'Massacri precedentemente sconosciuti': Perché Israele è autorizzato a possedere la storia palestinese?

 

'Massacri precedentemente sconosciuti': Perché Israele è autorizzato a possedere la storia palestinese?

Di  Ramzy Baroud

Il rapporto investigativo di Haaretz - 'Classified Docs Reveal Massacres of Palestinians in '48 - and What Israeli Leaders Knew' (Documenti classificati rivelano i massacri dei palestinesi nel '48 - e ciò che i leader israeliani sapevano) - va letto. Dovrebbe essere letto in particolare da ogni persona che si considera un 'sionista' e anche da chi, per qualsiasi motivo, sostiene Israele, in qualsiasi parte del mondo.


"Nel villaggio di Al-Dawayima (...), le truppe dell'ottava brigata hanno massacrato circa 100 persone", ha riportato Haaretz, anche se il numero delle vittime palestinesi è poi salito a 120. Uno dei soldati che fu testimone di quell'orribile evento testimoniò davanti a una commissione governativa nel novembre 1948: "Non c'è stata nessuna battaglia e nessuna resistenza. I primi conquistatori uccisero da 80 a 100 uomini, donne e bambini arabi. I bambini furono uccisi spaccando loro il cranio con dei bastoni. Non c'era una casa senza persone uccise al suo interno".


Il reportage di Haaretz di quasi 5.000 parole era pieno di dettagli così dolorosi, storie di anziani palestinesi che non potevano fuggire dall'invasione sionista e dalla pulizia etnica della Palestina storica (1947-48), che furono allineati contro vari muri e massacrati; di una donna anziana colpita a bruciapelo con quattro proiettili; di altri anziani che furono stipati in una casa e bombardati da un carro armato e da bombe a mano; di molte donne palestinesi violentate, e altre storie devastanti.


Molto spesso, gli storici si riferiscono al modo in cui la Palestina fu ripulita etnicamente dai suoi abitanti nativi facendo questa tipica affermazione riguardo ai rifugiati palestinesi: "...coloro che fuggirono o furono espulsi dalle loro case". Il riferimento alla parola "fuggiti" è stato sfruttato dai sostenitori di Israele, sostenendo che i palestinesi hanno lasciato la Palestina di propria iniziativa.


È stato anche Haaretz che, nel maggio 2013, ha riferito di come il padre fondatore di Israele e primo primo ministro, David Ben Gurion, abbia fabbricato proprio quella storia per proteggere l'immagine di Israele. Il documento numero GL-18/17028, che è stato trovato nell'archivio militare israeliano, ha dimostrato come la storia dei palestinesi in fuga - presumibilmente su ordine dei governi arabi - sia stata inventata dagli stessi israeliani.


Purtroppo, come dimostrano le ultime rivelazioni di Haaretz, i palestinesi che hanno scelto di restare, a causa della loro disabilità, età o malattia non sono stati risparmiati, e sono stati massacrati nel modo più orribile che si possa immaginare.


Ma qualcos'altro mi ha colpito del rapporto: la costante enfasi da parte dei deliranti leader israeliani, poi, che coloro che hanno compiuto i numerosi macabri omicidi non erano che pochi e che difficilmente rappresentano la condotta di un intero esercito. Si noti che l'"esercito" in riferimento qui sono le milizie sioniste, alcune delle quali operavano sotto il titolo di "banda".


Inoltre, è stata data molta enfasi al concetto di 'moralità', per esempio, "le basi morali di Israele" che, secondo quei primi 'sionisti etici', erano messe in pericolo dalla cattiva condotta di pochi soldati.


"A mio parere, tutte le nostre fondamenta morali sono state minate e dobbiamo cercare il modo di frenare questi istinti", ha detto Haim-Mosh Shapira, allora ministro dell'Immigrazione e della Sanità, secondo quanto riportato da Haaretz, durante una riunione del comitato governativo.


Shapira, che all'epoca rappresentava la voce della ragione e dell'etica in Israele, non contestava il diritto di Israele a stabilirsi sulle rovine della Palestina colonizzata - e infine distrutta. Non stava nemmeno mettendo in discussione l'uccisione di decine di migliaia di palestinesi o la pulizia etnica di centinaia di migliaia durante la Nakba. Invece, si riferiva e protestava contro gli eccessi di violenza che seguirono la Nakba, ora che il futuro di Israele e la distruzione della Palestina erano assicurati.


Questo ramo del sionismo "umanistico", quello della moralità selettiva ed egoista, continua ad esistere ancora oggi. Per quanto strano possa sembrare, la stessa linea editoriale di Haaretz è la perfetta manifestazione di questa presunta dicotomia sionista.


Inutile dire che ben pochi israeliani, se non nessuno, sono stati ritenuti responsabili dei crimini del passato. 73 anni dopo, le vittime palestinesi continuano a gridare per una giustizia che continua ad essere rimandata.


Si potrebbe trovare questa conclusione un po' dura. Sionista o no, si può protestare che, almeno, Haaretz ha esposto questi massacri e la colpevolezza della leadership israeliana. Tali supposizioni, tuttavia, sono altamente fuorvianti.


Generazione dopo generazione di palestinesi, insieme a molti storici palestinesi - e persino alcuni israeliani - erano già a conoscenza della maggior parte di questi massacri. Nel suo rapporto, per esempio, Haaretz si riferisce a "massacri precedentemente sconosciuti", che includono Reineh, Meron (Mirun) e Al-Burj. Il presupposto qui è che questi massacri erano "sconosciuti" - leggi non riconosciuti dagli stessi israeliani. Dato che la linea editoriale di Haaretz è guidata dalla narrazione storica errata di Israele, le uccisioni e la distruzione di questi villaggi semplicemente non sono mai avvenute - fino a quando un ricercatore israeliano ha riconosciuto la loro esistenza.


Walid Khalidi, uno dei più autorevoli storici palestinesi, è stato consapevole, insieme a molti altri, di questi massacri per decenni. Nel suo libro seminale, 'All That Remains: The Palestinian Villages Occupied and Depopulated by Israel in 1948"(Tutto ciò che resta: I villaggi palestinesi occupati e spopolati da Israele nel 1948), Khalidi parla di Al-Burj, di cui l'unica rivendicazione di esistenza è ora "una casa diroccata (...) sulla cima della collina".


In riferimento a Meron (Mirun), lo storico palestinese discute ciò che resta del villaggio in modo dettagliato e preciso: "Mentre la sezione araba del villaggio è stata demolita, diverse stanze e muri di pietra sono ancora in piedi. Uno dei muri ha un'apertura rettangolare simile a una porta e un altro ha un'entrata ad arco".


Non è la prima volta che un'ammissione di colpa israeliana, benché sempre condizionata, è stata considerata la convalida stessa della vittimizzazione palestinese. In altre parole, ogni affermazione palestinese di cattiva condotta israeliana, anche se può essere verificata o persino filmata da una telecamera, rimane in discussione fino a quando un giornale, un politico o uno storico israeliano ne riconosce la validità.


La nostra insistenza sulla centralità della narrazione palestinese diventa più urgente che mai, perché marginalizzare la storia palestinese è una forma di negazione di quella storia del tutto - la negazione del passato sanguinoso e del presente altrettanto violento. Da un punto di vista palestinese, il destino di Al-Burj non è diverso da quello di Jenin; Mirun non è diverso da quello di Beit Hanoun e Deir Yassin non è diverso da quello di Rafah - in effetti, tutta Gaza.


Recuperare la storia non è un esercizio intellettuale; è una necessità, sì, con ripercussioni intellettuali ed etiche, ma anche politiche e legali. Certamente, i palestinesi non hanno bisogno di riscrivere la loro storia. È già scritta. È ora che coloro che hanno prestato molta più attenzione alla narrazione israeliana abbandonino tali illusioni e, per una volta, ascoltino le voci palestinesi, perché la verità della vittima è una storia completamente diversa da quella dell'aggressore.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia