Le politiche COVID "oscene" servono le grandi aziende farmaceutiche, non le persone, affermano gli esperti

 

Le politiche COVID "oscene" servono le grandi aziende farmaceutiche, non le persone, affermano gli esperti

Da Michael Nevradakis, Ph.D. - childrenshealthdefense


Un gruppo di medici ed esperti medici di fama mondiale che si sono uniti al senatore Ron Johnson (R-Wis.) per una tavola rotonda su COVID ha fatto esplodere la risposta del governo federale alla pandemia globale, definendo molte delle politiche "oscene, assurde, illogiche e non scientifico”.


Un gruppo di medici ed esperti medici di fama mondiale si è unito oggi al senatore Ron Johnson (R-Wis.) per una tavola rotonda sulla scarsa risposta del governo federale alla pandemia globale, la cattura delle agenzie sanitarie statunitensi da parte delle aziende farmaceutiche, la soppressione delle dati e diffamazione dei medici che cercano di curare i pazienti con farmaci riproposti poco costosi ed efficaci.


Il panel ha anche discusso di lesioni da vaccino , decessi prevenibili e nuovi dati che mostrano che i vaccini COVID potrebbero causare "malattie potenziate dai vaccini".


Il dottor Peter McCullough, internista, cardiologo, epidemiologo e leader nel trattamento ambulatoriale dell'infezione da SARS-CoV-2, ha posto le basi per la tavola rotonda con quattro pilastri che crede che l'America avrebbe dovuto adottare per rispondere alla pandemia di COVID .


Il primo pilastro è "limitare la diffusione del virus", ma non attraverso i mezzi raccomandati dal governo come l'uso di un disinfettante per le mani, ha detto McCullough, poiché il virus non si diffonde "con le mani o con le scatole della pizza". Il virus viene effettivamente diffuso da un aerosol nell'aria e da una persona sintomatica all'altra.


Il secondo pilastro è il trattamento precoce e il terzo è l'assistenza ospedaliera, ha detto McCullough. "Non c'è un solo ospedale in America che si stia proponendo come un centro di eccellenza per il trattamento del COVID-19", ha affermato.

McCullough ha affermato che il quarto pilastro è la vaccinazione, che ha riconosciuto come "parte della medicina", ma "mai nella storia umana abbiamo applicato ampiamente le vaccinazioni nel mezzo di una pandemia ampiamente diffusa in cui le persone si ammalano, si stanno riprendendo e si ammalano di nuovo. "

Il dottor Ryan Cole , CEO e direttore medico di Cole Diagnostics, ha affermato che ci è stato detto che il virus è "nuovo", ma è simile all'80% a un virus sperimentato decenni fa.

"Non c'è molto 'romanzo' su questo [virus] a parte il fatto che alcune sequenze sono diverse", ha detto Cole, "ma siamo medici e scienziati e comprendiamo la virologia. Capiamo come funziona una malattia”.

Cole ha spiegato:

“Quindi, un'infezione delle vie respiratorie superiori, un virus, si replicherà nel corpo solo per circa una settimana. A quel punto, hai solo parti residue del virus, quindi questi test che rilevano "oh, sei ancora positivo, sei ancora positivo", no, quelle sono le parti dell'auto, non più l'auto.

“Abbiamo una settimana di intervento in cui magari possiamo provare a intervenire e fermare la replicazione virale. Oltre a ciò, stiamo davvero solo sputando nel vento. Oltre a ciò poi il virus e la fase della malattia diventa infiammatoria e sappiamo con questa particolare malattia, una coagulazione”.


Cole ha detto che i medici sanno da "eoni" come trattare l'infiammazione e la coagulazione, quindi "il semplice costrutto o il concetto che non c'è niente che possiamo fare, andare a casa e lasciare che le tue labbra diventino blu, è un falso costrutto".

Cole ha detto che SARS-CoV-2 è una semplice infezione delle vie respiratorie superiori e che i medici possono curarla e le sequele che si verificano dopo che il virus si è replicato. "Il trattamento precoce salva vite", ha aggiunto Cole.

Il dottor Harvey Risch , professore di epidemiologia presso il Dipartimento di Epidemiologia e Salute Pubblica presso la Yale School of Public Health e la Yale School of Medicine, ha affermato che l'uso precoce dell'idrossiclorochina (HCQ) riduce drasticamente il rischio di ospedalizzazione e mortalità, ma i media ne hanno parlato it up e la Food and Drug Administration (FDA) e l'Autorità per la ricerca e lo sviluppo biomedica avanzate degli Stati Uniti hanno utilizzato i regolamenti sull'autorizzazione all'uso di emergenza per bloccare l'HCQ nei pazienti ambulatoriali, tranne che negli studi randomizzati, studi che alla fine sono stati interrotti per le paure diffuse da una carta falsa .

Risch ha affermato che la FDA "ha organizzato la sua più grande frode di tutti i tempi" emettendo un avvertimento contro l'uso di HCQ nei pazienti COVID al di fuori dell'ambiente ospedaliero sulla base delle informazioni relative al trattamento dei pazienti ospedalizzati. Il COVID nei pazienti ospedalizzati è una "malattia completamente diversa trattata con farmaci completamente diversi", ha affermato.

Johnson ha richiesto due volte i materiali su cui la FDA ha fatto affidamento per emettere il suo avvertimento, ma l'agenzia non ha rispettato.

Risch ha detto:

"All'inizio della pandemia abbiamo sentito che uno dei farmaci che è stato utilizzato nel trattamento precoce, l'idrossiclorochina o HCQ, è stato un punto di svolta e sarebbe stato efficace nel trattamento dei pazienti ambulatoriali COVID se iniziato entro i primi giorni di la malattia, e poi abbiamo sentito uno studio dopo l'altro e resoconti dei media dopo che i media affermavano che l'HCQ non funziona.

“Le affermazioni negative sono continuate per mesi fino a quando i media 'si sono annoiati di tutto questo' e poi si sono comportati come se il caso fosse chiuso. Tuttavia, questa era una farsa".


I resoconti dei media non hanno mai coperto il modo in cui gli studi negativi fossero in realtà studi falsi, ad eccezione della frode Surgisphere, uno studio che è stato pubblicato e poi ritirato, ma non prima di aver influenzato la posizione dell'Organizzazione mondiale della sanità sull'HCQ, ha affermato Risch.

Il dottor Harpal Mangat, un medico di medicina interna, ha affermato che il COVID è una malattia in due fasi.

La prima fase può essere trattata con numerosi antivirali, ha detto Mangat, ma una volta che la malattia entra nella fase infiammatoria - intorno ai giorni da sette a 10 - dovrebbe essere trattata con steroidi ad alte dosi.

Mangat ha detto che i giornali che escono richiedevano il trattamento della malattia durante la fase sbagliata con i farmaci sbagliati.


La corruzione è alla base delle politiche "assurde" e "non scientifiche" dei sistemi sanitari statunitensi

Il dottor Pierre Kory , specialista in pneumologia e terapia intensiva e presidente e direttore medico della Front-Line Covid-19 Critical Care Alliance , ha definito le politiche dei sistemi sanitari statunitensi e la loro "risposta fallita a questa pandemia".

Kory ha detto:

“Alcune delle politiche sono “così oscene, assurde, illogiche e non scientifiche da non essere scientifiche da essere quasi indicibili – cose come non testare i vaccinati, non raccomandare la vitamina D, non controllare i livelli di vitamina D, cose che sono così fondamentalmente di base sulla scienza e la medicina e che hanno evitato.

“Se guardi a queste politiche fallite, c'è solo un modo per capirle. Sono letteralmente scritti da aziende farmaceutiche. Quasi ogni singola polizza serve l'interesse di un'azienda farmaceutica".


Kory ha affermato che ci sono stati numerosi successi al di fuori degli Stati Uniti utilizzando una serie di composti che lui e i suoi colleghi hanno identificato per un trattamento precoce efficace del COVID, quasi tutti farmaci generici o riproposti, inclusa l'ivermectina .

Eppure, negli Stati Uniti, l'ivermectina è considerata un antiparassitario per cavalli, pasta di cavallo, ed è usata solo da analfabeti, ignoranti o non vaccinati, ha detto Kory.

Kory ha indicato molti studi e luoghi in tutto il mondo in cui i ricoveri e i decessi sono stati prevenuti in grandi percentuali attraverso la distribuzione di massa di ivermectina. Ha detto che il farmaco poco costoso ha sradicato completamente il virus nell'Uttar Pradesh, in India.

Le informazioni sull'ivermectina sono state sepolte e soppresse, ha detto Kory. "Le strutture e le politiche delle agenzie sanitarie statunitensi create negli ultimi 50 anni hanno strettamente intrecciato l'industria farmaceutica con le istituzioni sanitarie pubbliche, con il risultato di politiche ripetute che mettono gli interessi dell'industria farmaceutica davanti al benessere dei cittadini statunitensi", ha spiegato.

Kory ha affermato che "l'acquisizione da parte del settore delle nostre agenzie sanitarie, combinata con il loro crescente controllo finanziario sulla maggior parte dei principali media, social media e giornali medici, ha portato alla capacità di sopprimere e/o distorcere ampiamente qualsiasi informazione che supporti l'efficacia di sconti a basso costo riproposti -medicinali brevettuali”.

Questa "guerra decennale contro i farmaci riproposti, condotta con l'obiettivo sempre più pressante di proteggere il mercato di farmaci nuovi, brevettati, oscenamente redditizi e spesso a malapena testati e tossici ha raggiunto l'apice con COVID-19, è un'assurdità, è un'oscenità ed è un crimine", ha detto Kory. "Deve finire".


I medici hanno minacciato l'esenzione dai vaccini mentre la narrativa va in pezzi

Il dott. Aaron Kheriaty , capo dell'etica presso l'Unity Project ed ex direttore del programma di etica medica presso l'Università della California, Irvine Health, ha espresso preoccupazione per la mancanza di consenso informato fornito ai pazienti e ai destinatari del vaccino, mandati che richiedono uno sperimentale Vaccino COVID e l'arduo processo per ottenere i dati degli studi clinici di Pfizer, che dovevano essere rilasciati dalla FDA ai sensi della legge federale il giorno in cui il vaccino Pfizer è stato autorizzato.

Invece, la FDA ha voluto 75 anni per rilasciare i dati su un vaccino che era stato imposto per milioni di americani e ha impiegato solo 108 giorni per esaminarlo.

Kheriaty ha affermato che la convinzione che uno dovrebbe essere "vaccinato per proteggere il proprio vicino" è andato in pezzi quando è stato scoperto che i vaccini non prevenivano l'infezione o la trasmissione del virus mentre l'immunità naturale - il modo migliore per uscire dalla pandemia - è stata ignorata.

Ha affermato che migliaia di medici, incluso lui stesso, hanno perso il lavoro per essersi rifiutati di vaccinarsi con un nuovo vaccino COVID i cui dati sulla sicurezza e l'efficacia rimangono nascosti.

Il licenziamento di Kheriaty è avvenuto dopo aver contestato il mandato di vaccinazione dell'UC Irvine alla corte federale.

Kheriaty ha anche affermato che ai pazienti con controindicazioni pericolose per la vita ai vaccini COVID vengono negate legittime esenzioni ai vaccini COVID perché i medici non possono scriverle senza rischiare la loro licenza medica.

“I comitati medici si stanno comportando in modo molto irresponsabile eseguendo gli ordini dei governatori che vogliono imporre determinati mandati, in questo caso, mandati per maschere facciali e mandati per vaccini, non stanno servendo il bene pubblico e in questo caso, certamente non stanno servendo il interessi dei pazienti", ha detto Kheriaty.

“Non esistono farmaci che vadano bene per tutti, sempre e in tutte le circostanze. È un'idea assurda", ha aggiunto.

McCullough ha affermato che un gran numero di individui è stato escluso dagli studi clinici sul vaccino COVID a causa di preoccupazioni sulla sicurezza, comprese le donne incinte, le donne in età fertile che non potevano garantire il controllo delle nascite, i guariti dal COVID, i sospetti guariti dal COVID e quelli con sierologie positive.

La FDA, Moderna , Pfizer, Johnson & Johnson e AstraZeneca sapevano che i prodotti non sarebbero stati né sicuri né efficaci per queste persone, ha affermato McCullough.

Tuttavia, questi stessi gruppi non vengono esclusi dai mandati. "Il fatto che la FDA e il CDC [Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie] incoraggino e costringano attivamente le persone per le quali il vaccino non è sicuro da ricevere" e potrebbero causare lesioni mortali o non mortali è un atto illecito - "illeciti da parte di coloro che ricoprono posizioni di regolamentazione autorità", ha detto McCullough.

Il dottor Richard Urso ha sollevato preoccupazioni sui bambini che hanno già acquisito l'immunità naturale ricevendo il vaccino perché le persone con immunità naturale non sono state incluse negli studi clinici. Per Urso, "si tratta di salvare vite".

Kory ha detto che la spiegazione più logica del "perché lo stanno facendo" sono i profitti.

Kory ha detto:

“Stanno mettendo i profitti sui pazienti. Non sono scientifiche eppure vengono eseguite e distribuite in tutto il paese. Corruzione. Chiaro e semplice. È corruzione".


I consigli medici, i sistemi ospedalieri minacciano i medici

Il dottor Paul Marik, ex capo della medicina polmonare e di terapia intensiva presso la Eastern Virginia Medical School ed ex direttore della terapia intensiva presso il Sentara Norfolk General Hospital ha perso il lavoro per aver sfidato la politica di Sentara sul trattamento dei pazienti COVID.

Marik ha intentato una causa contro Sentara Healthcare il 9 novembre 2021, sostenendo che l'organizzazione stava mettendo in pericolo la vita dei suoi pazienti COVID impedendogli di utilizzare il suo protocollo di trattamento, che secondo lui ha ridotto i tassi di mortalità in terapia intensiva da circa il 40% a 60 % a meno del 20%.

La causa, che è stata respinta perché Marik non lavora più per Sentara, ha affermato che il divieto di Sentara sull'uso di determinate terapie contro il COVID viola le leggi mediche degli Stati Uniti e della Virginia e il concetto di consenso informato.

Marik ha affermato che ciò che sta accadendo ora è completamente senza precedenti nella storia della medicina e in tutto il mondo.

"Abbiamo il governo federale, le agenzie statali e gli ospedali che dicono ai medici come praticare la medicina", ha detto Marik. «Stanno interferendo con il sacro rapporto medico-paziente. Stanno dicendo ai dottori come essere medici".

Marik ha detto di essere stato costretto a "stare a guardare indolentemente queste persone che muoiono" e quando ha cercato di citare in giudizio il sistema sanitario, sono andati a cercarlo.

"Mi hanno accusato di crimini oltraggiosi", ha detto Marik. “Ero una minaccia così grave per la sicurezza dei pazienti che hanno immediatamente sospeso i miei privilegi ospedalieri perché possedevo e rappresentavo una minaccia così assoluta per questi pazienti, ignorando il fatto che sotto la mia cura la mortalità era del 50% inferiore a quella dei miei colleghi. "

Alla fine, Marik ha perso i suoi privilegi ospedalieri ed è stato segnalato alla banca dati National Practitioner. "Qui stavo difendendo i diritti dei pazienti e questo ospedale - questo ospedale malvagio - ha posto fine alla mia carriera medica", ha detto.

McCullough ha sottolineato che Marik è stato sfidato solo nel suo approccio al trattamento dei pazienti COVID, non nei pazienti con altre condizioni mediche.


COVID più diffuso nelle popolazioni vaccinate

Il panel ha affermato che ora stanno vedendo più casi di COVID in popolazioni altamente vaccinate. Il dottor Robert Malone, inventore della tecnologia mRNA utilizzata nei vaccini COVID, ha affermato che ciò è dovuto a variabili confondenti.

"La FDA sa che uno dei grandi rischi come vaccinologi è la malattia potenziata dal vaccino", ha detto Malone. “Ad esempio, il virus respiratorio sinciziale, o RSV, è una malattia potenziata dal vaccino. Questo è il motivo per cui dobbiamo essere così attenti e cauti con l'introduzione del vaccino e disporre di dati scientifici sufficienti".

Malone ha aggiunto:

“La malattia da vaccino con coronavirus è stata a lungo un problema e ha compromesso ogni precedente sviluppo del coronavirus. Questo è un problema noto, molti di noi che sono in trincea hanno monitorato se stanno emergendo o meno dati che suggeriscono che questi dati si stanno verificando e ora stiamo vedendo dati coerenti con questo. "

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia