Rumble CEO Chris Pavlovski: "Controllano quello che vedi"

 

Rumble CEO Chris Pavlovski: "Controllano quello che vedi"

Da reclaimthenet


Chris Pavlovski, l'amministratore delegato della piattaforma di video sharing a parola libera Rumble, ha avvertito che la controversa proposta di regolamentazione internet del Canada, Bill C-10, darà al governo il potere di "controllare ciò che si vede" e ha notato che questa legge e altre proposte di regolamentazione internet stanno rendendo difficile per aziende come Rumble competere con i giganti della tecnologia.


"La legislazione che verrà che... penso sia ancora più preoccupante è il Bill C-10 in Canada, dove vogliono che il governo regoli effettivamente il tipo di contenuto che stai visualizzando... attraverso la CRTC [Commissione canadese per la radio-televisione e le telecomunicazioni] e pensaci, controlleranno ciò che vedi ora", ha detto Pavlovski durante un'apparizione sul podcast Timcast IRL.


Il disegno di legge C-10 non è riuscito a passare il Senato prima della pausa estiva l'anno scorso ed è attualmente in attesa dell'approvazione del Senato. L'allora ministro del patrimonio Steven Guilbeault, che ha promosso il disegno di legge, ha detto che il suo scopo è quello di "regolare internet e i social media nello stesso modo in cui si regola la trasmissione nazionale". I sostenitori della libertà di parola hanno avvertito che si tratta di una "legge sulla censura che permetterebbe ai governi di controllare ciò che si vede e si dice online".


Mentre non è chiaro se il Bill C-10 passerà, Pavlovski ha notato che il Canada ha proposto altri regolamenti internet che potrebbero essere introdotti nel prossimo anno e che Rumble si sta preparando per potenziali nuove leggi nel paese spostando la sua sede in Florida quest'anno.


Pavlovski ha anche discusso come questi tipi di regolamenti aggiungono complessità e creano barriere all'ingresso per le aziende più piccole come Rumble che stanno cercando di competere con i giganti della tecnologia come YouTube.


"Dobbiamo trovare un modo per soddisfare le leggi di ogni paese", ha detto Pavlovski. "Questo diventa così complicato".


Pavlovski ha detto che Rumble deve avere avvocati che lo aiutano in ogni giurisdizione e che questo rende difficile operare in più paesi.


"La barriera d'ingresso solo per entrare in questo mercato è, è così difficile", ha detto Pavlovski. "Per essere come YouTube e per competere contro YouTube, hai bisogno di finanziamenti significativi, un aiuto legale significativo... è molto da navigare, è così complicato".


Anche se la legge C-10 è attualmente nel limbo, il governo di Trudeau sta spingendo un'altra legge sulla censura di internet - la legge C-36.


"La gente pensa che il C-10 sia stato controverso", ha detto Guilbeault nel promuovere il Bill C-36. "Aspettate fino a quando presenteremo questa legislazione".


Il disegno di legge C-36 propone di ritenere le compagnie di social media responsabili per i "contenuti offensivi" e permetterà ai canadesi di segnalare anonimamente i contenuti offensivi per farli rimuovere. Suggerisce anche multe fino a 50.000 dollari per i "discorsi d'odio" online.


Il Canada è una delle molte giurisdizioni che spingono leggi nazionali sul discorso online che creano le barriere all'entrata per i piccoli concorrenti Big Tech che Pavlovski ha descritto. Il Regno Unito sta spingendo un "Online Safety Bill" che bloccherebbe le piattaforme di social media che non riescono a rimuovere "contenuti legali ma dannosi", l'Australia ha recentemente approvato un "Online Safety Act" che multa le piattaforme che non riescono a rimuovere i contenuti quando ordinato, e la Grecia ha recentemente approvato una legge che criminalizza le "fake news".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia