TikTok sorpreso a ingannare gli adolescenti in "auto-diagnosi" di rari disturbi mentali

 

TikTok sorpreso a ingannare gli adolescenti in "auto-diagnosi" di rari disturbi mentali

I bambini di tutto il mondo vengono programmati da TikTok a credere di soffrire di "rari" disturbi mentali che richiedono un trattamento (spesso con farmaci).


Una giovane donna di nome Samantha Fridley ha detto al Wall Street Journal (WSJ) che è stata diagnosticata dagli "influencer" di TikTok come affetta da depressione all'età di 10 anni.


Fridley dice di essere rimasta sveglia una notte fino alle prime ore del mattino seguente a guardare un flusso infinito di video sul Disturbo Borderline di Personalità (BPD) e altre condizioni rare come il disturbo bipolare e il disturbo di personalità multipla.


"Molti di questi video sono stati fatti da adolescenti o ventenni che cercano di ritrarsi come 'esperti', ma che in realtà non hanno alcuna esperienza formale nel trattamento delle malattie mentali", riporta Zero Hedge.


"Alcuni hanno incoraggiato gli spettatori a eseguire le proprie autodiagnosi a casa, convincendo giovani adulti impressionabili che hanno gravi disturbi".


Dal momento che i bambini e gli adolescenti spesso non hanno molto altro da fare, visto che i Branch Covidiani li hanno rinchiusi tutti, mascherati nell'autoisolamento, molti di loro stanno adottando nuovi personaggi tramite TikTok che li affermano - anche se questa affermazione è falsa e li porta a credere di avere rare malattie mentali.


"Sta diventando un problema dal momento che i giovani che riescono a convincersi di avere questi disturbi potrebbero essere più tentati di indulgere in comportamenti borderline nel tentativo di convincere se stessi, e gli altri, che la diagnosi è legittima", ha riportato ancora Zero Hedge.


"I video di TikTok contenenti l'hashtag #borderlinepersonalitydisorder sono stati visti quasi 600 milioni di volte. Tuttavia, si ritiene che solo l'1,4% della popolazione adulta degli Stati Uniti sperimenti il disturbo, secondo la National Alliance on Mental Illness".


I social media sono un cancro per la società

Il disturbo di personalità multipla, che va anche sotto il nome di disturbo dissociativo dell'identità, è ancora più raro. Solo circa l'1% della popolazione ne soffre, secondo la Cleveland Clinic.

Su TikTok, però, quasi ogni utente può essere potenzialmente diagnosticato con la malattia. E molti di loro si auto-diagnosticano la malattia, visto che l'hashtag #dissociativeidentitydisorder è stato visto più di 700 milioni di volte sulla piattaforma.

"Molti dei video presentano adolescenti e giovani adulti mentre sembrano passare da una personalità all'altra", spiegano i rapporti.

Alcuni cosiddetti "esperti" sostengono che tutta questa auto-diagnosi è in qualche modo una buona cosa perché aiuta a "destigmatizzare" la malattia mentale. Il problema è che molti di questi bambini auto-diagnosticati stanno inondando i fornitori di assistenza sanitaria con malattie inventate che in realtà non hanno.

"Dobbiamo convincere questi ragazzi a rilasciare le loro auto-diagnosi, ma quando ci lasciano, tornano subito in quella comunità TikTok che rafforza le loro convinzioni", dice Don Grant, direttore esecutivo dei servizi ambulatoriali per il centro di trattamento per adolescenti di Newport Healthcare a Santa Monica, California.

Purtroppo, molti utenti di TikTok in realtà si stanno ammalando perché usano TikTok. I bambini di tutto il mondo, a quanto pare, devono essere portati di corsa al pronto soccorso perché i social media stanno facendo marcire i loro cervelli e li lasciano con veri e propri disturbi delle abilità motorie.

TikTok sostiene che sta lavorando su alcune "modifiche" per i suoi algoritmi per aiutare a "proteggere" gli adolescenti e i bambini dall'essere sovraesposti a contenuti che li portano a credere che siano schizofrenici o abbiano la depressione.

"Ho nostalgia dei giorni dei telefoni a filo", ha scritto un commentatore a Zero Hedge. "I giorni in cui sapevi che il tuo amico in fondo alla strada era disponibile perché la sua bicicletta era fuori nel cortile. I vecchi tempi in cui non avevamo gli sms. Parlavamo davvero l'uno con l'altro. I giorni in cui i nostri genitori si fidavano di noi per uscire a giocare tutto il giorno e tornare a casa per cena".

"Quei giorni sono finiti e questo mi fa star male".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia