Proteste in Kazakistan dopo l'aumento del prezzo del carburante

 

Proteste in Kazakistan dopo l'aumento del prezzo del carburante

Le proteste sono scoppiate in diverse città kazake dopo che il governo della nazione dell'Asia centrale ha eliminato i limiti di prezzo sul gas di petrolio liquefatto (GPL) e il costo della popolare alternativa alla benzina è aumentato.


Aggiornamento Video: Il popolo esplode in violenti proteste contro il governo del Kazakistan


Le proteste pubbliche sono rare - e illegali a meno che i loro organizzatori non presentino un avviso in anticipo - nella repubblica ex sovietica strettamente controllata, il cui parlamento è privo di opposizione.


I raduni hanno coinvolto migliaia di persone. Sono iniziati il 2 gennaio - il giorno dopo l'abolizione dei limiti di prezzo del GPL - nella città di Zhanaozen, il luogo degli scontri più mortali tra manifestanti e polizia dall'indipendenza dall'Unione Sovietica.

NuovoIl popolo kazako tiene in ostaggio soldati dell'esercito che cercavano di fermarli

Massicce proteste in tutto il Kazakistan sullo sfondo del peggioramento delle condizioni economiche, l'aumento del prezzo del carburante.

I manifestanti ad Atyrau hanno rotto il cordone della polizia e si stanno radunando nella piazza principale, diverse strade sono state chiuse.


I manifestanti a Zhanaozen, un centro dell'industria petrolifera nella provincia occidentale di Mangistau, dove decine di persone sono state uccise nelle proteste del 2011 dopo il licenziamento dei lavoratori del settore petrolifero, hanno chiesto che il prezzo del GPL sia dimezzato da 120 tenge (0,27 dollari) al litro al livello al quale il carburante è stato venduto l'anno scorso.


I rivenditori hanno accettato di tagliare il prezzo di un quarto, ma il governo del presidente Kassym-Jomart Tokayev ha detto che ulteriori tagli sono impossibili a causa dei costi di produzione.


Il prezzo era stato precedentemente regolato, ma i funzionari hanno detto che i prezzi artificialmente bassi stavano rendendo la produzione di GPL impossibile.


Le proteste si sono diffuse nel centro provinciale di Mangistau, Aktau, così come in un campo operaio usato dai subappaltatori del più grande produttore di petrolio del Kazakistan, Tengizchevroil. L'impresa guidata dalla Chevron (CVX.N) ha detto che la produzione non è stata colpita.

 Dopo le proteste iniziate oggi in molte parti del Kazakistan relative alla situazione economica e alla decisione di aumentare i prezzi del carburante, il presidente del Kazakistan ha ordinato di ridurre nuovamente i prezzi del carburante e ha ordinato una sessione straordinaria del Parlamento per domani relativa alle richieste economiche delle proteste.

Tuttavia i media locali hanno riferito che le proteste sono aumentate e i manifestanti hanno aggiunto altre richieste politiche. La polizia antisommossa è stata dispiegata e in parte ha portato a scontri e arresti di manifestanti e giornalisti. 

WhatsApp, Signal, Telegram e molti altri dispositivi segnalano problemi di utilizzo in Kazakistan


Nella più grande città del Kazakistan, Almaty, la polizia ha isolato la piazza principale lunedì e martedì. Internet mobile era bloccato nel centro della città.


Tokayev ha detto martedì su Twitter che una commissione governativa ha iniziato a lavorare ad Aktau e avrebbe trovato una soluzione "nell'interesse della stabilità del nostro paese". Ha esortato i manifestanti a comportarsi in modo responsabile.


reuters


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia