Ex capo della ITV: La mafia dei vaccini si sta preoccupando?

Ex capo della ITV: La mafia dei vaccini si sta preoccupando?


Di Mark Sharman - conservativewoman


Il titolo, in grassetto su due pagine intere, urla: "6 milioni di persone seguono le bugie degli antivaccinisti". Nelle stesse pagine "smaschera" un gruppo in stile militare anti-vaxx che "pianifica il caos" e dà al segretario alla sanità Sajid Javid una colonna per richiamare "pericolose sciocchezze" degli anti-vaxxer estremi.


È un post scriptum significativo per una settimana in cui Boris Johnson sembrava avere l'ago bloccato (nessun gioco di parole) sulla parola 'booster' e il neo-cavaliere Chris Whitty ha di nuovo oltrepassato il segno da consigliere non eletto a influencer pubblico.


Le voci dei vaccini stanno diventando più forti e più stridenti: la 'disinformazione' è diventata 'bugie' e la persuasione si sta avvicinando pericolosamente all'intimidazione. Stanno alzando il calore su coloro che esercitano il loro diritto legale, morale e medico di non essere sottoposti a iniezione.


Perché un'offensiva così vigorosa? Potrebbe essere che le crepe si stiano mostrando, che le code per un terzo vaccino stiano diminuendo, che milioni di persone si stiano chiedendo perché sono malati nonostante siano stati vaccinati o che il numero di Covid in terapia intensiva sia significativamente inferiore all'anno scorso? O è che Omicron si sta rivelando, per la maggior parte delle persone, non molto peggiore di un raffreddore, il virus si comporta proprio come i virologi avevano detto? Ci stiamo avvicinando all'immunità di gregge che il professor Whitty desiderava quando è arrivato il Covid, cioè non sono più necessari costosi vaccini?


In questa stessa settimana GB News ha concesso l'ora d'aria a esperti scettici e competenti che sono stati cancellati da Twitter ed etichettati come "teorici della cospirazione" e "divulgatori di false informazioni" sulle loro pagine di Wikipedia, mentre un medico non vaccinato ha sfidato la scienza con Sajid Javid su Sky News. Il consulente, Steve James, è stato naturalmente chiamato 'illuso' in un fuoco di fila su Twitter e messo giù da Javid nella sua colonna del Mail on Sunday, ma è un eroe per i circa 120.000 altri professionisti del NHS che affrontano il licenziamento per essere rimasti senza vaccino.


E queste bugie anti-vaxx? È nella disperazione che scienziati di fama mondiale come il dottor Robert Malone, il padre della ricerca sull'mRNA; il dottor Peter McCullough, un cardiologo che ha 1.000 pubblicazioni e 600 citazioni nella US National Library of Medicine, e il dottor Mike Yeadon, un ex scienziato di punta della Pfizer, vengono diffamati e cancellati. Che abbiano ragione o torto, una tale esperienza e competenza richiede un ascolto. Queste persone - e molte altre come loro - hanno seri dubbi basati sulle loro conoscenze specifiche. E le opinioni non diventano bugie solo perché mettono in discussione la narrazione. I sei milioni citati del Mail on Sunday probabilmente seguono nomi come questi per avere una visione equilibrata perché, in generale, non la ottengono dai media tradizionali.


Il che ci porta a Sir Chris Whitty. Studioso, di strette vedute e con la faccia tosta, è stato il super-diffusore di malinconia con i suoi grafici e le sue tabelle. Ora sta aggiungendo il giudizio.


Prima è arrivato il suo messaggio di dicembre, esortando le persone a "dare priorità alle interazioni sociali che contano davvero per loro". Milioni di persone hanno seguito il suo consiglio, devastando migliaia di imprese e rovinando il Natale di molte famiglie. E le sue parole erano in contrasto con quelle di Boris Johnson, per quanto abbiano cercato di appianare la situazione.


Ma se questo era un dito nell'acqua politica, si è tuffato a destra in all'ultimo briefing di Westminster, pronunciando che "disinformazione" su Internet, "un sacco di esso deliberatamente messo", sui potenziali effetti collaterali di vaccini stava alimentando i timori sulla sicurezza dei vaccini.


Alimentare le paure? Questo è ricco, perché questo è precisamente ciò che il governo ha fatto dal primo giorno, con i suoi specialisti del comportamento che spaventano e intimidiscono la popolazione, "spingendoci" a conformarci a Covid, e i media che agiscono come cheerleader nel diffondere questa paura. I messaggi sono stati 'deliberatamente piazzati' all'infinito dal governo in TV, radio, giornali e online, spaventandoci, persuadendoci, facendo appello allo spirito comunitario e giocando sul senso di colpa. 'Non perdete l'occasione' o peggio, 'Non lasciate che vostro figlio perda l'occasione'. E tutto con i soldi dei contribuenti.


È sorprendente che il professor Whitty, in quanto uomo di scienza, liquidi l'informazione su internet come "disinformazione". Include i suddetti esperti? Che dire delle indagini scientifiche in buona fede in corso in tutto il mondo sul Covid stesso, i benefici o meno delle misure restrittive tra cui le chiusure e le maschere, l'efficacia del vaccino e, soprattutto, i suoi effetti collaterali (nota: gli studi clinici di Pfizer non finiranno fino al 2023, e per i bambini 2025). I primi risultati della Pfizer sono inquietanti, come devono sapere il professor Whitty e i suoi colleghi Sage. Tutto questo sarà davvero etichettato come disinformazione?


Spiacente, professore, la scienza consiste nel mettere in discussione, rivedere, rielaborare, ripensare. Non si tratta di mettere a tacere coloro che sfidano, altrimenti crederemmo ancora che il mondo sia piatto. Meritiamo di sentire tutti i lati della storia, in particolare quando è in gioco la nostra salute e quella dei nostri figli. E soprattutto se c'è anche il più piccolo brandello di dubbio sulla sicurezza dei vaccini.


Ma allora, forse siete stati 'spinti' voi stessi. È stato inquietante sentire il ministro per il digitale, cultura, media e sport Nadine Dorries dicendo ai Comuni che il governo ha un'unità di disinformazione e disinformazione, lavorando quotidianamente con i fornitori online per rimuovere disinformazione 'dannoso', in particolare su Covid. Molto orwelliano.


La BBC e Sky News hanno unità simili, ma la loro produzione finora indica un presunto debunking di tutto ciò che sfida la linea ufficiale.


Non commettete errori, la libertà di parola e il dibattito aperto sono sotto un serio attacco, un movimento a tenaglia con la censura arbitraria da parte delle piattaforme Big Tech come YouTube, Facebook e Twitter da un lato e, mi vergogno a dirlo, la maggior parte dei media mainstream dall'altro.


Accettiamo che in tempi di crisi i poteri del governo aumentino necessariamente e spesso rimangano per molto tempo dopo che la crisi è finita, ma siamo su un pericoloso percorso di autoritarismo, di intervento statale palese in troppi aspetti della vita quotidiana in un momento in cui sembra esserci la luce alla fine del tunnel. C'è da meravigliarsi che le teorie al di là della salute pubblica stiano guadagnando terreno?


Se la Gran Bretagna è stata la culla della democrazia, ora siamo sulla strada per la sua tomba. E titoli come le "bugie" del Mail on Sunday sono segnali lungo la strada.




Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia