Alcune formiche hanno il potere di guarire le ferite degli alberi

 

Alcune formiche hanno il potere di guarire le ferite degli alberi

Un colpo di fionda accidentale su un albero di Cecropia a Panama ha portato a una scoperta sorprendente: le formiche Azteca alfari che vivono all'interno di questi alberi sono spesso pronte a riparare i danni alle loro case viventi.


Quando il liceale Alex Wcislo ha sparato la palla d'argilla da 9 mm (0,35 pollici) attraverso l'albero, lasciando "ferite" nette di entrata e di uscita, non si aspettava che i fori fossero quasi completamente riparati prima delle 24 ore.


Questo ha portato a ulteriori esperimenti di Wcislo e cinque dei suoi amici studenti, praticando fori in altri alberi per vedere come sarebbero stati riparati.


Di sicuro, le riparazioni delle formiche avvenivano di volta in volta. Gli esperimenti sono stati poi scritti e pubblicati come parte del programma di volontariato allo Smithsonian Tropical Research Institute (STRI) di Panama.


"Sono stato totalmente sorpreso dai risultati", dice l'etologo William Wcislo, dello STRI. "E sono rimasto impressionato da come [gli studenti] hanno sviluppato un modo semplice per testare l'idea che le formiche riparano i danni alla loro casa".


La relazione simbiotica o reciprocamente benefica tra le formiche Azteca e gli alberi che le ospitano è già stata ben stabilita: le formiche faranno del loro meglio per difendere gli alberi dagli erbivori, ricevendo in cambio secrezioni oleose nutrienti dalle foglie da mangiare e riparandosi all'interno di steli cavi.


Ciò che è nuovo qui è l'osservazione che gli insetti riparano anche i danni ai loro amici alberi se questo rifugio è minacciato. In base alla nuova ricerca, questo sembra accadere più frequentemente quando la covata (uova, larve e pupe) di una colonia è a rischio.


Le riparazioni sono fatte usando materiale trovato all'interno del fusto stesso della pianta, ma non succede in tutti i casi - infatti i lavori di riparazione sono stati eseguiti solo su 14 dei 22 fori praticati. Capire perché questo accade potrebbe essere oggetto di ulteriori ricerche.


"Il ragionamento dietro il comportamento di riparazione del buco potrebbe essere perché un buco nella parete espone le fasi immature vulnerabili delle formiche a patogeni esterni, predatori o cambiamenti di altri parametri ambientali", scrivono i ricercatori nel loro documento pubblicato.

Dopo aver scavato negli alberi di Cecropia, le formiche Azteca chiuderanno alcuni dei punti di ingresso, aggiungendo credito all'idea che le loro riparazioni del tronco hanno più a che fare con il loro benessere piuttosto che con qualsiasi beneficio per l'albero stesso.


Questo è confermato dalle osservazioni fatte durante gli esperimenti: le formiche evacuano la loro covata prima di iniziare il lavoro di riparazione. È possibile che quando le riparazioni non vengono effettuate, è perché i membri vulnerabili della colonia non sono direttamente minacciati.


Il team, tuttavia, non può escludere del tutto la possibilità che l'albero stia ricevendo qualche beneficio da questo comportamento della formica, come le secrezioni antimicrobiche intorno alla sua ferita.


E mentre i pallini delle fionde non sono di solito un problema per gli alberi di Cecropia, i buchi lasciati dalle unghie dei bradipi e dei formichieri spesso lo sono, il che potrebbe essere il motivo per cui le formiche che ospitano si sono evolute per comportarsi in questo modo.


"A volte pasticciare con una fionda ha un buon risultato", dice Alex Wcislo, che studia alla Scuola Internazionale di Panama.


"Questo progetto ci ha permesso di sperimentare in prima persona tutte le complessità di uno studio scientifico. Tutto sommato, è stata una grande esperienza di apprendimento, soprattutto considerando le difficoltà associate alla realizzazione di questo a causa di COVID-19".


La ricerca è stata pubblicata nel Journal of Hymenoptera Research.

sciencealert

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia