I ribelli francesi distruggono massicciamente le reti 5G

 

I ribelli francesi distruggono massicciamente le reti 5G

I ribelli in Francia hanno dichiarato guerra all'infrastruttura della quarta rivoluzione industriale.


Un movimento di resistenza in continua espansione ha sabotato la tanto odiata rete 5G.


Dice un rapporto in tre parti sul sito web di Reporterre: "Le antenne di relè vengono date alle fiamme, i cavi in fibra ottica tagliati, i tralicci sbullonati. Durante la notte, la gente brucia i macchinari da costruzione, attacca i tralicci con le tronchesi o distrugge le apparecchiature elettriche con le mazze".


Anche i veicoli delle imprese di telecomunicazioni sono stati incendiati in almeno 140 attacchi dall'inizio della repressione di Covid, con un costo di decine di milioni di euro per l'industria.

I ribelli francesi distruggono massicciamente le reti 5G

Dice il rapporto:

"Questo è un movimento che sta avanzando sotterraneo, fuori dai riflettori, una rivolta profonda che si diffonde in tutta la Francia".


Pascaline, una combattente della resistenza intervistata da Reporterre, dice di essere stata costretta all'azione da un senso di urgenza: "Viviamo in un periodo di crocevia. Se non facciamo nulla ora, questa industria avrà preso piede in modo permanente".


Pascaline dice che i suoi compagni sabotatori hanno una vasta gamma di background, con Gilets Jaunes e anarchici che combattono insieme ai cristiani che sono ugualmente contrari alla rete fascista New Normal che viene costruita con il 5G.


Con le proteste contro il Grande Reset ignorate, imbrattate e represse dallo stato francese, i dissidenti sono stati costretti a esprimersi più direttamente.


Sono circolati dei testi che chiedono la creazione di un nuovo movimento di "resistenza concreta e non solo simbolica".

I ribelli francesi distruggono massicciamente le reti 5G

Il combattente della resistenza Léon ha detto a Reporterre: "Siamo stati spinti verso il sabotaggio da ragioni molto pratiche. Dopo i Gilets Jaunes, lo Stato ha stretto le viti ed è sempre più difficile respingere il potere nelle strade".


Date le restrizioni Covid, è stato anche impossibile costruire una mobilitazione di massa contro il 5G, ha detto, anche se la maggioranza della popolazione è contraria.


Come nota il rapporto, il movimento di sabotaggio equivale a "un rifiuto di vivere in una società iperconnessa" e "una resistenza a tutto campo alla digitalizzazione del mondo".


Un'altra sabotatrice, Margot, dice che si sta costruendo una prigione a rete di cavi e tralicci.


"Ci vengono raccontate tutte le gioie di una società digitale che in realtà non fa che peggiorare lo sfruttamento, la sorveglianza e il disastro ambientale".


Il business delle telecomunicazioni è, naturalmente, allarmato dalla più grande ondata di sabotaggio in Francia dalla lotta di massa contro le colture GM 20 anni fa.


Il capo di Orange, Stéphane Richard, ha addirittura parlato della necessità di evitare "un Afghanistan delle reti di telefonia mobile, dove dovremo combattere traliccio per traliccio, comunità per comunità, per cercare di installare il 5G".


Come sottolineano i sabotatori, i tralicci sono i centri nevralgici del flusso economico del nuovo tecnocapitalismo. I siti web ribelli parlano variamente di "cordoni ombelicali" e "talloni d'Achille".


La rivoluzione non viene mai trasmessa in televisione e i media mainstream evitano in gran parte di menzionare ciò che sta accadendo, per paura che si diffonda ulteriormente.


Quando l'esistenza dei sabotatori viene riconosciuta, vengono dipinti come fanatici e "teorici della cospirazione".


Nota Léon:


"La teoria del complotto è sempre stata uno strumento retorico per delegittimare un movimento. Lo abbiamo visto con i Gilet Jaunes. Dopo aver giocato le carte dell'omofobia, dell'antisemitismo e del razzismo, la teoria del complotto è diventata il nuovo slogan del potere.


Le autorità cercano di far passare i sabotatori come lupi solitari, come individui isolati. In realtà facciamo parte di un'iniziativa collettiva in Francia e in Europa".


Inutile dire che il sistema in preda al panico sta anche aumentando la sua tradizionale retorica di repressione, usando il termine "terrorista" per infangare ogni resistenza al suo golpe tecnofascista.


Ma può davvero fare qualcosa per fermare quella che è ormai diventata una potente ondata di rivolta?


Pascaline spiega: "Stiamo prendendo di mira questa infrastruttura perché appartiene all'industria digitale ma anche perché è vulnerabile.


"Ci sono decine di migliaia di tralicci nel paese in una rete sempre più fitta e le autorità fanno fatica a controllarli".


Ammette Vincent Cuvillier, capo dell'Ofitem (l'organismo che rappresenta gli operatori delle infrastrutture di telefonia mobile in Francia): "Non è realistico oggi dire che installeremo 66.000 telecamere di videosorveglianza su tutti i tralicci. E siamo chiari: chiunque voglia entrare e distruggere un sito isolato potrebbe farlo".


Fonte telegram worldsignalsteam | world-signals.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia