Gli scienziati hanno costruito l'antenna più piccola del mondo, ed è fatta di DNA

 

Gli scienziati hanno costruito l'antenna più piccola del mondo, ed è fatta di DNA

- nota cospiratori.it

Piano piano tutto ciò che trovate nella sezione cospirazioni di questo sito si rivela essere vero, purtroppo questo non è un bene. p.s.:progetto starlink e 5g sono a buon punto.

-fine nota. 


Gli scienziati hanno costruito l'antenna più piccola mai realizzata - solo cinque nanometri di lunghezza. A differenza delle sue controparti molto più grandi che tutti conosciamo, questa cosa minuscola non è fatta per trasmettere onde radio, ma per carpire i segreti delle proteine in continua evoluzione.


La nanoantenna è fatta di DNA, le molecole che portano le istruzioni genetiche che sono circa 20.000 volte più piccole di un capello umano. È anche fluorescente, il che significa che usa segnali luminosi per registrare e riportare informazioni.


E questi segnali luminosi possono essere utilizzati per studiare il movimento e il cambiamento delle proteine in tempo reale.


Parte dell'innovazione di questa particolare antenna è il modo in cui la parte ricevente è usata anche per percepire la superficie molecolare della proteina che sta studiando. Questo si traduce in un segnale distinto quando la proteina sta svolgendo la sua funzione biologica.


"Come una radio a due vie che può sia ricevere che trasmettere onde radio, la nanoantenna fluorescente riceve la luce in un colore, o lunghezza d'onda, e a seconda del movimento della proteina che percepisce, poi ritrasmette la luce in un altro colore, che possiamo rilevare", dice il chimico Alexis Vallée-Bélisle, dell'Université de Montréal (UdeM) in Canada.


In particolare, il lavoro dell'antenna è quello di misurare i cambiamenti strutturali delle proteine nel tempo. Le proteine sono molecole grandi e complesse che svolgono tutti i tipi di compiti essenziali nel corpo, dal supporto del sistema immunitario alla regolazione della funzione degli organi.


Tuttavia, mentre le proteine si affrettano a fare il loro lavoro, subiscono costanti cambiamenti nella struttura, passando da uno stato all'altro in un processo altamente complesso che gli scienziati chiamano dinamica proteica. E non abbiamo strumenti validi per tracciare queste dinamiche proteiche in azione.


"Lo studio sperimentale degli stati transitori delle proteine rimane una grande sfida perché le tecniche ad alta risoluzione strutturale, tra cui la risonanza magnetica nucleare e la cristallografia a raggi X, spesso non possono essere applicate direttamente per studiare gli stati proteici di breve durata", spiega il team nel loro documento.


L'ultima tecnologia di sintesi del DNA - circa 40 anni di sviluppo - è in grado di produrre nanostrutture su misura di diverse lunghezze e flessibilità, ottimizzate per soddisfare le funzioni richieste.


Un vantaggio che questa antenna a DNA super-piccola ha rispetto ad altre tecniche di analisi è che è in grado di catturare stati proteici di vita molto breve. Questo, dicono i ricercatori, significa che ci sono molte applicazioni potenziali qui, sia in biochimica che nella nanotecnologia più in generale.


"Per esempio, siamo stati in grado di rilevare, in tempo reale e per la prima volta, la funzione dell'enzima fosfatasi alcalina con una varietà di molecole biologiche e farmaci", dice il chimico Scott Harroun, della UdeM. "Questo enzima è stato implicato in molte malattie, compresi vari tumori e infiammazioni intestinali".


Esplorando "l'universalità" del loro design, il team ha testato con successo la loro antenna con tre diverse proteine modello - streptavidina, fosfatasi alcalina e proteina G - ma c'è potenzialmente molto di più, e uno dei vantaggi della nuova antenna è la sua versatilità.


"Le nanoantenne possono essere utilizzate per monitorare meccanismi biomolecolari distinti in tempo reale, compresi i piccoli e grandi cambiamenti conformazionali - in linea di principio, qualsiasi evento che può influenzare l'emissione di fluorescenza del colorante", scrive il team nel loro documento.


Il DNA sta diventando sempre più popolare come blocco di costruzione che possiamo sintetizzare e manipolare per creare nanostrutture come l'antenna in questo studio. La chimica del DNA è relativamente semplice da programmare, e facile da usare una volta programmata.


I ricercatori stanno ora cercando di creare una startup commerciale in modo che la tecnologia nanoantenna possa essere praticamente confezionata e utilizzata da altri, sia che si tratti di organizzazioni farmaceutiche o di altri team di ricerca.


"Forse ciò che ci entusiasma di più è la realizzazione che molti laboratori in tutto il mondo, dotati di uno spettrofluorimetro convenzionale, potrebbero facilmente impiegare queste nanoantenne per studiare la loro proteina preferita, ad esempio per identificare nuovi farmaci o per sviluppare nuove nanotecnologie", dice Vallée-Bélisle.


La ricerca è stata pubblicata su Nature Methods.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia