I depositi di criptovalute illeciti sono quasi raddoppiati nel 2021, secondo Chainalysis

I depositi di criptovalute illeciti sono quasi raddoppiati nel 2021, secondo Chainalysis


La criminalità basata sulle criptovalute ha raggiunto un nuovo massimo storico nel 2021, hanno detto i ricercatori di Chainalysis in un rapporto pubblicato giovedì.


Secondo il rapporto, gli indirizzi illeciti tracciati da Chainalysis hanno ricevuto 14 miliardi di dollari in depositi nel corso del 2021, quasi il doppio della somma raccolta nel 2020.


Piuttosto che l'estorsione digitale, però, Chainalysis ha scoperto che erano in realtà le truffe legate alle criptovalute, vale a dire la frode legata agli investimenti, e il furto diretto che hanno visto i maggiori salti nel 2021.


Le entrate illecite da truffe sono aumentate dell'82% nel 2021 per un valore di 7,8 miliardi di dollari di criptovalute. I ricercatori attribuiscono gran parte della crescita a un boom dei cosiddetti "rug pulls", uno schema di frode in cui gli sviluppatori mettono in piedi progetti di criptovaluta apparentemente legittimi con l'intento di rubare i soldi degli investitori e sparire.


Degli oltre 2,8 miliardi di dollari persi a causa di truffe "rug pull", circa il 90% può essere attribuito a un exchange Thodex con sede a Istanbul, il cui CEO è scomparso con i fondi degli utenti. Ma ci sono molti altri esempi recenti, compresi i 3,3 milioni di dollari di fondi degli investitori rubati dai creatori di Squid coin, una moneta che prende il nome dal popolare show di Netflix "Squid Game". I ricercatori di Chainalysis hanno tracciato un totale di 24 truffe rug pull nel 2021.


Circa 3,2 miliardi di dollari in criptovalute sono stati rubati nel 2021, un aumento del 516% rispetto ai numeri del 2020, ha detto Chainalysis. Quasi tre quarti di quelle perdite provenivano dai protocolli DeFi, una forma emergente di tecnologia finanziaria che opera su base peer-to-peer piuttosto che attraverso uno scambio. DeFi ha anche visto una crescita significativa dei fondi ricevuti relativi al riciclaggio di denaro.


I criminali sono accorsi alla nuova tecnologia per alcune ragioni, secondo Kim Grauer, capo della ricerca di Chainalysis.


"La natura di DeFi significa che un sacco di codice in questi diversi protocolli sono open source, il che significa che un potenziale criminale può cercare bug nel codice che possono sfruttare", spiega Grauer.


Alcuni investitori potrebbero anche saltare il processo di controllo per paura di perdere grandi ritorni, rendendoli più suscettibili alle truffe, ha detto Grauer.


"Tutte queste cose stanno lavorando insieme per aver creato un ecosistema in cui gli hack DeFi sono esplosi quest'anno", ha detto.


Per quanto riguarda il riciclaggio, la tendenza non è nulla di insolito: i truffatori sono stati storicamente i primi ad adottare tecnologie con il potenziale di proteggere la loro attività dalle forze dell'ordine.


I truffatori hanno anche preso di mira la crescente popolarità delle cosiddette monete meme come il token Shiba Inu. La società di sicurezza Tenable ha determinato che, tra ottobre e novembre, i truffatori hanno guadagnato almeno 239.000 dollari di criptovaluta da truffe che promettono falsi ritorni di investimento sulla moneta.


Sforzi simili hanno afflitto YouTube e altri canali di social media negli ultimi due anni, portando Google a reprimere le truffe di phishing utilizzate per facilitare il furto di criptovalute.


Mentre i problemi di criminalità informatica come il ransomware portano una maggiore attenzione agli usi illeciti della moneta, le forze dell'ordine stanno anche dedicando più risorse al crimine basato sulle criptovalute. Nel 2021 il Dipartimento di Giustizia ha annunciato diversi sequestri di criptovalute incanalate verso i criminali, compreso il recupero di un pagamento di 2,3 milioni di dollari che Colonial Pipeline ha fatto al gruppo ransomware DarkSide.


Nella sua prima sanzione contro uno scambio di criptovalute, a settembre il Dipartimento del Tesoro ha sanzionato lo scambio Suex per aver facilitato i pagamenti ottenuti tramite attacchi ransomware. L'agenzia ha seguito con la sanzione di un altro scambio, Chatex, a novembre. L'Internal Revenue Service ha sequestrato 3,5 miliardi di dollari in criptovalute attraverso indagini non fiscali nel 2021, ha riferito l'agenzia a novembre.


Fonte: cyberscoop

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia