Migliaia di persone marciano per onorare il collaboratore nazista della seconda guerra mondiale

Migliaia di persone marciano per onorare il collaboratore nazista della seconda guerra mondiale

Gli ultra-nazionalisti ucraini di estrema destra hanno tenuto una fiaccolata a Kiev sabato sera, celebrando un controverso collaboratore nazista della seconda guerra mondiale. I diplomatici israeliani hanno detto che la marcia "insultava" la memoria dell'Olocausto.


Gli attivisti hanno cantato "Gloria" e "La nostra terra" mentre segnavano il compleanno di Stepan Bandera, un ex leader dell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN), che era allineata con la Germania di Adolf Hitler.

Alcuni portavano ritratti e striscioni con immagini della figura controversa e gridavano "Bandera, vieni a ristabilire l'ordine". Una persona è stata filmata mentre brandiva quella che sembrava essere una spada cerimoniale.


Il corteo si è concluso con una manifestazione davanti all'ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.


L'ambasciata israeliana a Kiev ha condannato la processione. "La glorificazione di coloro che hanno sostenuto l'ideologia nazista, insulta la memoria delle vittime dell'Olocausto in Ucraina", hanno detto i diplomatici in una dichiarazione su Facebook, chiedendo che Kiev indaghi sulle "manifestazioni di antisemitismo" durante la marcia.


Bandera collaborò con il regime nazista nella guerra di Hitler contro l'URSS, e i suoi seguaci furono responsabili di massacri di polacchi ed ebrei. Nel 1959 fu assassinato, per rappresaglia, da un agente sovietico a Monaco, in Germania.

Sanzionare l'Ucraina per la glorificazione del nazismo - Russia

L'Europa deve unirsi in risposta alla rinascita dell'ideologia di estrema destra in Ucraina, dice Mosca

Un alto legislatore russo ha chiesto una risposta paneuropea alla glorificazione del nazismo in Ucraina, dopo che gli attivisti di estrema destra hanno tenuto una fiaccolata a Kiev per il compleanno di un controverso collaboratore di Hitler della seconda guerra mondiale.

Il raduno per celebrare Stepan Bandera, tenutosi nella capitale dell'Ucraina durante il fine settimana, è stato condannato dal presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin. Ha anche attirato l'ira di Israele, che lo ha descritto come un "insulto" alle vittime dell'Olocausto

"È inaccettabile quando, nel 21° secolo, i leader nazisti vengono glorificati di nuovo, coloro che hanno organizzato atrocità, sono stati collaboratori dei nazisti, hanno bruciato villaggi al suolo, ucciso anziani, donne, bambini e neonati", ha scritto Volodin in un post su Telegram.

I paesi europei devono venire con una risposta unificata alla rinascita dell'ultranazionalismo in Ucraina e altrove, ha sottolineato Volodin, rimuginando sull'idea di schiaffeggiare Kiev con sanzioni per aver permesso tali eventi. Il paese sta "scivolando sempre più verso uno stato basato su un'ideologia nazionalista", ha aggiunto.

"Ciò che sta accadendo in Ucraina deve essere condannato dal Parlamento europeo, dalla PACE [il Consiglio d'Europa] e dall'AP OSCE. La sua leadership deve essere ritenuta responsabile per la promozione del nazionalismo, le sanzioni devono essere imposte, tutto deve essere fatto per fermare il suo risorgere in Europa", ha dichiarato Volodin, promettendo di sollevare la questione con i legislatori europei durante i prossimi incontri interparlamentari.

Anche coloro che trascurano tale tendenza in Ucraina devono essere ritenuti responsabili, ha detto il funzionario. Mentre Volodin non ha menzionato nessuno in particolare, ha detto che è "orribile" che alcuni "paesi della NATO" abbiano fornito armi all'Ucraina nonostante la sua deriva di estrema destra.

Migliaia di attivisti neo-nazisti hanno preso parte alla marcia illuminata da fiaccole sabato sera, mentre segnavano il compleanno di Stepan Bandera, un ex leader dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN). Il gruppo insurrezionale, responsabile di massacri di polacchi, ebrei e russi, era allineato con la Germania di Hitler durante la seconda guerra mondiale.

Il collaboratore nazista Bandera è considerato dai nazionalisti ucraini come un "eroe" che ha lottato per creare uno stato ucraino indipendente. Fu assassinato a Monaco, in Germania, nel 1959 da un agente sovietico come ritorsione per i crimini di guerra dell'OUN.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia