Rinvenuto fossile di millepiedi delle dimensioni di un'auto

 

Rinvenuto fossile di millepiedi delle dimensioni di un'auto

Se gli insetti striscianti ti mettono a disagio, sii felice di non aver vissuto nel periodo Carbonifero (circa 100 milioni di anni prima dell'arrivo dei dinosauri) in quello che ora è il Northumberland nel Regno Unito.


Gli scienziati hanno fatto una scoperta sorprendente lungo questa parte della costa dell'Inghilterra nord-orientale: un fossile di 326 milioni di anni, che mostra tracce del più grande millepiedi mai scoperto. Si stima che fosse lungo circa 2,7 metri - quindi stiamo parlando della lunghezza di un'auto.


I resti appartengono all'ormai estinto genere Arthropleura dei millepiedi artropodi, ed elevano questa classe di creature ad essere il più grande invertebrato conosciuto di tutti i tempi. La scoperta, fatta originariamente nel 2018, è stata comunque casuale.


"È stata una scoperta del tutto casuale", dice lo scienziato della Terra Neil Davies, dell'Università di Cambridge nel Regno Unito. "Il modo in cui il masso era caduto, si era incrinato e aveva perfettamente esposto il fossile, che uno dei nostri ex studenti di dottorato ha individuato camminando".

"È stata una scoperta incredibilmente emozionante, ma il fossile è così grande che ci sono voluti quattro di noi per portarlo su per la parete rocciosa".


La sezione recuperata del fossile misura 75 centimetri, anche se il millepiedi reale sarebbe stato molto più grande. Il team stima che avrebbe potuto pesare circa 50 chilogrammi.


Oltre ad essere un record, il fossile sta insegnando agli esperti di più sui millepiedi antichi. Nel periodo Carbonifero, il Regno Unito si sarebbe trovato vicino all'equatore, e ciò corrisponde ai precedenti ritrovamenti di Arthropleura. Tuttavia, il tipo di posizione - un habitat di bosco aperto vicino alla costa - è diverso.


Gli unici due precedenti fossili di Arthropleura di questo tipo scoperti fino ad oggi sono stati trovati in Germania ed erano di dimensioni più piccole. Questi risultati precedenti hanno anche suggerito che gli invertebrati tendevano a vivere intorno alle paludi di carbone - aree estese di grandi quantità di biomassa che si accumulava come torba mentre moriva, trasformandosi alla fine in carbone.


È generalmente accettato che gli artropodi (il gruppo che include insetti e millepiedi) oggi non possono diventare fisicamente così grandi, poiché i livelli di ossigeno non sono abbastanza alti da facilitare il loro metodo di respirazione a grandi dimensioni.


Tuttavia, questo fossile risale a prima del picco di ossigeno atmosferico del tardo Carbonifero e del Permiano, quando la concentrazione di ossigeno nell'atmosfera era solo del 23%, non molto più alta del 21% di oggi. Questo indica che un aumento di ossigeno non può essere l'unico fattore che permette agli artropodi di raggiungere dimensioni così incredibili. 


I ricercatori attribuiscono le dimensioni di Arthropleura a una dieta ricca di nutrienti e alla mancanza di predatori.


"Mentre non possiamo sapere con certezza cosa mangiavano, c'erano molte noci e semi nutrienti disponibili nella lettiera delle foglie all'epoca, e potrebbero anche essere stati predatori che si sono nutriti di altri invertebrati e anche di piccoli vertebrati come gli anfibi", dice Davies.


Gli animali Arthropleura hanno vissuto intorno all'equatore per circa 45 milioni di anni, estinguendosi durante il Permiano (299-252 milioni di anni fa). La ragione di quell'estinzione non è chiara - potrebbe essere stata in parte dovuta all'aumento dei rettili che alla fine li hanno surclassati - ma siamo contenti che non stiano ancora strisciando in giro.


Il fossile è stato scoperto nell'arenaria caduta da una scogliera, e sarebbe stato originariamente in un canale del fiume. Rappresenta ciò che è probabile essere una sezione di esoscheletro di Arthropleura, che alla fine è stata riempita di sabbia che l'ha conservata.


Come dimostra la scarsità di fossili di Arthropleura giganti, questo tipo di conservazione è molto raro - e ogni nuova scoperta può insegnarci molto di più su come queste antiche creature vivevano e si evolvevano.


"Trovare questi fossili di millepiedi giganti è raro, perché una volta morti, i loro corpi tendono a disarticolarsi, quindi è probabile che il fossile sia un carapace ammuffito che l'animale ha lasciato mentre cresceva", dice Davies.


"Non abbiamo ancora trovato una testa fossile, quindi è difficile sapere tutto su di loro".


La ricerca è stata pubblicata nel Journal of the Geological Society.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia