Studio trova livelli allarmanti di microplastica nelle feci di persone con malattia infiammatoria intestinale

 

Studio trova livelli allarmanti di microplastica nelle feci di persone con malattia infiammatoria intestinale

I granelli di plastica corrosi dalle intemperie spolverano sempre di più ogni angolo del nostro pianeta, permeando il nostro cibo, la nostra aria e la nostra acqua. Dal momento in cui nasciamo - se non molto prima - siamo esposti ai suoi effetti, e non sappiamo del tutto cosa questo stia facendo alla nostra salute e al nostro benessere.


Una recente indagine di un team di ricercatori di Nanchino, in Cina, ha scoperto segni preoccupanti che elevati livelli di microplastiche potrebbero infiammare i nostri sistemi digestivi.


Le feci raccolte da 52 individui con diagnosi di malattie infiammatorie intestinali (IBD) sono state trovate a contenere circa 1,5 volte il numero di particelle di plastica più piccole di 5 millimetri (circa 0,2 pollici) rispetto a campioni simili da volontari senza alcuna malattia cronica.


La stragrande maggioranza delle particelle di plastica erano più piccole di 300 micrometri, con pochi pezzi rilevabili arrivando sotto un minuscolo 5 micrometri attraverso. I ricercatori hanno notato che quelli con IBD tendevano anche ad avere una maggiore proporzione di piccole scaglie di microplastica.


Inoltre, maggiore è il carico di plastica, più gravi sono i sintomi IBD dell'individuo. 


Un sondaggio ha rivelato nulla di insolito circa le origini della plastica, suggerendo che era il tipo di particelle che tutti noi potremmo ingerire bevendo da bottiglie in PET o mangiare da contenitori monouso.


Essendo uno studio osservazionale, la ricerca non stabilisce causa ed effetto. Nessuno può affermare che la differenza nel carico di microplastiche sia l'unica, o anche solo parzialmente responsabile dei sintomi di diarrea, sanguinamento rettale e crampi addominali associati alla malattia.


È anche possibile avere IBD potrebbe rendere più difficile cancellare l'accumulo di detriti di plastica che si accumula nella nostra dieta.


Ma la semplice possibilità di una connessione è abbastanza preoccupante per garantire ulteriori indagini, soprattutto dato il tasso scioccante a cui i rifiuti di plastica si sta diffondendo praticamente senza sosta.


Sette milioni di persone in tutto il mondo sono state diagnosticate con IBD nel 2017, una condizione caratterizzata da attacchi regolari di disagio e cambiamenti nel movimento intestinale prodotti da un sistema di trigger capillare che reagisce eccessivamente a materiali altrimenti benigni nell'intestino. 


La malattia di solito rientra in una delle due diagnosi principali: Il morbo di Crohn, che è tipicamente caratterizzato da un rivestimento infiammato negli strati più profondi del tratto digestivo, e la colite ulcerosa, che è caratterizzata da ulcere nel rivestimento dell'intestino crasso.


In entrambi i casi, la fonte ultima della risposta immunitaria errata non è ancora pienamente compresa, anche se i sospetti riguardano il modo complesso in cui il nostro intestino negozia relazioni diplomatiche con la nostra microflora, in particolare durante un'infezione.


Se le particelle di plastica potrebbero in qualche modo coinvolgersi con un anello di questa catena non è mai stato completamente chiarito, anche se gli studi sugli animali hanno precedentemente indicato l'infiammazione intestinale come un possibile effetto collaterale dell'esposizione alle microplastiche.


Circostanzialmente, le microplastiche hanno anche dimostrato di suscitare problemi generando specie reattive dell'ossigeno che sono note per avere un ruolo nell'infiammazione.


Con questo in mente, non è affatto sorprendente immaginare un aumento dell'esposizione intestinale alle particelle microplastiche potrebbe giocare un ruolo simile a certi microbi nel sensibilizzare il rivestimento a una reazione immunitaria esagerata.


Saranno necessari ulteriori studi prima di poter affermare con sicurezza che il nostro supplemento dietetico di polvere di plastica ci mette a maggior rischio di qualsiasi problema di salute. Ci sono ancora troppe incognite.


Ma questo non significa che non dovremmo agire. Le prove che la marea crescente di rifiuti di plastica sta influenzando tutto, dal clima alla distribuzione delle specie alla salute della vita marina, sono in aumento.


Il fatto che la nostra salute potrebbe essere solo una conseguenza è solo una ragione in più per liberarci dalla nostra dipendenza da questo inquinante pervasivo.


Questa ricerca è stata pubblicata su Environmental Science & Technology.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia