Cosa sta succedendo alla CBC? Si dimette dalla Canadian Broadcasting Corporation e racconta tutto

 

Cosa sta succedendo alla CBC? Si dimette dalla Canadian Broadcasting Corporation e racconta tutto

Onestamente non avevo mai sentito parlare di Tara Henley prima - apparentemente è stata una produttrice e reporter della CBC per nove anni. Poi di nuovo, la CBC ha 7.500 dipendenti. Non ci si può aspettare che li conosca tutti.


Ecco la sua pagina ufficiale della CBC, che sono leggermente sorpreso che non abbiano ancora cancellato. Quindi lei fa sul serio. E si legge come ci si aspetta che si legga.


È assolutamente una rappresentante della CBC. Allora perché una persona del genere - che si guadagna davvero da vivere gestendo un blog femminista a spese dei contribuenti - dovrebbe mollare in un impeto di rabbia? Perché è esattamente quello che ha fatto ieri.


Ecco la sua storia su Substack, Di Tara Henley:


Da mesi ormai ricevo lamentele sulla Canadian Broadcasting Corporation, dove ho lavorato come produttore televisivo e radiofonico, e occasionalmente come opinionista in onda, per gran parte degli ultimi dieci anni.


La gente vuole sapere perché, per esempio, filippini non-binari preoccupati per la mancanza di termini LGBT in tagalog è una priorità editoriale per la CBC, quando questioni locali di ampio interesse non vengono riportate. O perché la copertura del nostro programma radiofonico sulla cultura pop dello speciale Netflix di Dave Chappelle non ha incluso nessuna delle legioni di fan, o fumetti, che non l'hanno trovato offensivo. O perché, esattamente, i contribuenti dovrebbero finanziare articoli che rimproverano i canadesi per aver usato parole come "brainstorm" e "lame".


Tutti si chiedono la stessa cosa: cosa sta succedendo alla CBC?


Quando ho iniziato a lavorare all'emittente pubblica nazionale nel 2013, la rete ha prodotto alcuni dei migliori giornalismi del paese. Al momento delle mie dimissioni, il mese scorso, incarnava alcune delle peggiori tendenze dei media tradizionali. In un breve periodo di tempo, la CBC è passata dall'essere una fonte affidabile di notizie a sfornare clickbait che sembrano una parodia della stampa studentesca.


Quelli di noi all'interno sanno quanto rapidamente - e quanto drammaticamente - la politica dell'emittente pubblica sia cambiata.


Una volta ero quello più a sinistra in ogni redazione, causando occasionalmente tensioni nelle riunioni sulle storie con le mie opinioni su questioni come la crisi degli alloggi. Ora sono facilmente il più conservatore, e spesso scateno la tensione mettendo in discussione la politica dell'identità. Questo è successo nell'arco di circa 18 mesi. La mia politica non è cambiata.


Lavorare alla CBC nel clima attuale significa abbracciare la dissonanza cognitiva e abbandonare l'integrità giornalistica.


È sottoscrivere, con entusiasmo, un'agenda politica radicale che ha avuto origine nei campus della Ivy League negli Stati Uniti e si è diffusa attraverso le piattaforme dei social media americani che monetizzano l'indignazione e alimentano le divisioni sociali. È fingere che la visione del mondo "woke" sia quasi universale - anche se è tutt'altro che popolare tra coloro che conosci, con cui parli, che intervisti e che leggi.


Lavorare alla CBC ora significa accettare l'idea che la razza sia la cosa più significativa di una persona, e che alcune razze siano più rilevanti di altre nella conversazione pubblica. È, nella mia redazione, riempire moduli di profilo razziale per ogni ospite che si prenota; prenotare attivamente più persone di alcune razze e meno di altre.


Lavorare alla CBC significa sottoporsi a colloqui di lavoro che non riguardano le qualifiche o l'esperienza, ma richiedono invece la ripetizione di ortodossie, la dimostrazione di fedeltà al dogma.


È diventare meno ostile al governo e alle corporazioni e più ostile alla gente comune con idee che non piacciono a Twitter.


È documentare all'infinito le microaggressioni ma prestare poca attenzione agli sfratti; mettere in luce le banalità politiche delle aziende ma avere poco interesse per i salari o le condizioni di lavoro. È permettere che cambiamenti sociali radicali come le chiusure, i mandati per i vaccini e le chiusure delle scuole si diffondano - con poco dibattito. Vedere i miliardari accumulare ricchezze straordinarie e i burocrati accumulare un potere enorme - con poco controllo. E vedere i più vulnerabili tra noi morire di overdose di droga - con pochi commenti.


È acconsentire all'idea che una lista crescente di argomenti sia fuori discussione, che il dialogo stesso possa essere dannoso. Che le grandi questioni del nostro tempo sono tutte già risolte.


È capitolare alla certezza, chiudere il pensiero critico, eliminare la curiosità. Tenere la bocca chiusa, non fare domande, non agitare la barca.


Questo, mentre il mondo brucia.


Come si può fare del buon giornalismo in queste condizioni? Come potrebbe tutto questo essere salutare per la società?


Tutto questo solleva domande più grandi sulla direzione che il Nord America sta prendendo. Domande su questo nuovo momento che stiamo vivendo - e il suo impatto sul corpo politico. Sulle divisioni di classe e sulla disuguaglianza economica. Sull'educazione. Sulla salute mentale. Sulla letteratura e sulla commedia. Sulla scienza. Sul liberalismo e la democrazia.


Queste domande mi tengono sveglio la notte.


Non posso più respingerle. Non voglio più trattenerle. Questo Substack è un tentativo di trovare delle risposte.


Sono stato un giornalista per 20 anni, coprendo tutto, dall'hip-hop alle notizie, dal cibo all'attualità. Il filo conduttore sono sempre stati i libri, con i quali mi sono impegnato in ogni fase della mia carriera e in ogni punto vendita per cui ho lavorato. Nel 2020 ho pubblicato il mio libro, Lean Out: A Meditation on the Madness of Modern Life, che è stato un bestseller immediato in Canada.


I libri mi hanno sempre aperto nuovi mondi, mi hanno introdotto a nuove prospettive e mi hanno aiutato a dare un senso all'umanità. Ho bisogno di libri ora più che mai.


Durante l'isolamento, quando non mi occupavo di COVID-19, ho passato molto tempo a intervistare autori per un nuovo libro a cui sto lavorando. La loro audacia, il loro intuito e il loro umorismo mi hanno salvato dalla disperazione. Questi scrittori mi hanno dato idee su come andare avanti e come mantenere la speranza. Soprattutto, mi hanno dato il coraggio di alzarmi - e di parlare. 


Qui a Substack, continuerò il lavoro di riflessione sul momento attuale, concentrandomi sulla scrittura saggistica di tutto il mondo. Pubblicherò un saggio su un argomento relativo ai libri ogni lunedì, e una conversazione in podcast con un autore eterodosso ogni mercoledì. Questo sarà gratuito per tutti. Un terzo post il venerdì raccoglierà i nuovi libri e saggi più contrari, controversi o trascurati, e sarà disponibile per gli abbonati a pagamento.


Questo lavoro è completamente indipendente e completamente libero dal controllo editoriale, permettendomi di dire le cose che non vengono dette, e fare le domande che non vengono fatte. Lean Out è sostenuto esclusivamente dagli abbonati. Se hai a cuore il mondo delle idee e apprezzi l'indagine aperta, come faccio io, per favore considera un abbonamento pagato.


E rimanete sintonizzati per il primo episodio del podcast di Lean Out questo mercoledì, con la mia conversazione con Batya Ungar-Sargon di Newsweek, autore di Bad News: How Woke Media is Undermining Democracy.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia