Phil Schneider l'uomo che incontrò gli alieni grigi


L'ascensore scese lentamente nelle viscere della terra, giù per 100 piedi, poi 200, poi oltre. Mentre lo faceva, portava Phil Schneider dalla luce del sole del deserto al buio dell'ignoto.

L'anno era il 1979 e Schneider, un geologo ed esperto di esplosivi, era stato portato come parte di una squadra che lavorava per il governo degli Stati Uniti sull'espansione di una base militare sotterranea vicino alla piccola città di Dulce, New Mexico. Il compito di Schneider era quello di scendere in un pozzo esplorativo e valutare gli strati di roccia sotto la superficie per determinare quali tipi di esplosivi sarebbero stati necessari per un ulteriore sviluppo.

Era esperto in questo tipo di cose, ma quel giorno, Schneider si sentì a disagio. Quando la sua squadra aveva perforato il pozzo, era uscita una strana "aria nera e fuligginosa", che Schneider non aveva mai visto prima. Ora, era vestito con una tuta protettiva, diretto verso il fondo del pozzo con un certo numero di Berretti Verdi armati accanto a lui. Cosa si aspettavano, si chiese? Schneider stesso era armato con una pistola che sperava di non dover usare.

In fondo all'ascensore, Schneider si mise ad esplorare le caverne apparentemente naturali nascoste a quelle profondità. Improvvisamente, girò un angolo e si trovò faccia a faccia con qualcosa di insondabile. Lì, a pochi metri davanti a lui, c'erano tre esseri straordinari. Erano umanoidi, ma grigi e viscidi, con teste enormi e grandi occhi neri puntati su Schneider. Due erano bassi, alti forse un metro e mezzo, mentre il terzo superava i due metri.

Quando le creature iniziarono a muoversi verso di lui, Schneider fu preso dal panico e tirò fuori la pistola, sparando rapidamente alle due creature più piccole e uccidendole. Proprio allora, la grande creatura fece un movimento circolare con la mano e sparò un raggio di luce blu. Il raggio colpì Schneider, facendolo cadere sulla schiena, squarciandogli lo stomaco e facendogli saltare tre dita. La creatura si mosse verso Schneider, come per finirlo, quando all'improvviso, una squadra di Berretti Verdi, stimolata dal rumore degli spari, arrivò a tutta birra dietro l'angolo, con le armi spianate. Furono accolti da un gruppo di creature grigie simili che correvano dall'altra direzione.

Senza preavviso, la morte era tutta intorno a Schneider; una battaglia feroce scoppiò mentre lui giaceva nella terra, incapace di muoversi. Proprio quando pensava che la sua morte fosse vicina, sentì le forti mani di un Berretto Verde, che lo trascinarono fuori dalla lotta e lo gettarono sull'ascensore per tornare in superficie, salvandogli la vita mentre il massacro continuava. L'ultima cosa che Schneider vide mentre l'ascensore cominciava a salire fu il Berretto Verde che lo aveva salvato colpito da un raggio di luce blu.

Questa fu la storia che Phil Schneider raccontò nel 1995 a un pubblico entusiasta all'annuale Preparedness Expo di Orange County, California. Quando la si ascolta per la prima volta, la storia potrebbe sembrare incredibile, fino a quel momento in cui Schneider solleva lentamente la mano sinistra per rivelare tre dita mancanti, dando alle sue parole una qualità viscerale - cicatrici di battaglia. In un'altra intervista, ha anche mostrato le sue cicatrici sullo stomaco e sul petto, e non ha nessuna storia medica di operazioni di questo tipo.

La sua storia potrebbe davvero essere vera? Schneider potrebbe davvero aver, nelle sue parole, "sorpreso un'intera base sotterranea di alieni esistenti" e aver vissuto per raccontarlo?

O forse, la storia di Schneider inizia appena a scalfire la superficie ...

Mutilazioni del bestiame

La mattina presto dell'8 luglio 1996, l'allevatore di bestiame Jesse Gonzales stava andando a controllare la sua mandria fuori Arroyo Hondo, New Mexico, circa 120 miglia a sud-est di Dulce. Quando è arrivato, quello che ha scoperto lo ha scioccato.

Il suo prezioso toro giaceva morto a terra. Ma non solo morto - mutilato. Gli mancavano la lingua e gli occhi, così come i genitali, e un pezzo di pelle era stato rimosso dalla mascella inferiore. Stranamente, i bordi delle ferite erano lisci e scuri, come se fossero stati bruciati o tagliati con un laser. Gonzales ha detto al giornale locale:

"Ho visto cosa fanno i predatori ad una mucca. La lacerano con i loro denti ed è strappata. Non avrei potuto fare un taglio così netto se avessi usato una lama di rasoio".

Inoltre, il toro sembrava che tutto fosse stato risucchiato fuori, come se fosse un peluche sgonfiato. Eppure, non c'era sangue intorno al corpo. 

"Sono un cacciatore professionista di cervi e alci, e macello i miei animali per la carne. Quindi so cosa sembra quando si tirano fuori le budella di un animale. Questo non è stato fatto da qualcosa di umano".

Ma se non è né predatore né umano, allora cosa?


Forse la cosa più inquietante della storia di Gonzales è che non è poi così insolita. Per decenni, i rapporti sono emersi da tutto il paese di persone che hanno scoperto animali misteriosamente mutilati, quasi sempre con le stesse caratteristiche grottesche - occhi, lingua e genitali rimossi, il corpo sgonfiato, una mancanza di sangue ovunque intorno. Negli anni '70, il problema è diventato così grave che l'FBI ha aperto un'indagine sulla questione, ma i loro risultati sono stati inconcludenti.

Tutto questo è abbastanza terrificante. Ma purtroppo, non sono solo gli animali ...


Rapimenti alieni

Nel marzo del 1956, il sergente Jonathan P. Lovette e il maggiore William Cunningham partirono dalla base aerea di Holloman nel sud del New Mexico, con il compito di cercare i detriti di un recente test missilistico esploso da qualche parte nel deserto di White Sands.

Raggiunta la zona, i due uomini si misero a piedi in direzioni opposte. Mentre il maggiore Cunningham superava una delle dune sabbiose, un urlo agghiacciante perforò improvvisamente l'aria dietro di lui. Tornò indietro verso la fonte dell'urlo a tutta velocità, e mentre lo faceva, fu accolto da un luogo orribile. C'era Lovette, trascinato sulla sabbia del deserto da una specie di lungo braccio serpentino che gli avvolgeva le gambe. Il braccio proveniva da una minacciosa imbarcazione argentata, che si librava nell'aria a circa 6 metri di distanza. Cunningham cercava disperatamente di aiutare il suo collega, ma sembrava bloccato sul posto, come se fosse paralizzato. Poteva fare poco se non guardare mentre Lovette veniva tirato nella navicella e questa sfrecciava via.

Mentre lo faceva, Cunningham fu immediatamente in grado di muoversi di nuovo. Corse alla sua jeep e contattò via radio la base dell'Air Force per raccontare l'accaduto. Quelli della base informarono Cunningham che il loro radar stava rilevando qualcosa che si muoveva a velocità incredibile, ma non potevano dire cosa fosse, o dove stesse andando. Impotente, Cunningham tornò alla base, senza sapere dove fosse Lovette.

Poco dopo, l'Air Force iniziò una massiccia ricerca nella zona, perlustrando un raggio di 100 miglia per cercare di localizzare Lovette e determinare cosa fosse successo. Non trovarono nulla.

Poi, tre giorni dopo, Lovette apparve improvvisamente, a non più di 10 miglia dal luogo dell'incidente. Era morto, il suo corpo nudo accartocciato nella sabbia del deserto, mutilato. Gli occhi, la lingua e i genitali erano stati rimossi, il suo corpo svuotato di sangue come se fosse stato sgonfiato. Eppure non c'era sangue intorno a lui, e, si scoprì più tardi, non aveva sofferto del collasso vascolare associato alla morte per emorragia. Inoltre, nonostante il suo corpo fosse scomparso nel deserto da giorni, non mostrava segni di decomposizione. Infatti, nella sabbia a pochi metri dal corpo c'erano le carcasse di spazzini, come se fossero morti mentre cercavano di nutrirsi di Lovette.


Progetto Grunge Rapporto 13

Un rapporto dell'incidente fu poi registrato in un documento governativo di 600 pagine chiamato "Project Grudge Report 13", parte di una serie di 14 rapporti compilati dal titolato Project Grudge, un programma dell'Air Force incaricato di indagare su presunti avvistamenti UFO negli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale.

Stranamente, oggi, i rapporti 1-12, e il rapporto 14, sono stati declassificati e sono disponibili nel pubblico dominio, ma non il rapporto 13. Infatti, il governo nega del tutto l'esistenza di un rapporto 13. Ma perché esisterebbero i rapporti 1-12 e il rapporto 14, se non ci fosse il 13? Ciononostante, ciò che si sa del Rapporto 13 oggi non proviene dal pubblico dominio, ma da due informatori che si dice abbiano avuto accesso al rapporto negli anni '70. Il primo era l'autore e conduttore radiofonico William Cooper, che molti sono ansiosi di scontare a causa del suo ampio lavoro con teorie del complotto ampiamente criticate. Il secondo, invece, fu Bill English, un capitano decorato dei Berretti Verdi che ebbe accesso al rapporto durante il suo periodo con l'Air Force, e in seguito garantì la sua veridicità.

Ci si potrebbe chiedere: se questa mutilazione è qualcosa che si sa che accade agli animali, potrebbe accadere anche agli esseri umani? E se sì, perché? E da chi ... o cosa?


Incidente UFO di Roswell

Il 3 luglio 1947, un allevatore di nome Mac Brazel cavalcava a cavallo attraverso il terreno accidentato intorno a Roswell, New Mexico. Stava cercando di mantenere la sua mente sul suo compito quotidiano, spostare un gregge di pecore da un pascolo all'altro, ma era difficile rimanere concentrato. Come molti dei suoi amici e vicini, aveva visto lo strano oggetto simile a un disco che sfrecciava nel cielo la notte prima, e non poteva smettere di pensarci.

Improvvisamente, la sua mente tornò a concentrarsi quando notò che il terreno su cui aveva cavalcato innumerevoli volte prima era cambiato inaspettatamente. Tutto intorno a lui c'erano grandi pezzi di qualche tipo di metallo e altri strani detriti, da una collina all'altra. A Brazel sembrava che fosse esploso un qualche tipo di aereo.

L'esercito fu chiamato ad indagare, e i primi rapporti sbalordirono la comunità di Roswell. Il Roswell Army Air Field (RAAF) rilasciò un comunicato stampa affermando di aver recuperato un "disco volante", mentre il giornale Roswell Daily Herald pubblicò un titolo che recitava "RAAF cattura disco volante".

Ma poi, solo pochi giorni dopo, la RAAF rilasciò un secondo comunicato stampa, questa volta negando l'esistenza di qualsiasi "disco volante" e insistendo invece che i detriti che avevano trovato erano di un pallone meteorologico precipitato. Il comunicato includeva fotografie di un ufficiale dell'intelligence di nome Jesse Marcel, che era stato tra i primi sulla scena, in posa con quello che sembrava essere un pallone meteorologico distrutto.

E così nacque la grande cospirazione UFO di Roswell.

Nel 2019, coloro che pensavano di sapere tutto quello che c'era da sapere, o non sapere, su Roswell sono rimasti sbalorditi quando, più di 30 anni dopo la sua morte nel 1986, il diario personale di Jesse Marcel è stato rilasciato al pubblico. C'erano voci di quel fatidico momento nel 1947, e non parlavano di palloni meteorologici.


Che cosa hanno trovato?


Marcel aveva scritto,

"Abbiamo trovato ogni genere di cose. C'era una grande quantità di una sostanza insolita simile alla pergamena, di colore marrone ed estremamente resistente, e un gran numero di piccoli pezzi di un metallo simile alla carta stagnola, solo che non era carta stagnola. C'erano piccoli numeri e simboli che abbiamo dovuto chiamare geroglifici perché non riuscivo a capirli. Erano rosa e viola. Sembravano dipinti. Questi piccoli numeri non potevano essere rotti, non potevano essere bruciati, non fumavano nemmeno. Il materiale metallico non solo aveva un aspetto ma si comportava in modo strano. Aveva memoria. Non importava come fosse attorcigliato o appallottolato, ritornava alla sua forma originale, senza rughe. Una donna che vide un pezzo arrotolato gettato su un tavolo guardò con stupore come si dispiegava da solo fino ad essere piatto, e senza rughe, come il piano del tavolo. Quando una torcia ad acetilene veniva accesa su campioni del materiale, si scaldavano appena e potevano essere maneggiati in sicurezza un momento o due dopo".

Ci si potrebbe chiedere perché Marcel dovrebbe mentire su qualcosa che solo lui stava leggendo. Questo ha finalmente dimostrato che i militari avevano trovato un UFO e poi l'hanno coperto? Forse, ma alcuni dicono che hanno trovato più di questo ...

Nel corso degli anni, numerosi informatori si sono fatti avanti descrivendo ciò che i militari hanno fatto dopo aver scoperto i misteriosi detriti. Ricostruendo il percorso previsto dell'UFO prima dello schianto, hanno seguito la traiettoria prevista 2,5 miglia a sud-est, dove hanno trovato un'imbarcazione simile più piccola, intatta, ma chiaramente precipitata. Vicino ad essa giacevano i corpi di quattro piccoli alieni grigi.

Secondo quelli come il capitano Oliver Henderson, che pilotava l'aereo che per primo avvistò i corpi alieni, e il sergente Melvin Brown, che viaggiò in un camion con i corpi dopo il loro ritrovamento, gli alieni erano alti circa 4-5 piedi, umanoidi, ma con grandi teste e grandi occhi neri. Furono immediatamente raccolti e portati in una base militare, e alle persone coinvolte fu detto di non parlarne mai più.

Ma naturalmente la gente parla, non importa quanto severamente gli si dica di non farlo, e la storia non finì lì. Secondo alcuni, l'incidente di Roswell servì come una sorta di primo contatto tra gli alieni e il governo degli Stati Uniti, lanciando una relazione tra i due che sarebbe stata resa ufficiale 7 anni dopo, nel 1954.


Il trattato di Greada

Quell'anno, secondo i resoconti, il presidente Dwight D. Eisenhower programmò un incontro con i rappresentanti degli alieni in una base dell'Air Force nel New Mexico. Lì, si presume che abbia firmato il seminale Trattato di Greada. Questo trattato conteneva un accordo storico, specificando che gli alieni avrebbero dato al governo degli Stati Uniti l'accesso alla tecnologia futuristica avanzata, mentre in cambio il governo degli Stati Uniti avrebbe concesso agli alieni il permesso di rapire alcuni animali e un numero limitato di esseri umani.
Per convincere Eisenhower a firmare, gli alieni avevano accettato di fornire al governo gli elenchi degli esseri umani che avevano rapito, così come di riportare tutti i rapiti nel luogo da cui erano stati presi e di cancellare la loro memoria prima di lasciarli liberi. Tuttavia, dopo alcuni anni, divenne chiaro che gli alieni stavano rapendo più animali e molte più persone di quanto fosse loro permesso, alcune delle quali finirono morte.

È interessante pensare a questo presunto trattato e al suo terribile compromesso se si considerano gli incredibili progressi tecnologici che gli Stati Uniti fecero negli anni immediatamente successivi. Nel giro di cinque anni era stata fondata la NASA, erano stati lanciati satelliti spia, mentre erano stati inventati sia il laser che le fibre di carbonio. In questo modo, i benefici del trattato di Grenada per il governo statunitense sono abbastanza ovvi. Nel bel mezzo della guerra fredda, acquisire tecnologia avanzata con ogni mezzo necessario avrebbe aiutato gli Stati Uniti a vincere.

Ma che dire degli alieni? Perché erano così ansiosi di rapire animali e persone?


Base sotterranea a Dulce, New Mexico

John Lear è nato nel 1942, figlio del leggendario inventore e fondatore della Learjet, William P. Lear. Lungi dall'essere messo in ombra dal suo illustre padre, John Lear sarebbe diventato un rinomato pilota, prima volando su aerei commerciali e poi in missioni per la CIA in tutto il mondo. Ha volato su più di 100 tipi di aerei, diventando l'unico pilota ad avere "tutti i certificati FAA" e stabilendo 18 record di velocità, tra cui il giro del mondo più veloce su un Learjet, stabilito a soli 24 anni.

Ma nel 1985, Lear avrebbe avuto un incontro che avrebbe cambiato la sua vita per sempre. Ad una riunione di piloti della CIA, Lear stava parlando con un ex collega di nome Greg Wilson, un uomo che Lear rispettava profondamente e di cui si fidava. Wilson chiese a Lear se aveva visto i rapporti criptici di quello che divenne noto come l'incidente Lakenheath-Bentwaters, una serie di presunti contatti visivi tra le forze aeree statunitensi e britanniche e gli UFO nel 1956. Quando Lear disse di averlo fatto, Wilson lo informò che i rapporti non erano una cospirazione; l'incidente era realmente accaduto, e lui lo sapeva, perché era stato lì.

Le sue convinzioni fondamentali sul mondo vennero scosse, Lear cominciò a indagare sugli UFO per conto proprio, utilizzando la sua vasta rete di contatti di alto livello guadagnati nel corso della sua carriera per scoprire informazioni a cui altri non avevano accesso. In breve tempo, Lear divenne non solo un credente, ma un leader di coloro che cercavano la verità. Ottenne l'accesso ad una copia cartacea del trattato di Grenada, che, disse, era esattamente come era stato descritto. Ma ciò che scoprì andò anche oltre... e divenne ancora più inquietante.

Nel 1990, rivelò di aver ricevuto "quattro conferme indipendenti" su una base segreta sotterranea nascosta in profondità sotto la terra, gestita congiuntamente dalla CIA e dagli alieni. L'ubicazione della base? Dulce, New Mexico.

Ma non era solo l'esistenza della base ad essere così inquietante. Era quello che succedeva al suo interno. La base, Lear aveva appreso, era profonda sette piani e si estendeva per più di due miglia nel terreno. Ogni piano aveva uno scopo specifico di ricerca, e più si scendeva, più gli esperimenti diventavano terrificanti. Nelle parole di Lear, questi esperimenti includevano "l'inserimento di una minuscola sonda di circa 3 millimetri nel cervello a scopo di monitoraggio e programmazione", così come "l'incrocio genetico tra gli [alieni] e gli umani". Peggio ancora, Lear aveva appreso che gli alieni "hanno un disordine genetico in quanto il loro sistema digestivo è atrofizzato e non funzionale. Per sostenersi usano un enzima o una secrezione ormonale ottenuta dalla lingua e dalla gola delle mucche o degli umani". Questo potrebbe fornire una spiegazione per gli animali, o gli umani, scoperti mutilati e sgonfi.


Phil Schneider

Nello stesso periodo in cui Lear stava mettendo insieme queste scioccanti rivelazioni, c'era un'altra figura che parlava degli orribili avvenimenti della base segreta di Dulce, nel New Mexico - Phil Schneider. Durante i suoi discorsi, egli descrisse gli "esperimenti di giunzione genetica alieno-umano-animale" che stavano avendo luogo, e le "crudeli e sadiche torture" subite da coloro che venivano sottoposti agli esperimenti. Come Lear, Schneider ha spiegato come gli alieni "vedono gli umani come una fonte di cibo", usando "le secrezioni delle ghiandole degli umani e degli animali per le miscele di vitamine nel loro cibo".

Tuttavia, Schneider andò oltre Lear in un aspetto. Affermò di conoscere la ragione per cui gli alieni stavano conducendo questi esperimenti, non per una sorta di contorto amore per la scienza, ma piuttosto, come parte di una "agenda aliena" che cercava "la completa acquisizione di questo pianeta". Lo scopo dell'incrocio e dello splicing genetico era quello di creare una razza ibrida alieno-umana che avesse "la resistenza fisica degli umani insieme alle capacità mentali/psichiche avanzate e alla coesione sociale degli alieni".

In altre parole, gli alieni avevano intenzione non solo di fare esperimenti sugli umani, anche di ucciderli per nutrirsi, ma di sostituirli completamente.

La parte peggiore, secondo Schneider, era che la base di Dulce era tutt'altro che l'unica base che conduceva questo tipo di esperimenti e perseguiva questa agenda. Infatti, nel 1995, ha stimato che 131 strutture simili esistevano in tutti gli Stati Uniti, con quasi 1500 altre in tutto il mondo, tutte collegate da treni magneto-levitonici che potevano raggiungere velocità fino a Mach 2. Si trattava, affermava, di una vasta rete sotterranea ad alta velocità che, secondo le sue stime, era stata usata dagli alieni per rapire 6-7 milioni di esseri umani da quando il trattato di Grenada fu firmato nel 1954.

Per questo motivo Schneider iniziò a tenere discorsi nel 1995, per cercare di dare l'allarme prima che fosse troppo tardi. E nel 1996, stava iniziando a guadagnare un po' di trazione. Aveva quasi completato il suo primo libro, e ogni discorso che teneva era meglio seguito del precedente.

È interessante notare che iniziava tutti questi discorsi dicendo la stessa cosa: "Se mai diranno che mi sono suicidato, saprete che sono stato assassinato".

Forse aveva un motivo per dire questo. Qualche anno prima, Schneider aveva iniziato a pubblicare una rivista chiamata "The Alien Digest" con il suo amico e collega Ron Rummel. Poco dopo l'inizio delle pubblicazioni, Rummel fu trovato morto in un parco di Portland, Oregon, per una ferita d'arma da fuoco alla testa. La polizia lo dichiarò un suicidio, ma gli amici e la famiglia, incluso Phil Schneider, erano sicuri che Rummel fosse stato assassinato.

Schneider non voleva fare la stessa fine del suo amico; voleva che la gente sapesse che non si sarebbe suicidato, e che se si diceva che lo aveva fatto, era una bugia.


La morte di Phil Schneider

Il 17 gennaio 1996, Phil Schneider fu trovato morto nella sua casa dalle autorità, avvisate da amici e familiari che non avevano avuto notizie di Schneider per quasi una settimana.

All'inizio, si disse che la causa della morte era un attacco di cuore, finché il coroner rivelò che avevano trovato abrasioni sul collo di Schneider. Era chiaro che era stato strangolato. La storia ufficiale cambiò rapidamente - non fu un attacco di cuore, ma un suicidio. Secondo la polizia, Schneider aveva avvolto un catetere di gomma intorno al collo e si era soffocato a morte.

C'era almeno una persona che non si bevve la storia - l'ex moglie di Schneider, Cynthia, che lo conosceva meglio di chiunque altro. Come lei ha descritto,

"A Philip mancavano le dita della mano sinistra e il movimento delle spalle era limitato. Credo che fosse fisicamente impossibile per Philip tenere il tubo di gomma nella mano sinistra con le dita mancanti e poi avvolgere il tubo per tre volte con le spalle che avevano un movimento limitato".

Inoltre, Schneider possedeva un'arma da fuoco; se aveva intenzione di uccidersi, perché non in modo rapido e semplice?

Ma c'era di più. Quando, dopo la sua morte, Cynthia andò nel suo appartamento, scoprì che tutte le sue ricerche erano scomparse, tutte le sue fotografie, i suoi materiali, i suoi appunti, i vari metalli alieni che aveva affermato di aver recuperato dalla base di Dulce. Sembrava quasi certo che si trattasse di un crimine, ma la polizia si rifiutava di indagare.

"Se mai diranno che mi sono suicidato, saprete che sono stato assassinato", aveva detto. La domanda è allora: se non è stato un suicidio, chi ha ucciso Phil Schneider? E perché?


Forse perché stava diffondendo un grande segreto, di un mondo nascosto e di un'agenda terribile, di un futuro che traballa sull'orlo del precipizio.


Originariamente apparso su universe-inside-you.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia