La Nuova Zelanda paga 1000 dollari ai medici per l'eutanasia dei pazienti con COVID-19

 

La Nuova Zelanda paga 1000 dollari ai medici per l'eutanasia dei pazienti con COVID-19
Da infowars

Inoltre, il governo pagherà circa 1087 dollari ai medici per ogni paziente che eutanasia, secondo Stuff, il giornale più popolare della nazione insulare.


Un gruppo anti-eutanasia chiamato DefendNZ ha inviato una richiesta di Official Information Act il mese scorso chiedendo al governo di chiarire una nuova legge sull'eutanasia chiamata End of Life Choice Act (EOLCA), in particolare per quanto riguarda i pazienti "gravemente ospedalizzati" con Covid.


"Un paziente gravemente ospedalizzato con il Covid-19 potrebbe essere potenzialmente idoneo al suicidio assistito o all'eutanasia ai sensi della legge se un operatore sanitario considerasse la sua prognosi inferiore a 6 mesi?


Il MOH ha risposto il 7 dicembre che "in alcune circostanze una persona con COVID-19 può essere idonea alla morte assistita".


Dal MOH (enfasi aggiunta):

Ci sono chiari criteri di ammissibilità per la morte assistita. Questi includono che una persona deve avere una malattia terminale che probabilmente porrà fine alla sua vita entro sei mesi.


Una malattia terminale è più spesso una malattia prolungata in cui il trattamento non è efficace. La legge EOLC afferma che l'ammissibilità è determinata dal medico curante (AMP) e dal medico indipendente.


L'eleggibilità è determinata caso per caso; perciò il Ministero non può fare dichiarazioni definitive su chi è eleggibile. In alcune circostanze una persona con COVID-19 può essere idonea alla morte assistita.


Grazie alla nuova legge, il governo neozelandese incentiva i medici con pagamenti di 1000 dollari per ogni paziente che si sottopone all'eutanasia.


"I medici ricevono una tassa governativa di 1000 dollari più le spese per ogni morte per eutanasia che eseguono", ha riportato il Catholic Herald, aggiungendo che solo "96 dei 16.000 medici del paese si sono offerti di partecipare, tuttavia, e tutti i 32 ospizi della nazione, tranne uno, hanno indicato che non permetteranno l'eutanasia".


La baronessa Finlay di Llandaff, una professoressa britannica di medicina palliativa, ha detto all'Herald che l'EOLCA tradisce i principi fondamentali della bioetica.


"È bizzarro che un paese che ha cercato di proteggere i suoi cittadini chiudendo completamente da un virus da cui le persone possono guarire completamente... sta ora suggerendo che questi pazienti dovrebbero essere uccisi dai loro medici", ha detto la Finlay. "Questo capovolge l'etica della medicina".


"Non si può davvero prevedere la morte al 100%", ha aggiunto. "Quindi perché non sostenerli mentre stanno morendo e lasciare la porta aperta nel caso siano nel gruppo che sfida tutte le probabilità e si riprende completamente?"


Allo stesso modo, l'American College of Physicians ha condannato l'eutanasia nel 2017, sostenendo che "il suicidio assistito dal medico non è né una terapia né una soluzione alle difficili questioni sollevate alla fine della vita."


Sulla base dell'etica sostanziale, della pratica clinica, della politica e di altre preoccupazioni, l'ACP non sostiene la legalizzazione del suicidio assistito dal medico. Questa pratica è problematica data la natura del rapporto medico-paziente, colpisce la fiducia in quel rapporto così come nella professione, e altera fondamentalmente il ruolo della professione medica nella società.


Inoltre, i principi in gioco in questo dibattito sottendono anche le responsabilità della medicina su altre questioni e il dovere del medico di fornire cure basate sul giudizio clinico, sull'evidenza e sull'etica. Il controllo sul modo e sui tempi della morte di una persona non è stato e non dovrebbe essere un obiettivo della medicina. Tuttavia, attraverso un'assistenza di alta qualità, una comunicazione efficace, un sostegno compassionevole e le giuste risorse, i medici possono aiutare i pazienti a controllare molti aspetti di come vivono l'ultimo capitolo della vita.


Su una nota correlata, la Svezia ha recentemente presentato una "capsula di suicidio", un dispositivo di eutanasia che presumibilmente porta ad una morte "indolore".


Un tempismo notevole.


Sfortunatamente per la fazione dell'eutanasia, la variante Omicron lieve di COVID non causa "malattia terminale" che potrebbe uccidere qualcuno "entro 6 mesi".


Infatti, il tipico virus cinese ha un tasso di sopravvivenza del 99% nella maggior parte delle fasce di età, con l'eccezione degli anziani.


Allora perché l'avallo del governo al suicidio assistito per i pazienti COVID?

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia