Trans condannato alla prigione per aver stuprato un cane

 

Trans condannato alla prigione per aver stuprato un cane


Una "donna" trans pedofila di estrema sinistra è stata condannata a 20 mesi di prigione dopo che sono emerse delle foto che la ritraggono mentre compie atti sessuali con un cane.


Claire Goodier, un maschio biologico precedentemente conosciuto come John, ha avuto i suoi dispositivi sequestrati dalla polizia durante un controllo di routine, secondo 4W.


La polizia ha scoperto prove nauseanti della bestialità, iniziata nel 2019, e ha confiscato i dispositivi per un'analisi completa.


Lo riferisce Thepostmillennial.com: "Dopo due anni, la polizia ha scoperto 31 immagini di Goodier che violenta un cane, avvenuto nel dicembre del 2018".

Goodier avrebbe ammesso l'atto, affermando che ha cercato l'esperienza dopo aver fantasticato di fare sesso con un animale.


È stato lì che la Goodier ha preso parte ad atti sessuali con altri e con l'animale.


Durante l'incidente del dicembre 2018, Goodier aveva anche violato un ordine di sospensione della pena, che era stato imposto nel maggio del 2018 per non aver seguito i termini di un ordine di prevenzione del danno sessuale.


Nel 2006 e nel 2009, Goodier è stato condannato per possesso di immagini indecenti di bambini.


Il giudice Steven Everett ha definito l'atto di Goodier con il cane oltre ad altri adulti "spregevole", "disgustoso" e "depravato".


"Simon Mills, difensore, ha detto che il suo cliente era sempre stato 'franco e onesto' con il servizio di libertà vigilata e, pur accettando che il comportamento era stato depravato e disgustoso, ha invitato il giudice a considerare un'altra sospensione della pena", ha scritto il Daily Mail.


Questo incidente ha avuto luogo circa tre anni fa". Il quadro ora è quello di un reato sporadico", ha detto Mills. "Questo non è un caso in cui il reato sta diventando sempre più grave. Lei farà tutto ciò che le viene chiesto dalla corte e ci sono segni di miglioramento nel suo atteggiamento e approccio".


Il giudice Everett ha detto alla Goodier che era d'accordo con il servizio di libertà vigilata che la valutava come un basso rischio di recidiva quando l'ha mandata in prigione.


"Lei è molto, molto lontana dal cambiare la sua vita. Lei ha partecipato in modo ingannevole ad un incidente alimentato da cocaina con altre persone", ha detto Everett. "Da quando il terribile reato ha avuto luogo hai conservato le immagini spudoratamente per la tua gratificazione sessuale".


"Nel mezzo di tutto questo, non hai rispettato i termini di un ordine, che alcuni potrebbero dire è una violazione minore, ma non è la prima volta", ha continuato. "Il suo curriculum è spaventoso e si potrebbe dire che è stato sorprendentemente fortunato a non andare in prigione in precedenza. Un messaggio deve andare fuori che se si commette un comportamento così disgustoso allora si deve andare in prigione".


fonte


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia