La leggenda della principessa Tuag: Una tragedia irlandese

 

La leggenda della principessa Tuag: Una tragedia irlandese

Tuag è una principessa nella leggenda irlandese. Si dice che fosse così bella da attirare l'attenzione di un dio, che mandò un bardo a rapirla. Tuttavia, la tragedia colpì e la principessa perse la vita durante il tentativo di rapimento. Il luogo dove Tuag perse la vita, il fiume Bann, è associato alla sua leggenda e il suo estuario porta ancora il suo nome.


L'infanzia di Tuag

Secondo la leggenda irlandese, Tuag era la figlia di Conall Collamrach, un alto re d'Irlanda. Ci sono diverse opinioni su quando sia vissuto Conall, tra il IV e il II secolo a.C. Si pensa che Conall abbia avuto un regno breve, che si è concluso violentemente con la sua morte per mano del suo successore. Di conseguenza, si sa poco delle sue imprese. Tuttavia, le storie dicono che Conall aveva una figlia neonata, Tuag, che fu data a una famiglia adottiva dopo la sua morte.


Anche da neonata, Tuag era rinomata per la sua bellezza, e la notizia si diffuse in lungo e in largo. Alla fine questa notizia raggiunse la corte di Conaire Mór, un altro alto re d'Irlanda. È interessante notare che si pensa che Conaire sia vissuto circa un secolo o due dopo Conall. Questo significa che Conaire non poteva essere un contemporaneo di Tuag e di suo padre. In ogni caso, la leggenda afferma che Conaire voleva adottare la principessa. Anche se era un alto re, Conaire non aveva il potere di portare semplicemente via Tuag dalla sua famiglia adottiva.


Pertanto, Conaire cercò l'aiuto di Fer Fi, un famoso bardo druidico. Fer Fi stabilì il suo forte sulle rive del fiume Bann e si distinse per la sua padronanza dell'arpa. Il bardo cantava di eroi e leggende ed era in grado di far ridere o piangere il suo pubblico a suo piacimento. Tale era la sua abilità che tutti i capi e i re d'Irlanda cercavano la sua presenza nelle loro corti. Inutile dire che Fer Fi non ebbe alcuna difficoltà ad accedere alla casa della famiglia adottiva di Tuag.

Fer Fi si distingueva per la sua padronanza dell'arpa. Il bardo cantava di eroi e leggende ed era in grado di far ridere o piangere il suo pubblico a suo piacimento.

Vita da principessa

Non appena il bardo posò gli occhi sulla principessa neonata, compose una canzone per lodarla. La canzone di Fer Fi non era una canzone qualsiasi, ma una potente ninna nanna che faceva cadere i suoi ascoltatori in un sonno profondo. Una volta ottenuto questo risultato, il bardo avvolse Tuag in una calda coperta, la sollevò dalla culla e la portò alla corte di Conaire. In altre parole, Fer Fi rapì la principessa per l'alto re.


Conaire fu contento dell'impresa di Fer Fi e ricompensò il bardo con molto oro. L'alto re affidò Tuag alle cure delle sue ancelle e tenne la principessa lontana dai suoi capi e principi. Quando la principessa avesse raggiunto l'età di dieci anni, Fer Fi sarebbe tornato per fornire a Tuag un'istruzione nella musica e nelle leggi e leggende della terra. Questo era l'accordo stipulato tra Conaire e il bardo.


Con il passare degli anni, la giovane principessa crebbe in grazia e bellezza. Alla fine Tuag raggiunse i dieci anni e Fer Fi tornò alla corte di Conaire come promesso. Il bardo riportò la principessa nella sua fortezza. Questa divenne la sua casa per i prossimi anni della sua vita. Una volta all'anno, Fer Fi portava Tuag alla corte di Conaire, dove la principessa mostrava i progressi fatti nell'anno precedente e intratteneva la corte.


Fu subito chiaro che la giovane principessa era stata istruita bene da Fer Fi, e dimostrò di essere un'abile musicista. Inoltre, Tuag era nota per la sua intelligenza. Inoltre, stava diventando una giovane donna estremamente bella. Nonostante tutte le sue qualità positive, nessuno osava chiedere la mano della principessa. Si pensa che ogni aspirante corteggiatore fosse scoraggiato dall'idea di dover superare il padre adottivo della principessa prima di ottenerla. Si crede anche che Tuag fosse destinata a sposare un grande e potente re, forse Conaire stesso.


Il pericolo di attirare l'attenzione di un dio

Le qualità di Tuag erano tali da attirare non solo l'attenzione degli uomini, ma anche quella degli dei, in particolare di Manannan Mac Lir, il potente dio del mare. Secondo la mitologia irlandese, Manannan era un membro delle Tuatha Dé Danann, una razza di esseri soprannaturali. Secondo una versione della leggenda, Fer Fi era un discendente delle Tuatha Dé Danann, ed era grazie a loro che era un bardo così abile. Questo, tuttavia, non era un dono gratuito, e le Tuatha Dé Danann un giorno avrebbero potuto chiedere un favore a Fer Fi.


Infatti, questo alla fine arrivò sotto forma di una richiesta da parte di Manannan. Come si poteva già intuire, il dio del mare voleva la mano della principessa Tuag in matrimonio. Fer Fi si trovò tra l'incudine e il martello, poiché sapeva che qualsiasi cosa facesse, era destinato ad offendere qualcuno di potente.

Scultura di Manannán mac Lir di John Sutton a Gortmore, Magilligan, contea di Londonderry

Inizialmente, cercò di mettere da parte la richiesta di Manannan. Ma le sue erbe e pozioni non erano in grado di calmare le sue ansie, la sua abilità con l'arpa cominciò a deteriorarsi e aveva difficoltà a ricordare le antiche tradizioni. Allo stesso tempo, Manannan cercò di attirare il bardo con promesse di oro, abilità ancora maggiori con l'arpa e conoscenze nascoste.


Alla fine, Fer Fi cedette e decise di portare Tuag al dio del mare. Secondo una versione della storia, Fer Fi si travestì da donna e suonò una ninna nanna con la sua arpa. Questo fece addormentare la principessa, il che gli permise di rapirla (per la seconda volta) e di portarla da Manannan. Come precedentemente concordato con il dio del mare, Fer Fi doveva navigare verso il dominio del dio del mare, che si pensava fosse l'Isola di Man.


La tragica morte della principessa Tuag

Il bardo portò la principessa alla foce del fiume Bann e la depose su un banco di sabbia chiamato Tonn's Bank mentre lui andava a prendere la sua barca. Secondo la leggenda, il dio della tempesta era sepolto sotto questo banco di sabbia. Quando Fer Fi tornò, Tuag non c'era più, perché un'onda enorme aveva travolto il banco di sabbia e portato la principessa addormentata in mare, dove annegò.

La foce del fiume Bann, dove avvenne questa tragedia, divenne nota come Inbher Tuag. Quanto a Fer Fi, egli temeva l'ira di Conaire e cercò di fuggire dall'Irlanda. Salpò, ma fu sorpreso da una tempesta e annegò quando la sua barca si rovesciò.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia