Danni da vaccino, se ne parla apertamente in Danimarca , ricoveri Omicron si verificano principalmente in "completamente vaccinati"

 

Danni da vaccino, se ne parla apertamente in Danimarca , ricoveri Omicron si verificano principalmente in "completamente vaccinati"

Maschere obbligatorie, quarantene e vaccini covid-19 stanno diventando un paria in Danimarca, poiché i "completamente vaccinati" costituiscono oltre il 90% dell'attuale casistica "omicron" di covid-19. Il tasso di ospedalizzazione "Omicron" in Danimarca sta cominciando a superare il tasso di ospedalizzazione "Delta", poiché il danno da vaccino diventa onnipresente nella popolazione. Poiché i "completamente vaccinati" costituiscono la stragrande maggioranza di questi nuovi casi "omicron", c'è una crescente preoccupazione che essi stiano sperimentando un potenziamento dipendente dagli anticorpi e un impoverimento immunitario, mentre diffondono rapidamente nuove varianti.


I "completamente vaccinati" e i "potenziati" costituiscono la stragrande maggioranza dei casi di covidi ora

Il governo della Danimarca è diventato uno stato di polizia medica, implementando le restrizioni sui "non vaccinati" per costringere il maggior numero di persone possibile a prendere parte ad un esperimento medico in corso. Di conseguenza, quasi ogni cittadino sopra i 50 anni è ora segnato come "completamente vaccinato". Anche i giovani sono stati costretti a cedere il loro corpo a questo esperimento genetico. Nonostante siano a rischio trascurabile per una potenziale infezione da covidi, il tasso di vaccinazione per i giovani dai 15 ai 60 anni è di circa l'80%. Questo livello di assorbimento del vaccino è senza precedenti, storico nelle sue proporzioni. Tuttavia, il tasso di vaccinazione della popolazione non è sinonimo di vera immunizzazione. Se il programma sperimentale del vaccino funzionasse, allora l'immunità di gregge sarebbe ormai pienamente realizzata, con il tasso di malattie infettive che crolla rapidamente. Tuttavia, sta accadendo l'opposto, poiché nuove ondate di covidi continuano ad affliggere i "completamente vaccinati". Infatti, oltre il 90% dei casi di omicron sono nella coorte dei vaccinati!


Su tutta la popolazione danese, solo il 17% non è stato toccato da questo esperimento genetico, soprattutto perché il governo non ha ancora costretto i genitori a consegnare i loro figli piccoli al programma di vaccinazione. Sorprendentemente, i "non vaccinati" costituiscono solo l'8,5% dei nuovi casi di covidi "omicron". Anche se i completamente vaccinati stanno diffondendo questa variante in tutta la Danimarca e nel resto del mondo, i non vaccinati sembrano essere la classe protetta. Secondo le statistiche ufficiali di infezione nel "Rapporto sulla variante omikron" dello State Serum Institute del 18 dicembre, i vaccini stanno influenzando negativamente i tassi di infezione, e i non vaccinati sono ora la classe più protetta di persone. Non vaccinandosi, la gente è protetta al 50% dall'ultimo ceppo di covid. L'immunità naturale sta ovviamente funzionando, mentre i vaccini stanno interferendo con le risposte immunitarie, danneggiando l'immunità di gregge e causando nuovi problemi di salute pubblica.


Il settantanove per cento di questi casi di omicron (13.946) si stanno verificando nei "pienamente vaccinati". Anche coloro che hanno fatto un richiamo stanno soccombendo in numero maggiore rispetto ai "non vaccinati". I pazienti che hanno fatto un richiamo costituiscono il 10,8% (1.851) dei nuovi casi, mentre il gruppo dei vaccinati singoli rappresenta l'1,8% (304) dei casi e il gruppo dei "non vaccinati" l'8,5% (1.454) dei nuovi casi.


Delta e omicron stanno affliggendo i "completamente vaccinati" della Danimarca mentre l'esaurimento immunitario dai vaccini diventa ovvio

"Omicron" non è l'unico ceppo che viene sequenziato nei completamente vaccinati. Tra la popolazione fortemente vaccinata della Danimarca, ci sono stati altri 4.000 casi di delta riportati ogni giorno dal 22 novembre. Questo numero è salito a ben oltre 6.000 casi al giorno in dicembre. Durante la settimana del 10-17 dicembre 2021, il tasso di ospedalizzazione Delta per la Danimarca è stato in media dell'1,55%, e il tasso di ospedalizzazione Omicron è stato in media del 3,71%.


I vaccini covidi non sono affatto utili, ma ancora peggio, sembrano rendere le infezioni da covidi più pervasive nella popolazione, sia essa delta o omicron. Se i "completamente vaccinati" continuano a contrarre questi nuovi ceppi e a diffonderli tra la popolazione, allora il programma di vaccinazione ha dimostrato di indebolire il sistema immunitario, trasformando le persone in super diffusori di covidi - una realtà che tutti temevano un anno e mezzo fa.


Il programma vaccinale non offre nemmeno risultati neutri, come un placebo salino. Più persone nella coorte "completamente vaccinata" si stanno ammalando di queste nuove infezioni da covidi, dimostrando che il vaccino causa una qualche forma di esaurimento immunitario o di potenziamento anticorpale dipendente (ADE). Le ultime varianti hanno già trovato un modo per eludere la risposta immunitaria innata, un problema di cui gli scienziati hanno avvertito per oltre un anno. Gli anticorpi generati dal vaccino non sono neutralizzanti e permettono agli ultimi ceppi di aggirare le prime linee di difesa nelle mucose, causando una maggiore carica virale e sfide immunitarie più gravi nel tempo. Questa negligenza medica deve essere fermata.

Riferimenti e fonti

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia