E se gli umani avessero tenuto la coda?

 

E se gli umani avessero tenuto la coda?

- Quanto riportato non è necessariamente condiviso dagli amministratori di questo sito www.cospiratori.it -

Dai una rapida occhiata alle tue spalle e noterai che, a differenza della maggior parte dei primati, sei senza coda. 


È anche una cosa tremendamente buona. Dovremmo davvero essere grati per il cambiamento.


Ma cosa succederebbe se tutto andasse molto diversamente? A parte la necessità di un buco nel retro dei tuoi jeans, ecco come potrebbe essere il mondo se i nostri antenati avessero tenuto la coda.


Aspetta, ma alcune persone non hanno davvero la coda? 

Tecnicamente parlando, tutti noi ne abbiamo avuta una - brevemente - molto prima della nostra nascita.


Le code corte sono una caratteristica dello sviluppo umano, che emerge temporaneamente intorno alla sesta settimana di gestazione. Questa piccola estensione della colonna vertebrale contiene addirittura fino a una dozzina di vertebre. Entro una quindicina di giorni la metà di esse viene riassorbita, mentre l'altra metà si fonde nell'osso chiamato coccige o coccige.


Poiché la natura ama un po' di varietà, alcune persone - soprattutto maschi, per qualche motivo - nascono con la punta di questa "coda" embrionale ancora al suo posto. L'appendice è completa di vasi sanguigni sufficienti a mantenerla in salute, e persino di muscoli che in alcuni casi possono farla muovere. Quello che non vi troverete sono le vertebre originali.


In contrasto con le sporgenze causate da varie lesioni o tumori, queste "vere code" vestigiali sono così rare nelle nascite umane che sarebbe difficile trovarne più di alcune decine nella letteratura medica.


Eppure, si verificano. La maggior parte sono facilmente rimosse chirurgicamente subito dopo il parto, essendo troppo piccole per servire a molto e potenzialmente attirare l'attenzione indesiderata.


Se tutti avessimo una lunga coda, però, sarebbe una storia abbastanza diversa. 


Aspetta, perché non abbiamo la coda?

Entro 10 milioni di anni da quando una cometa fece cadere i dinosauri nell'oblio, circa 66 milioni di anni fa, fecero la loro comparsa piccoli mammiferi con la fisiologia del primate. 


Molto simile alle scimmie del nuovo e vecchio mondo di oggi, ai lemuri, ai tarsi e ai bush-babies, questi animali avevano una coda estesa, probabilmente per aiutarli a mantenere l'equilibrio mentre camminavano tra le cime degli alberi. 


Con il tempo alcune di queste code si sono evolute per agire come una sorta di pollice extra, guadagnando un livello di destrezza che la maggior parte di noi vorrebbe avere. In effetti, era così pratico che si è verificato in due gruppi di primati in occasioni separate.


Sfortunatamente per noi, circa 20 milioni di anni fa, apparve un gruppo di primati senza coda. I loro discendenti includono gorilla, scimpanzé, bonobo e oranghi. Per non parlare di noi umani, naturalmente. 


Uno studio recente ha individuato la causa di questa perdita: un pezzo di codice genetico itinerante chiamato sequenza Alu è saltato di botto in un gene fondamentale per la costruzione delle code, interferendo con la sua capacità di fare il suo lavoro.


È stato scoperto dallo studente laureato della New York University Bo Xia, un ricercatore in biologia delle cellule staminali. Xia ha confrontato i genomi di sei specie di scimmie con quelli di nove specie di scimmie con la coda, alla ricerca di mutazioni che potrebbero spiegare perché le scimmie non avevano la coda.


Qui si è imbattuto in un gene chiamato fattore di trascrizione T-box T (TBXT). Quasi un secolo fa, gli esperimenti iniziati da una genetista russa di nome Nadezhda Dobrovolskaya-Zavadskaya hanno dimostrato che le mutazioni in questo gene producevano topi con code accorciate.


Uno sguardo più attento all'elemento Alu all'interno del gene TBXT rendeva improbabile che fosse così dirompente. Ma Xia ha notato che c'erano in realtà due dei geni saltatori presenti nelle immediate vicinanze. 


Insieme, potevano incasinare l'espressione del gene per bene, spiegando perché le scimmie come noi non hanno nulla che penzoli dal sedere. Col tempo, i cambiamenti in altri geni hanno contribuito a cementare il cambiamento, creando un posteriore chiaro e un coccige piatto perfetto per sedersi, accovacciarsi e camminare su due gambe.


Anche se questo potrebbe spiegare la dinamica, non ci dice perché una rovina casuale del gene TBXT in un antenato delle scimmie si sia diffusa così ampiamente in una serie di specie di ominidi tutti quegli anni fa.


Ok, allora ditemi: e se i nostri antenati avessero tenuto la coda?

Possiamo solo speculare sul perché uno dei nostri antenati se la sia cavata così bene quando la sua coda si è rifiutata di crescere. 


L'intero evento è ancora più sorprendente se consideriamo che il cambiamento ci ha messo a maggior rischio di sviluppare deformità del tubo neurale che espongono il midollo spinale dopo la nascita, come la spina bifida. Quindi deve essere stato un vantaggio significativo lasciare andare la coda.


Più che una semplice estensione appesa all'estremità della colonna vertebrale, le code sono ancorate in alcune serie strutture anatomiche che circondano la zona dell'anca. Insieme, queste ossa, legamenti e muscoli tirano il corpo in allineamento, permettendo l'equilibrio e - nel caso di alcune scimmie - la capacità di afferrare e manipolare.


Quindi, se gli esseri umani avessero la coda, avrebbero anche bisogno delle anche e dei muscoli per farne uso. Altrimenti, sarebbero poco meglio di un ingombrante pezzo di salsiccia che si trascina sul terreno. E nessuno lo vorrebbe.


Questo non sarebbe un cambiamento da poco. I primati con la coda tendono ad avere spine dorsali più lunghe con qualche vertebra in più, per dare loro la flessibilità necessaria per scivolare abilmente tra i rami.


Le scimmie, d'altra parte, hanno specializzazioni muscoloscheletriche con sezioni lombari più corte che irrigidiscono le loro spine dorsali. Schiene più robuste possono sopportare meglio il peso di una caduta o di un salto, aprendo potenzialmente la strada a corpi più voluminosi o a rapidi salti in rami bassi e discese a terra. 


Per quanto riguarda i muscoli della coda, una vecchia ipotesi suggerisce che non sono mai andati sprecati. Invece, sono stati cooptati come una struttura rigida che presta supporto ai nostri organi addominali come la vescica e l'intestino.


È ciò che ci permette di esercitare un'intensa pressione sul nostro intestino e mantenere ancora tutte le parti carnose al loro posto, dando anche una mano a trattenere l'urina e le feci che potrebbero essere involontariamente spremute fuori.


Con questo in mente, se gli esseri umani avessero code simili a quelle delle scimmie, ci dovrebbero essere alcuni aggiustamenti al resto del nostro corpo. 


Non considerando nemmeno il potenziale spazio cerebrale che avremmo bisogno di concedere per sentire e muovere il nostro nuovo arto intelligente, avremmo bisogno di rimettere quei muscoli del pavimento pelvico per dare supporto a quei muscoli e ossa extra. Questo potrebbe aumentare il rischio di un sacco di ernie e forse un po' di incontinenza, se non richiedere di rinunciare completamente al bipedalismo.


Fino a che punto la riduzione della coda abbia aiutato i nostri antenati a stare in piedi da soli è oggetto di dibattito, così come il motivo per cui sia sparita in primo luogo. 


Ma se i nostri antenati avessero tenuto la coda, è possibile che l'uomo non si sia mai evoluto.


Pubblicato su: sciencealert

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia