Nuova teoria della coscienza negli esseri umani, negli animali e nell'intelligenza artificiale

 

Nuova teoria della coscienza negli esseri umani, negli animali e nell'intelligenza artificiale

Due ricercatori della Ruhr-Universität Bochum (RUB) hanno elaborato una nuova teoria della coscienza. Hanno esplorato a lungo la natura della coscienza, la questione di come e dove il cervello genera la coscienza, e se anche gli animali hanno coscienza. Il nuovo concetto descrive la coscienza come uno stato legato a complesse operazioni cognitive e non come uno stato di base passivo che prevale automaticamente quando siamo svegli.


Il professor Armin Zlomuzica del gruppo di ricerca Behavioral and Clinical Neuroscience alla RUB e il professor Ekrem Dere, già all'Université Paris-Sorbonne, ora alla RUB, descrivono la loro teoria nella rivista Behavioural Brain Research. La versione stampata sarà pubblicata il 15 febbraio 2022, l'articolo online è disponibile da novembre 2021.


"Le ipotesi alla base della nostra teoria della piattaforma della coscienza possono essere testate in studi sperimentali", così gli autori descrivono un vantaggio del loro concetto rispetto ai modelli alternativi. "Così, il processo della coscienza può essere esplorato negli esseri umani e negli animali o anche nel contesto dell'intelligenza artificiale".


La teoria della piattaforma in dettaglio

Le complesse operazioni cognitive che, secondo la teoria della piattaforma, sono associate alla coscienza sono applicate alle rappresentazioni mentali che vengono mantenute ed elaborate. Possono includere percezioni, emozioni, sensazioni, ricordi, immaginazioni e associazioni. Le operazioni cognitive coscienti sono necessarie, per esempio, in situazioni in cui il comportamento appreso o le abitudini non sono più sufficienti per affrontare la situazione. Le persone non hanno necessariamente bisogno di coscienza per guidare una macchina o fare una doccia. Ma quando succede qualcosa di inaspettato, le azioni cognitive coscienti sono necessarie per risolvere la situazione. Sono anche necessarie per prevedere eventi o problemi futuri e per sviluppare strategie di coping adeguate. Soprattutto, le operazioni cognitive coscienti sono alla base del comportamento adattivo e flessibile che permette agli uomini e agli animali di adattarsi alle nuove condizioni ambientali.


Secondo la nuova teoria, le azioni cognitive coscienti hanno luogo sulla base di una cosiddetta piattaforma online, una sorta di esecutivo centrale che controlla le piattaforme subordinate. Le piattaforme subordinate possono agire, per esempio, come supporti di memorizzazione della conoscenza o delle attività.


Giunzioni elettriche tra cellule nervose cruciali

Le operazioni cognitive coscienti sono facilitate dall'interazione di diverse reti neuronali. Armin Zlomuzica e Ekrem Dere considerano le sinapsi elettriche, note anche come gap junctions, cruciali in questo contesto. Queste strutture permettono una trasmissione estremamente veloce dei segnali tra le cellule nervose. Funzionano molto più velocemente delle sinapsi chimiche, dove la comunicazione tra le cellule avviene attraverso lo scambio di neurotrasmettitori e modulatori.


Un possibile esperimento

Gli autori suggeriscono ad esempio il seguente esperimento per testare la loro teoria della piattaforma: un umano, un animale da esperimento o un'intelligenza artificiale si trova di fronte a un nuovo problema che può essere risolto solo combinando due o più regole apprese in un contesto diverso. Questa combinazione creativa di informazioni memorizzate e l'applicazione a un nuovo problema può essere realizzata solo utilizzando operazioni cognitive coscienti.


Somministrando sostanze farmacologiche che bloccano le giunzioni di gap, i ricercatori sarebbero in grado di verificare se le giunzioni di gap giocano davvero un ruolo decisivo nei processi. I bloccanti delle gap junction dovrebbero inibire le prestazioni nell'esperimento. Tuttavia, l'esecuzione di routine delle singole regole, nei contesti in cui sono state apprese, dovrebbe essere ancora possibile.


"Fino a che punto un'intelligenza artificiale capace di risolvere autonomamente un problema nuovo e complesso per il quale non ha un algoritmo di soluzione predefinito possa essere considerata cosciente deve essere testata", sottolineano gli autori. "Diverse condizioni dovrebbero essere soddisfatte: La prima, per esempio, sarebbe soddisfatta se proponesse con successo una strategia per combattere una pandemia vagliando, valutando, selezionando e combinando creativamente le informazioni da internet".


ricerca

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia