Perché le stelle marine stanno morendo? Minacce e come puoi contribuire a salvarle

 

Perché le stelle marine stanno morendo? Minacce e come puoi contribuire a salvarle

A differenza del loro nome, le stelle marine non sono in realtà pesci, ma invertebrati marini. Ecco perché potreste anche vederle chiamate stelle marine. Poiché appartengono alla classe Asteroidea, gli scienziati si riferiscono spesso a loro come asteroidi.


Questi carismatici organismi marini affrontano enormi perdite di popolazione che a loro volta influenzano il loro habitat più ampio. In questo articolo, vi diremo di più sulle principali minacce per le stelle marine, così come quello che si sta facendo per proteggerle.


Minacce per le stelle marine

La principale minaccia a livello mondiale per le stelle marine è ritenuta essere la malattia del sea star wasting (SSW), chiamata anche sea star wasting syndrome (SSWS).


Mentre questo è un problema a sé stante, può anche essere collegato ad altre minacce tra cui l'aumento delle temperature del mare a causa del cambiamento climatico. Indipendentemente, queste minacce hanno il potenziale per diminuire le popolazioni di stelle marine nelle aree colpite. La combinazione della malattia SSW e dell'aumento della temperatura del mare può avere effetti ancora più devastanti.


Quanto vivono le stelle marine?

In tutto il mondo, ci sono quasi 2.000 specie diverse di stelle marine. In natura, la vita media di tutte le specie di stelle marine è di 35 anni. A causa di minacce come il cambiamento climatico e la sea star wasting disease, molte stelle marine non raggiungeranno i limiti superiori della loro età.


Malattia della stella di mare che deperisce

Documentata per la prima volta nel 2013, la sea star wasting disease può causare la mortalità di massa delle stelle marine. Può manifestarsi come una vasta gamma di segni e sintomi diversi, tra cui lo scolorimento, la torsione delle braccia, lo sgonfiamento della stella di mare e le lesioni della parete del corpo.


Le lesioni causate dalla malattia SSW sono spesso bianche e si sviluppano sul corpo o sulle braccia di una stella marina. Quando le lesioni si diffondono, il braccio colpito della stella marina cade. Di solito, la maggior parte delle stelle marine può riprendersi da questa risposta allo stress, ma nel caso della sindrome da deperimento delle stelle marine, il tessuto corporeo rimanente inizia a decomporsi e la stella marina muore subito dopo. Questo avviene di solito attraverso una rapida degradazione, dove la stella marina si scioglie letteralmente.


Questa malattia progredisce estremamente rapidamente e può decimare le popolazioni locali di stelle marine in pochi giorni.


La causa esatta della malattia SSW non è ancora chiara. Mentre le prime ricerche suggerivano che la causa fosse un desnovirus (Parvoviridae), si pensa che questo possa colpire solo una specie di stella marina, la Pycnopodia helianthoides, o stella del girasole. Ricerche più recenti suggeriscono che la causa è più probabile che siano i microrganismi situati nell'interfaccia animale-acqua.


Finora, 20 specie diverse di stelle marine sono state identificate come affette da SSWS. Questa malattia è più comune lungo la costa occidentale dell'America ed è stata registrata dal Messico all'Alaska.


Cambiamento climatico

Si pensa che l'aumento delle temperature dei nostri oceani abbia un ruolo nella malattia SSW. Mentre l'esatto legame tra l'aumento delle temperature e la malattia delle SSW non è ancora chiaro, alcuni scienziati pensano che questo possa essere dovuto al fatto che le acque più calde contengono meno ossigeno ma più alti livelli di nutrienti.


I livelli più bassi di ossigeno nell'acqua di mare rendono più difficile per le stelle di mare diffondere l'ossigeno attraverso la superficie del loro corpo. Se i livelli di ossigeno nell'oceano circostante sono troppo bassi, le stelle di mare non possono ottenerne abbastanza e di fatto soffocano.


Questo effetto è esacerbato dal fatto che le acque più calde contengono livelli più alti di batteri, che sono anche legati alle fioriture algali e alle zone morte oceaniche.


Il problema con livelli più alti di batteri è che riducono i livelli di ossigeno nelle acque in cui vivono. Quando le stelle marine iniziano a morire, questa materia organica diventa disponibile per tutti i batteri nell'area circostante. I livelli di batteri quindi aumentano, creando effetti ambientali ancora peggiori per le stelle marine.

Gli studi hanno anche scoperto che meno stelle marine si trovano in aree dell'oceano con temperature più alte. Nelle aree in cui le stelle di mare non possono ritirarsi in acque più profonde e fresche, c'è una maggiore possibilità che si infettino con la malattia SSW, lasciando intere aree prive di questi organismi marini.


L'impatto della diminuzione delle popolazioni di stelle marine

Quando la popolazione di stelle marine all'interno di un particolare habitat diminuisce, questo influenza le altre specie all'interno della stessa area. Per esempio, alcune specie di stelle marine aiutano a controllare la popolazione locale di ricci di mare. Quando le stelle di mare muoiono, la popolazione di ricci di mare esplode fuori controllo. I ricci di mare poi sovrasfruttano le foreste di kelp. Il kelp è un importante habitat marino e ha il potenziale di sequestrare il carbonio e ridurre i livelli di inquinamento.

Alcune specie di stelle marine sono anche note come specie chiave di volta nei loro habitat. La loro esistenza è critica per la salute dell'intero ecosistema perché forniscono risorse essenziali per altre specie all'interno dell'habitat o controllano la popolazione di specie che potrebbero potenzialmente dominarlo. 

Pisaster ochraceus, una delle specie di stelle marine colpite dalla SSW, è considerata una specie chiave di volta in aree specifiche lungo la costa nord-occidentale degli Stati Uniti. Di conseguenza, altre specie non possono stabilirsi. Questi tipi di cambiamenti di popolazione hanno gravi conseguenze per la salute generale di un ecosistema.

L'evoluzione aiuta le stelle marine

In alcune aree, alcune specie di stelle marine sembrano evolversi rapidamente per far fronte alle minacce.

Gli scienziati hanno confrontato il DNA preso da stelle marine prima e dopo la più grande epidemia di SSW nel 2013. Hanno trovato prove di "microevoluzione", indicando la specie ocra/stella viola (Pisaster ochraceus) ha risposto a questo evento estremo subendo un rapido cambiamento genetico.

Dopo un tasso di mortalità dell'81% tra il 2012 e il 2015, sono state trovate significative differenze genetiche nella popolazione sopravvissuta. C'è stato anche un aumento della densità di giovani stelle marine.

Questo potrebbe essere un evento isolato, e anche se promettente per questa particolare specie, i risultati non indicano necessariamente che tutte le specie di stelle marine saranno in grado di rispondere rapidamente e recuperare dalle minacce ambientali. Bisogna ancora agire per proteggere le specie di stelle marine e i loro habitat.

Cosa si sta facendo per proteggere le stelle marine

Oltre a ricercare le cause della morte delle stelle marine, in particolare le cause della malattia SSW, gli scienziati marini stanno trovando modi per cercare di riequilibrare la popolazione. Una delle principali specie colpite dalla malattia SSW, la stella girasole, è ora sulla lista IUCN criticamente in pericolo.

Gli scienziati dell'Università di Washington stanno allevando le stelle girasole in cattività. L'obiettivo è quello di imparare di più sulla specie e lavorare per reintrodurre in natura le stelle marine allevate in cattività, se necessario.

Molti istituti di ricerca stanno intraprendendo un'azione collettiva che richiede maggiori sforzi per proteggere le specie marine colpite da eventi di mortalità di massa come quelli causati dalla malattia SSW. Il monitoraggio a lungo termine delle popolazioni esistenti è ancora in corso, nel tentativo di capire meglio queste specie marine e il loro più ampio impatto ecologico.

Una petizione federale è stata anche presentata dal Center for Biological Diversity, chiedendo che la stella di mare girasole, una delle principali specie colpite dalla malattia SSW, sia elencata come specie minacciata o in pericolo, secondo l'Endangered Species Act degli Stati Uniti. La concessione dello status di specie in pericolo potrebbe aiutare a informare i progetti di sviluppo costiero che rischiano di avere un impatto sulla popolazione di questa specie già rara.

Come puoi aiutare a salvare le stelle marine

Anche se non vivi vicino alla spiaggia, ci sono azioni che puoi fare per proteggere le popolazioni di stelle marine. Tutti noi abbiamo il potere personale quando si tratta di agire contro il cambiamento climatico, che sembra essere un driver significativo della malattia SSW.

Non essere tentato di portare a casa dalla spiaggia le stelle marine come ricordo. Conservare le stelle marine come decorazione diminuisce la loro popolazione in natura.

Se osservi qualche stella marina che pensi possa essere affetta dalla malattia SSW, invia i dettagli e la posizione a MARINe (Multi-Agency Rocky Intertidal Network). Puoi anche usare questo modulo per inviare i dettagli delle stelle marine sane.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia