "vaccinato" - lasciandolo nella stessa categoria di coloro che non hanno mai preso le iniezioni di Covid in primo luogo.

"Potrei finire per prendere un avvocato se cambiano la definizione di 'vaccinato' e hai bisogno di una terza iniezione", dice. "La legge della California permette esenzioni religiose e gli ospedali le stanno negando. Questa è discriminazione".

Come tutti gli infermieri intervistati dal Guardian, dice di essere "stufo della coercizione".

"Se tu sei vaccinato e io no, di che diavolo ti preoccupi? È una mia scelta, giusto?", dice. "Se mi ammalo e muoio, questo è il prezzo della libertà. È su questo che siamo costruiti. In America, non costringiamo le persone a prendere iniezioni e prodotti medici contro la loro volontà".


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia