Famoso sensitivo avverte: "l'invasione aliena è imminente"


-cospiratori.it invita sempre a mantenere un pensiero critico, che siano vere o false, le informazioni possono sempre farci capire qualcosa-

Il famoso sensitivo israelo-britannico Uri Geller ha avvertito la NASA di prepararsi per un'imminente invasione aliena.


Geller ha riconosciuto che l '"arrivo" avverrà in qualsiasi momento dopo che gli scienziati scopriranno un'enorme fonte di energia a 4.000 anni luce di distanza.


Geller, che possiede un'isola privata nel Firth of Forth, un estuario nel Regno Unito, ha detto ai suoi seguaci di non avere dubbi sul fatto che la scoperta sia correlata all'intelligenza extraterrestre.


E il sensitivo 75enne ha esortato gli esperti di Washington DC, e il resto dell'umanità, ad aspettarsi l'inaspettato.


"Un team di mappatura delle onde radio nell'universo ha scoperto qualcosa di insolito che rilascia una gigantesca esplosione di energia tre volte all'ora ed è diverso da qualsiasi cosa gli astronomi abbiano mai visto prima ", ha annunciato Geller su Instagram.


“Non ho dubbi che questo sia collegato a un'intelligenza extraterrestre molto più alta della nostra. Inizia a decifrare i loro messaggi! Ci stanno preparando per un atterraggio massiccio presto!”


Come riportato da vari media, gli scienziati hanno affermato di non aver mai visto nulla di simile al nuovo fenomeno spaziale prima d'ora.


In un primo momento hanno pensato che potesse essere una stella di neutroni o una nana bianca (nuclei di stelle collassati) con un campo magnetico ultra forte noto come "magnetar".


L'astrofisica Dr. Natasha Hurley-Walker, della Curtin University in Australia, ha affermato che questo oggetto è apparso e scomparso per alcune ore durante le osservazioni.


"E' stato del tutto inaspettato ", ha detto il dottor Hurley-Walker. “È stato un po' inquietante per un astronomo perché non c'è nulla di noto nel cielo che lo faccia. Ed è abbastanza vicino a noi, a circa 4.000 anni luce di distanza. È nel nostro cortile galattico".


Tuttavia, secondo lui, pensa che potrebbe essere una "magnetar di periodo ultra lungo", un tipo di stella di neutroni a rotazione lenta che è stata prevista teoricamente.


Ma ha anche riconosciuto che nessuno si aspettava di rilevarne direttamente uno come questo perché non si aspettava che fossero così brillanti.


Ha inoltre aggiunto che in qualche modo sta convertendo l'energia magnetica in onde radio in modo molto più efficace di qualsiasi cosa abbiano visto prima.


Fonte: ufospain.es

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia